il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Gugliotta

Si apre una finestra sui metodi della polizia italiana

(14 Maggio 2010) Enzo Apicella
I TG trasmettono l'intervista a Stefano Gugliotta, che porta i segni del pestaggio immotivato da parte della polizia

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • DALLA TORNATA ELETTORALE DEL 20/21 SETTEMBRE UTILI INDICAZIONI PER LA BORGHESIA
    Corsa contro il tempo per l'instaurazione di un "governo forte"
    (23 Settembre 2020)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    APPUNTAMENTI
    (Stato e istituzioni)

    SITI WEB
    (Storie di ordinaria repressione)

    • Senza Censura
      antimperialismo, repressione, controrivoluzione, lotta di classe, ristrutturazione, controllo

    Solidarietà ai compagni di Reggio Emilia

    (30 Giugno 2013)

    solregg

    I comunisti internazionalisti esprimono la loro solidarietà a Ciro e Riccardo, del Collettivo R60 di Reggio Emilia, condannati rispettivamente a 2 anni e 1 anno e 4 mesi, nonché al pagamento di un'ammenda di 5.000 euro a testa, con l'accusa di avere fatto scritte murali contro il TAV e alcuni rappresentanti delle istituzioni.

    La pena è abnorme, ma in un periodo di crisi profonda e instabilità politica come questo in cui, tra l'altro, organi di polizia e "addetti ai lavori" agitano lo spauracchio di un ritorno di fiamma del terrorismo (per fare a loro volta del terrorismo psicologico sul proletariato), anche il più innocuo sconfinamento dalla legalità borghese viene perseguito duramente. Indipendentemente dalle posizioni politiche espresse dai compagni oggetto della repressione, la lezione che se ne trae è persino ovvia: il capitalismo non deve essere messo in discussione, né con la presenza in piazza, e nemmeno con le scritte sopra i muri.

    Le cariche di questi ultimi mesi, da Piacenza, Anzola Emilia, Granarolo a Pomigliano, dai lavoratori della logistica agli operai, le denunce, a Modena, nei confronti di chi protesta contro i lager disumani chiamati CIE, sono lì a dimostrare che "antagonisti" o "insurrezionalisti" sono etichette usate strumentalmente da una borghesia che non vuole ammettere che a essere colpiti dalla sua repressione non sono solo i militanti politici "sovversivi", ma spesso e volentieri “semplici” lavoratori salariati. Ciro e Riccardo, oltre a essere lavoratori e, dunque, sfruttati, sono colpevoli di non stare al gioco e di fare della militanza il loro progetto.

    Rinnoviamo quindi a loro tutta la solidarietà politica e umana, così come a coloro che, schierandosi sul terreno della lotta di classe, sono vittime della repressione borghese.


    Sabato, June 29, 2013




    Documents

    IB - Partito Comunista Internazionalista (Battaglia Comunista)

    3694