il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

25 Aprile

25 Aprile

(25 Aprile 2010) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Stato e istituzioni)

SITI WEB
(Ora e sempre Resistenza)

Occhi puntati sul movimento....Fascismo e Libertà!

(7 Maggio 2013)

banchett

Prima di scrivere questo post, eravamo molto indecisi. Primo perché non è stato facile studiare da vicino cos'è e come si muove questo ennesimo movimento fascista, secondo perché si pensava di lasciar perdere e cadere nel vuoto per evitare di far da propaganda. Alla fine il buon senso ci ha fatto da guida. E allora ecco qua qualche nozione per cercare di capire cos'è l'MFL.

Dal sito del movimento leggiamo che:

Il Movimento politico nazionale FASCISMO E LIBERTÀ-PARTITO SOCIALISTA NAZIONALE, legalmente costituito con atto notarile in data 25 Luglio 1991, ha ottenuto il riconoscimento di liceità con la propria denominazione ed il simbolo del Fascio Repubblicano, dalle SENTENZE DI ARCHIVIAZIONE e/o PIENA ASSOLUZIONE di supposti reati di ricostituzione del disciolto partito fascista e di apologia di fascismo (Legge Scelba) emesse dai Tribunali di MILANO (tre sentenze), ALESSANDRIA, SIENA, TERNI, TRIESTE, CALTANISSETTA, VICENZA, PADOVA, AREZZO, PORDENONE, ORISTANO (Tre sentenze), GENOVA, (due sentenze) BRINDISI, (due sentenze), BRESCIA, PISA, ANCONA, TREVISO, NOVARA, MANTOVA, TERAMO, SONDRIO, SIENA, ASTI, BOLOGNA, TORINO, ALBA(CN), CREMONA con la motivazione:"IL FATTO NON SUSSISTE."

Loro ne sono convinti…..quante bugie ci sono sui libri di storia……..peccato che il peso dei morti (uomini, donne e bambini) gravi ancora sulle loro ignoranti e violenti teste.

Scopo del Movimento è rilanciare le discussioni sul Fascismo mettendo in luce verità e responsabilità omesse dalla storiografia ufficiale, storiografia creata per indottrinare il popolo e che, come ogni menzogna, lascia zone di ombra sulle quali è doveroso indagare. Prima grande certezza del Movimento è che il Fascismo, diversamente da come viene generalmente affermato da molti, è un sistema di governo universale e quindi adatto non solo a governare ogni nazione, ma soprattutto capace di dare risposte e soluzioni alle tematiche di maggiore interesse e importanza di questa porzione di storia mondiale che stiamo vivendo. A chi dice che il Fascismo è superato noi rispondiamo che esso rappresenta l’unica soluzione possibile per il superamento dei maggiori problemi della società moderna, compresi povertà, disoccupazione, morte dello stato sociale, immigrazione, terrorismo, imperialismo globale, capitalismo e comunismo.

A chi oggi crede sia impossibile fare politica con una denominazione come quella del nostro Movimento noi rispondiamo che essere fascisti oggi è possibile, e che l’unica organizzazione che sia oggi disposta a ripartire da dove la storia si era interrotta, ovvero dalla morte del Partito Fascista Repubblicano, è il Movimento Fascismo e Libertà-Partito Socialista Nazionale.
Noi non abbiamo raccolto la triste e disonorevole eredità del neofascismo della Prima Repubblica, in primis quello del Movimento Sociale Italiano, col suo progressivo avvicinamento ai valori della destra borghese e liberalcapitalista da sempre avversa al Fascismo rivoluzionario e profondamente socialista. Noi non abbiamo ereditato l’avvicinamento politico agli USA ed a Israele tipico del MSI e di altri piccoli partiti più moderni spesso legati alla massoneria internazionale e nazionale. Noi siamo fedeli agli insegnamenti del Fascismo Storico, quello del Ventennio e della esperienza della Repubblica Sociale Italiana.

Ecco da dove nasce l’esigenza di dare vita ad un Movimento come il nostro: dal constatare come sia indispensabile oggi portare avanti con fedeltà e coerenza l’ideologia incorrotta e sempre giovane del Duce Benito Mussolini e dalla constatazione che questo compito non può essere delegato ad altri che, in 60 anni di Prima e Seconda Repubblica, mai hanno anche solo osato avvicinarsi alla denominazione “Fascismo” e alle sue eterne simbologie che affondano le loro solide radici nella maestosità dell’Impero Romano.

Un movimento unificatore di ogni Fascismo italico: questo il fine ultimo del movimento, nel quale fare confluire i vari FN, Hammerskin, …. cosa molto preoccupante soprattutto dopo aver assistito all'increscioso aumento dei pestaggi, delle violenze di strada che hanno visto coinvolti simpatizzanti/membri della sinistra italiana, omosessuali ed extracomunitari. La presentazione del movimento conclude affermando:

Noi abbiamo accolto la missione che ci è stata affidata dal Duce col suo mandato finale, col suo testamento, con le sue ultime volontà. Senza timore ma onorati di portare avanti la sua missione, orgogliosi dell’enorme responsabilità assunta, noi del Movimento Fascismo e Libertà-Partito Socialista Nazionale siamo oggi l’unica scelta possibile per i Fascisti d’Italia.

Tra i responsabili del movimento ne citiamo alcuni tra i quali il Dott. Carlo Gariglio (esecutivo nazionale….e crediamo nuovo duce!), Gian Franco Tesauro, Giovanni Montoro, Mirko Poli, Andrea Chessa…….Sarebbe molto interessante spiegare chi sono questi soggetti, ma basta spiegarne soltanto il principale per capire di chi si sta parlando.

Dott. Carlo Gariglio [Resp. nazionale del movimento]

A vederlo smpre un bimbo cresciuto. (Male) ma cresciuto. Laureato in Scienze Politiche a Torino nel 1990, comincia lo stesso anno "a fare politica" nel Fronte Nazionale di Franco Giorgio Freda, venendo condannato in primo e secondo grado a 18 mesi di reclusione con la condizionale per violazione delle “legge Scelba” (tentata ricostituzione del disciolto partito fascista). La Corte di Cassazione in seguito annullerà la condanna di secondo grado, rinviandolo ad un nuovo processo, nel quale venne condannato a 6 mesi di reclusione con la condizionale per violazione della “legge Mancino” (incitamento alla discriminazione razziale). Un anno più tardi lascia il Fronte per entrare nel movimento Fascismo e Libertà fondato nel 1989 da tale Giorgio Pisanò (senatore italiano del MSI). Il movimento fu poi espulso dallo stesso MSI di Gianfranco Fini, in quanto ritenuto troppo estremista. Lavora attualmente ad un blog che si chiama: http://www.lavvocatodeldiavolo.biz/ e che raccoglie parole (tra le quali la più gettonata e divertente è Giudeocrazia…), immagini di un gusto estetico dissacrante ed immani sparate (di indubbia grammatica italiana!) di un uomo che, ormai distrutto dagli eventi, nessuno segue e che sta cercando alla disperata (aiutato da certe nere figure presenti nelle Istituzioni italiane) di costruire un nuovo mostro fascista intorno a se. Il problema (per lui e per loro) è che a differenza di 80 anni fa, i partigiani di oggi non staranno più con le mani in mano a vedere come si svolgeranno gli eventi…..

Linea Rossa

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Ora e sempre Resistenza»

Ultime notizie dell'autore «LINEA ROSSA - Antifascismo e Resistenza»

11446