il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale, ambiente e salute    (Visualizza la Mappa del sito )

Alta tecnologia italiana

Alta tecnologia italiana

(15 Marzo 2011) Enzo Apicella
Dopo Fukushima. Il ministro dell'ambiente Stefania Prestigiacomo dichiara che il programma nucleare italiano non cambia

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale, ambiente e salute)

Padroni assassini dell’amianto, il vostro posto è in galera!

La Rete Nazionale per la sicurezza sul lavoro e nei territori a Torino per la sentenza al processo Eternit il 3 giugno

(3 Giugno 2013)

Il 3 giugno la Corte d'Appello di Torino pronuncerà la sentenza di secondo grado per il processo Eternit, il più importante processo per la strage di amianto.

La difesa dei padroni criminali sta cercando di ribaltare la condanna di primo grado per i vertici dell'Eternit, padroni miliardari, lo svizzero Schmidheiny ed il belga De Cartier, che, come scrivono i giudici, con “pervicacia e spregiudicatezza” hanno causato oltre tremila morti in Italia tra i lavoratori e le popolazioni mentre i signori padroni facevano i profitti con l'amianto. "Una tragedia mai vista e mai letta” , come ha commentato il PM Raffaele Guarinello.

I padroni stragisti sono stati condannati a 16 anni di galera per disastro doloso (articolo 434 c.p.) ed omissione dolosa di cautele antinfortunistiche (articolo 437 c.p.), una condanna che è stata anche il risultato della mobilitazione dei comitati popolari e delle associazioni dei famigliari.

Ora uno dei padroni condannati, il barone De Cartier, è morto ed andrà "a giudizio divino" ma non potrà sottrarsi al giudizio di condanna, certamente senza appello, dei lavoratori e delle masse popolari che hanno pagato e pagheranno purtroppo ancora sulla propria pelle con morti e malattie la sete di profitto del sistema del Capitale, lo stesso sistema che ha causato le stragi degli operai della Thyssen come degli operai e delle popolazioni, dall’Ilva come alla Solvay, da Viareggio come all’Eureco, per citarne alcuni dei processi dove la Rete si è mobilitata.

Padroni assassini, elementi della stessa classe sociale che li ha applauditi al loro ingresso ad un'assemblea di Confindustria.

La Rete nazionale, che ha seguito e dato un resoconto puntuale di tutto il processo, partecipa all'udienza d'Appello perché vogliamo la conferma della condanna di primo grado e per i risarcimenti e le bonifiche che vogliamo tutte a carico dei padroni.

Rete Nazionale per la sicurezza sul lavoro e nei territori

6741