IL PANE E LE ROSE - classe capitale e partito
La pagina originale è all'indirizzo: http://www.pane-rose.it/index.php?c3:o38891

 

ROMA E' ANDATA A TORDI,
e non ha fatto la stupida ier sera.

(28 Maggio 2013)

La misura, la delusione, lo scoramento, la rabbia, sono colmi.
Insieme alla fiducia, in moltissimi,
hanno tolto anche la delega al branco di papponi in lizza.
Dicono che
“ha vinto il P.D., ha perso Grillo, ha retto Marchini, è calato il P.d.L.”….
….ma di che parlano?
Parlano, insieme alla pletora dei servi dei servi della carta stampata,
delle loro minoranze politiche ed elettive.
1 su 2 a Roma, e un po dappertutto in Italia, non ha votato,
mettendo in crisi lo sporco lavoro di recupero dell’astensionismo
messo in atto nella passata tornata elettorale nazionale
dal M5stelle ed altri gruppuscoli.
Altro che antipolitica!
Il loro immobilismo, il loro nullismo,
li condanna ad una crisi forse definitiva.
A tutti coloro che, a Roma come altrove, hanno elemosinato inutilmente quel 3% che li avrebbe dovuti portare in consiglio comunale,
non resta che appoggiare il P.D. Marino,
che fa rima con l’agognato strapuntino.
Ciò che unisce questi cercatori della poltroncina perduta
è la preoccupazione per questa onda astensionista, per ciò che è successo, ma soprattutto per ciò che potrebbe succedere in una nuova situazione senza sponde politiche, senza argini,
senza freni ad una rabbia diffusa generata dalla crisi.
La loro democrazia rappresentativa è andata in crisi.
Non si sa piu’ cosa e chi rappresentano.
O forse lo sappiamo molto bene;
rappresentano il dominio clerico-palazzinaro
che in tanti fanno finta di combattere.
Per questo, al ballottaggio piu’ di sempre,
non sceglieremo il nostro futuro oppressore.

MO’ CHE IL TEMPO S’AVVICINA….
P R E O C C U P A T E V I !

combat

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Elezioni 2013»

Ultime notizie dell'autore «COMBAT»

6700