il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Usciamo di casa

Usciamo di casa

(28 Settembre 2012) Enzo Apicella
Sciopero generale del Pubblico Impiego

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Lotte operaie nella crisi)

ESTATE PIOVOSA, CI SARA' UN AUTUNNO CALDISSIMO

(27 Giugno 2013)

estapiovosa

PER ORA…

Il governissimo ha scelto la via del rinvio e/o del basso profilo. Per ora non aumenta l’IVA, la rinvia a ottobre; per ora non fa pagare l’IMU, la rinvia a ottobre; per ora non fa assolutamente nulla di serio sull’occupazione se non qualche sgravio che non produrrà molto.


INTANTO…

Grazie al Financial Times, e non a Repubblica che ne ha curato lo scoop italiano, scopriamo che stiamo peggio della Grecia e che, proprio come la Grecia, all’epoca in cui era necessario dimostrare che avevamo i requisiti per entrare nell’area euro, abbiamo nascosto ben 160 miliardi di titoli derivati che lo Stato aveva acquistato per rifinanziare il proprio debito e che ora stanno arrivando a scadenza.
Nel caso della Grecia la Troika è intervenuta con misure pesantissime e devastanti che in meno di un anno hanno ridotto il paese sul lastrico e la stragrande maggioranza dei Greci alla fame. Non è da marziani immaginare un analogo intervento anche sull’Italia, magari ad ottobre.


NEL MENTRE…

Sul fronte dell’occupazione, della precarietà, del salario, dei contratti, delle pensioni tutto è assolutamente fermo. Addirittura per il pubblico impiego la Commissione lavoro della Camera, presieduta dall’ineffabile ex Ministro del lavoro Cesare Damiano, dichiara lecito il blocco economico dei contratti fino e oltre il 2014 ma, bontà sua, dice che si può rinnovare la parte normativa, che è quella attraverso cui si riducono i diritti dei lavoratori, le trattative potrebbero cominciare ad ottobre.


AD OTTOBRE…

Sarebbe il caso che le lavoratrici e i lavoratori, i disoccupati, i precari, i pensionati, chi è senza redito e/o senza casa, chi si batte per difendere il territorio o le proprie città dalle devastazioni ambientali, chi non arriva più con il salario alla metà del mese, chi è senza contratto, chi è senza presente e non vede futuro decidesse che si può lottare, assieme, per cacciare questo governo e questa politica. Per ricominciare a contare.

USB

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Lotte operaie nella crisi»

Ultime notizie dell'autore «USB Unione Sindacale di Base»

3237