il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

War!

War!

(27 Agosto 2013) Enzo Apicella
Obama ha deciso di attaccare la Siria, in ogni caso.

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

Siria, il governo vince la battaglia di Qusair

(20 Maggio 2013)

Le truppe di Damasco riprendono la città al confine con il Libano: vittoria strategica. Uccisi 23 militanti di Hezbollah. Assad: "Dopo di me, libere elezioni".

qusaireut

La città siriana di Qusair dopo la battaglia (Foto: Reuters)

dalla redazione

Roma, 20 maggio 2013, Nena News - Truppe siriane e combattenti di Hezbollah hanno ieri ripreso il controllo della città di Qusair, in mano ai gruppi di opposizione al regime di Bashar al-Assad. Secondo quanto riportato dall'Osservatorio Siriano per i Diritti Umani, 52 persone sono morte e 23 militanti libanesi sarebbero stati uccisi negli scontri a fuoco. L'esercito di Assad ha preso il controllo della piazza principale, della sede del Comune e della Chiesa. La tv di Stato siriana ha riportato l'arresto di numerosi ribelli, che tentavano di fuggire vestiti da civili.

La battaglia per Qusair va avanti da settimane: ieri l'esercito da Damasco ha attaccato via terra, casa per casa, dopo una serie di bombardamenti aerei. Una città strategica per entrambi i fronti, perché collega la capitale Damasco alla costa, vicino al confine con il Libano: controllare Qusair significa in parte controllare il Paese. Soprattutto per lo smercio di armi, contrabbandate in gran quantità dalla permeabile frontiera libanese. E la presenza ingente di miliziani di Hezbollah nella battaglia di Qusair ne è la prova: il coinvolgimento del movimento libanese nella guerra civile siriana a fianco di Assad è ormai palese, tanto da spingere nuovamente il primo ministro israeliano Netanyahu a minacciare Damasco di un nuovo intervento militare, dopo i bombardamenti di due settimane fa.

Da tempo il governo siriano era impegnato nella ripresa di Qusair e delle cittadine vicine, nel distretto di Homs, cuore della comunità alawita a cui appartiene il presidente Assad. Immediata la reazione della Coalizione Nazionale Siriana, federazione dei gruppi di opposizione al regime, che ha denunciato "il bombardamento barbaro e distruttivo" della città, avvertendo che una simile azione può far naufragare la conferenza proposta da Stati Uniti e Russia per la fine del mese. Una conferenza che però le stesse opposizioni avevano criticato, perché non prevedeva l'allontanamento immediato di Bashar al-Assad ma un suo possibile coinvolgimento nella transizione, almeno all'inizio.

Dal canto sui Assad ha messo in chiaro la sua posizione: in un'intervista a Repubblica, il presidente siriano ha detto che non si dimetterà fino alla fine del suo mandato, il prossimo anno, e che a quel punto spetterà al popolo siriano - e non a Washington - disegnare il proprio futuro con libere elezioni.

Nena News

4087