il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Gugliotta

Si apre una finestra sui metodi della polizia italiana

(14 Maggio 2010) Enzo Apicella
I TG trasmettono l'intervista a Stefano Gugliotta, che porta i segni del pestaggio immotivato da parte della polizia

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Storie di ordinaria repressione)

  • Senza Censura
    antimperialismo, repressione, controrivoluzione, lotta di classe, ristrutturazione, controllo

Libertà per Bahar

Arrestato a Madrid Bahar

(20 Giugno 2013)

Rischia l'estradizione in Turchia

bahark

Bahar Kimyongür

LIBERTÀ PER BAHAR KIMYONGÜR
NO ALL’ESTRADIZIONE IN TURCHIA

Il portavoce belga del Comitato contro l'ingerenza in Siria, autore di molti articoli (vedi anche “nuova unita” 5-6/2012) e pubblicazioni che dimostrano l’ipocrisia dei governi europei in Siria, è stato arrestato a Madrid in Spagna. Ora si trova ad affrontare l’estradizione nella tanto “democratica” Turchia - molto apprezzata dal governo italiano, in particolare dal Ministro degli esteri - che ha emesso un nuovo mandato internazionale di arresto segreto contro Bahar (che era stato assolto un decennio fa dalla giustizia belga per accuse arbitrarie).
Il governo turco, dopo la feroce repressione degli ultimi giorni contro i manifestanti - che rifiutano sfruttamento, oppressione di vent’anni di fascismo mascherato e austerità -, uccidendo, arrestando ed impedendo che i feriti siano curati, allarga la sua azione all’estero contro chi cerca di smascherare i piani dell’imperialismo europeo e statunitense contro la Siria.
Bahar è un militante non è un terrorista, è figlio di un minatore turco trasferitosi in Belgio. Terroristi sono coloro, come il genovese Delnevo, che si è convertito all’islam, mentore di Osama bin Laden, lasciato libero di sostenere “siamo terroristi e il terrore è un obbligo nel credo di Allah” e reclutava altri italiani per combattere in Siria con i cosiddetti ribelli.
Solidarietà con Bahar condannando la violazione della libertà di espressione, una vendetta dei politici allineati con gli Stati Uniti, Israele e Turchia!
Libertà per Bahar e di lotta contro la guerra imperialista!

Comitato Comunista Firenze “Fosco Dinucci”

3742