il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Five o'clock tea

Five o'clock tea

(18 Settembre 2010) Enzo Apicella
Papa Ratzinger in visita in Gran Bretagna

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Stato e istituzioni)

SITI WEB
(Stato e istituzioni)

Elezioni. De profundis per Alemanno e il Pdl

(10 Giugno 2013)

Scompare con Alemanno il centrodestra romano: corrotto, clientelare e nepotista. Un astensionismo spaventoso manda alle urne soltanto chi aveva un interesse diretto nell'eleggere uno o l'altro. E quelli che vivono col "naso turato" ogni turno elettorale.

alemagnomarin

A Roma, come facilmente prevedibile, Marino prevale largamente sul peggior sindaco che Roma ricordi. Pochissimi votanti (poco più del 40%; il 48,5 in tutta Italia), al chirurgo del Pd va il 64% di questo poverissimo bottino- All'ex "sindaco con la celtica" il 36%, ovvero sì e no il 15 degli aventi diritto. Quanto aveva storicamente l'ex Movimento Sociale; non un voto in più
Risultati simili in tutti gli altri capoluoghi di provincia in cui si nominavano sindaci con il ballottaggio. Persino a Siena, dove lo scandalo MontePaschi ha fatto eleggere un dipendente della banca come sindaco. Così non ci saranno più problemi di trasmissione tra l'istituto e il primo cittadino...
A Brescia, teatro della più corale e popolare delle contestazioni a Berlusconi, passa il centrista Del Bono. Pare proprio che il Cavaliere abbia perso il "tocco magico".
Il vuoto che si è aperto tra rappresentanza politica classica ("votate per me che vi prometto tante cose, poi farò quel che voglio o quel che posso") diventa una voragine. Che ovviamente l'improvvisazione grillina non poteva riempire e che ora sta minando alle basi il M5S.
Certo, un movimento con tutt'altre caratteristiche - radicato nei conflitti sociali e orientato a un cambiamento radicale del modo di produzione - avrebbe in questa crisi moltissime carte da giocare. Sul terreno politico, non su quello elettorale: chi si candida, in questa situazione, è morto in partenza.
E non saranno quindi i vecchi tromboncini dela sinistra radicale a potersi credibilmente proporre per questo compito.

Un primo giudizio politico si può comunque dare.
Il Pdl perde tutte le grandi città e sembra soffrire più del Pd la mancanza di una lotta a sangue sul piano elettorale. L'impossibilità di vincere, a destra, cancella anche la partecipazione ("se non ci guadagno niente, che voto a fare?"). Mentre nell'area ex Pd il "voto utile" ("voto contro qualcuno, non per i miei interessi come settore sociale") resta ancora in piedi; logoro, indebolito, passatista, ma ancora sufficiente a garantire uno "zoccoletto" elettorale. Che, se nessun altro vota, può addirittura esser sufficiente a vincere.
Questo risultato, comunque, dovrebbe convincere il Cavaliere a lasciare in piedi il governo Letta almeno fin quando il vento non dovesse cambiare a suo favore. Bisognerà vedere come reagirà la sua "base" - i cacciatori di subappalti e prebende, consulenze e favorotismi - a un periodo di digiuno anche prolungato. E alla "tosatura" reddituale che le politiche della Bce impongono anche per questi settori sociali.
In altri termini, il "blocco sociale" berlusconian-leghista sembra a un passo dalla dissoluzione. Determinati interessi, insomma, non hanno più legittimità economica né politica; né quindi una "sogno" in grado di tenerlo insieme.

Redazione Contropiano

8116