il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Vittorio è il vento sulle vele

Vittorio è il vento sulle vele

(29 Settembre 2012) Enzo Apicella
La Estelle salpa per Gaza

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • E' USCITO IL NUMERO 100 DELLA RIVISTA PROSPETTIVA MARXISTA
    (21 Giugno 2021)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    Dieci ragioni per dire" No" al progetto costituzionale europeo

    Una presa di posizione della Sinistra Indipendentista Basca

    (22 Ottobre 2004)

    Come Popolo

    1. - La Carta Magna europea che ci viene proposta proposto afferma che gli stati sono gli unici e veri individui di diritto. La non l'incorporazione del diritto di autodeterminazione dei paesi condanna le nazioni senza stato di Europa alla scomparsa o alla loro assimilazione e trasforma l'Europa in un carcere per i paesi che non dispongono di Stato proprio.

    2. - Il Testo Costituzionale nega la diversità linguistica e culturale riconoscendo solo ufficialmente le lingue e culture dominanti degli Stati membri. Cioè, legalizza la violazione dei diritti linguistici e culturali di milioni di cittadini e cittadine europei.

    Come classe,

    3. - Il Testo Costituzionale da approvare nella sua redazione attuale, non garantisce il riconoscimento dei diritti sociali di tutti gli abitanti residenti nel suo territorio, siano di origine europea o no, non includendo l’ultimo rinnovo della Carta di Torino, cioè, diritto ad un impiego degno, diritto a prestazioni sociali, all'abitazione, alla copertura sociale. Il Testo Costituzionale garantisce unicamente i diritti del capitale e dei settori finanziari e della classe imprenditoriale più potente dell'Europa.

    4. - Ugualmente, la Carta Magna nella sua redazione attuale difende il modello di integrazione economica neoliberista, dando la priorità alla privatizzazione di servizi sociali fondamentali: insegnamento, salute, assistenza sociale, energia ed acqua. L’unica alternativa reale che propone è quella del settore privato, rinunciando in questo modo all'universalità dei servizi sociali.

    5. - Il Testo Costituzionale non garantisce la partecipazione cittadina alla sua gestione e controllo, e stabilisce una politica di immigrazione che nega i diritti più fondamentali delle persone immigranti nell'Unione Europea.In realtà stabilisce due categorie di cittadinanza per i residenti nell’Unione, cosa che suppone la negazione degli stessi diritti per tutte le persone, indipendentemente dal paese di origine.

    6. - Nemmeno il Testo Costituzionale integra la parità di genere, né garantisce l'uguaglianza di diritti tra uomini e donne. Non adotta misure legali destinate a tale fine, per cui regolarizza la discriminazione di genere. È in più, i membri della Commissione diretta da Giscard d' Estaing hanno collocato la parità fuori dei valori della futura Unione Europea.

    7. - Il Testo Costituzionale proposto non garantisce né la difesa dell’ambiente, né il diritto ad un ecosistema pulito e salutare per l’insieme della cittadinanza, né il diritto dei consumatori, stabilendo una politica che niente ha a che vedere con uno sviluppo sostenibile che assicuri il futuro dell'ecosistema per le nuove generazioni

    Come democratici ed antimperialisti

    8. - Il Testo Costituzionale risponde ad una strategia armamentista e militarista. Ciò significa che irrimediabilmente la spesa militare aumenta a detrimento della spesa sociale, poiché l'avviamento del futuroesercito europeo esigerà un costo miliardario che farà bene solo alle imprese armamentiste.  Il suo avviamento intensificherà inoltre il nuovo imperialismo europeo attraverso il mondo, poiché le Forze armate europee dovranno garantire gli interessi delle multinazionali europee attraverso il mondo.

    9. - Il Trattato Costituzionale concede agli stati dominanti la carta di garanti della sicurezza interna dell'Unione Europea. Lo spazio giudiziario  e poliziesco europeo suppone la limitazione delle libertà fondamentali in nome della sicurezza, la giustizia e la libertà. Gli stati impongono il pensiero unico, nello stesso tempo in cui reprimono ogni dissidenza interna europea, a detrimento della democrazia e della libertà di espressione.

    10. - È evidente pertanto che il Testo Costituzionale stabilisce la politica di difesa preventiva tanto nella sua politica internazionale come interna, una politico continuista di quella promossa dagli USA benché in questo caso patrocinata dalla cupola politica e militare europea. In questo senso, nella cornice del Testo Costituzionale si scommette sul mantenimento della NATO come centro di coordinazione della politica imperialista mondiale, dunque l'esercito europeo manterrebbe una certa autonomia militare.

    PER UNA EUROPA ROSSA, VERDE E RESIDENTE

    Come popolo


    1. - Qualunque costituzione europea deve riconoscere il Diritto di Autodeterminazione dei Paesi, unica forma per garantire la sovranità degli stessi. Per ciò, il Testo Costituzionale deve incorporare la Carta Internazionale dei Diritti Civili e Politici, come la Carta dei Diritti Economici, Sociali e Culturali del 1966.

    2. - Allo stesso modo, il Testo Costituzionale deve incorporare la Dichiarazione Universale dei Diritti Linguistici di Barcellona del 1996, unica maniera di proteggere e promuovere la diversità linguistica e culturale della cittadinanza e dei paesi dell'Europa, e non solamente quello di quanti posseggano un Stato.

    3. - Qualunque Costituzione deve riconoscere tutte le istituzioni politiche rappresentative dei Paesi e garantire la loro partecipazione diretta tanto nella gestione come nel controllo dell'applicazione delle differenti direttrici politiche.

    Come classe

    4. - Consideriamo che qualunque Costituzione deve garantire i diritti sociali di tutte le persone che risiedono indipendentemente nel loro territorio del paese di origine. Per ciò consideriamo necessario una nuova carta di diritti fondamentali che raccolga come minimo l'ultima revisione della carta sociale del Trattato di Torino da una prospettiva sociale del 1991. Il diritto ad un impiego degno, alla protezione sociale, all'abitazione, alla formazione ed educazione, ai servizi sociali fondamentali come la sanità, alle infrastrutture sociali che consentano alle donne la partecipazione nella sfera pubblica, etc. devono essere garantiti a tutte le persone.

    5. - Qualunque Costituzione deve proibire tassativamente in tutte le sue attuazioni e normative giuridiche che proponga la discriminazione di genere e proclamare, e garantire l'uguaglianza di tutti i diritti per tutte le persone. La parità tra uomini e donne deve essere riconosciuta come uno dei valori fondamentali che difenda il Trattato Costituzionale come la libertà sessuale dei cittadini e cittadine che non potranno essere discriminati nei loro diritti per il loro orientamento sessuale.

    6. - Qualunque Costituzione deve assicurare l'esistenza di una Corte Suprema, come ultima istanza giuridica, garante di tutti i diritti, individuali e collettivi, raccolti in detto testo.

    7. - Qualunque Costituzione deve riconoscere il diritto a godere di un ecosistema salutare ed alla difesa e protezione della qualità dello stesso per le future generazioni. Nello stesso senso deve garantire una politica integrale e trasversale che assicuri la protezione dell'ecosistema nelle diverse attività economiche e nei mezzi che le stesse utilizzano per portare a termine i loro obiettivi: infrastrutture, no ai progetti di sviluppo selvaggio come il TAV, per esempio, equipaggiamenti, etc. d'altra parte qualunque Costituzione deve disporre di un protocollo che abolisca il trattato di Eurotom, e al suo posto, presenti un protocollo di energie alternative.

    Come democratici ed antimperialisti

    8. - Qualunque Costituzione deve regolare in modo flessibile le distinte formule di democrazia partecipativa, tra esse l'iniziativa legislativa popolare, consultiva ed il diritto di referendum, come proposte che facilitino l'intervento cittadino nei processi di deliberazione e decisione e nel controllo e revoca di incarichi pubblici, esigendo in qualsiasi caso una maggiore trasparenza informativa e la epurazione immediata di responsabilità di corruzione.

    9. - Qualunque Costituzione deve respingere tutte le legislazioni ed istituzioni giuridiche speciali antiterroriste, le quali violano sempre i diritti umani più fondamentali. La Carta Magna deve abrogare nel suo contenuto la Convenzione di Schengen, come ogni politica repressiva nell'ambito dell'immigrazione. Respingerà ugualmente tutte le" Liste Nere" individuali e collettive stabilite negli ultimi anni e regolerà il diritto di asilo politico delle persone.

    10. - Qualunque Costituzione deve creare chiaramente una cornice legale antimilitarista ed antibellicista che garantisca la smilitarizzazione e la denuclearizzazione. Con essa l'Europa smetterebbe di essere membro della NATO ed in conseguenza stabilirebbe una politica estera contraria a qualunque forma di imperialismo o di dominazione nel mondo, per cui sarebbe pienamente contraria alla politica internazionale nordamericana.

    EUSKAL HERRIA 2004

    SINISTRA INDIPENDENTISTA BASCA

    Fonte

    Condividi questo articolo su Facebook

    Condividi

     

    Ultime notizie del dossier «Il polo imperialista europeo»

    5337