il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Salvate la Sanità

Salvate la Sanità

(28 Novembre 2012) Enzo Apicella
Secondo Monti il sistema sanitario nazionale è a rischio se non si trovano nuove risorse

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale e lavoro)

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Enrico Letta e la sanità, se tanto mi da tanto…

(28 Aprile 2013)

enrilett

Come ci informa Quotidiano Sanità opportunamente, Enrico Letta nel 2009, quando era responsabile nazionale welfare durante la segreteria Franceschini, ebbe a dire. “la sanità, come le pensioni, è finanziata a ripartizione. Sono, cioè, gli attivi a pagare per tutti. E come per le pensioni, dobbiamo scrivere un quadro di regole per la formazione di un pilastro privato complementare, tanto per la fiscalità quanto per il finanziamento degli strumenti”. Nell’occasione di questa esternazione, Letta fece riferimento all’incidenza dei problemi relativi all’invecchiamento e quindi – integriamo noi – alla cronicità, nell’economia generale di una sanità pubblica in crisi. La sottolineatura del peso economico e socio-sanitario della gestione dei problemi della terza età, in particolare della terza età fragile e marginalizzata dall’esclusione sociale e dalla povertà, ci trova d’accordo.

Ciò che non ci trova d’accordo è il ricorso a un pilastro privato complementare nella ristrutturazione dell’edificio della sanità pubblica che ha subito, negli ultimi anni, dei colpi mortali. Vorremmo informare Gianni Letta, vista la responsabilità che si accinge ad assumere, e i ministri del Welfare e della Sanità che nel frattempo la Sanità pubblica è stata fatta pressoché a pezzi. Se la mannaia di altri due miliardi di ticket, come sembra, cadrà sulla sua testa, in Italia sarà economicamente più vantaggioso, per chi potrà farlo, curarsi privatamente che usufruendo del servizio pubblico. Non due, come si è sentito in questi giorni, ma nove milioni e mezzo di persone hanno smesso di curarsi nel 2012 (dati Censis) perché non hanno più i soldi per farlo. Sommessamente, vorremmo informare il “nuovo che avanza” (Letta-Alfano-Berlusconi ecc.) che il SSN pubblico è già, tra servizi forniti in regime di accreditamento e aumento dei costi di quelli pubblici, praticamente sulla strada della privatizzazione. Altro che “pilastro privato complementare

Roberto Gramiccia - controlacrisi.org

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Sanità pubblica: rottamare per privatizzare»

Ultime notizie dell'autore «controlacrisi.org»

4510