il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale, ambiente e salute    (Visualizza la Mappa del sito )

Dio

Dio

(15 Gennaio 2010) Enzo Apicella
Un terremoto devasta Haiti

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale, ambiente e salute)

Capitale, ambiente e salute:: Altre notizie

CUBA. TUTTI IN BICI PER GARANTIRE LA MOBILITÀ

(3 Luglio 2013)

Recuperare l’uso della bicicletta per decongestionare il caotico traffico dell’Avana e sopperire ai lacunosi trasporti pubblici: è quanto si prefigge il governo, come preannunciato dal vice presidente Marino Murillo in un rapporto presentato al Consiglio dei ministri.

Nella sua analisi sui trasporti, Murillo ha giudicato inadeguato il servizio degli autobus e delle barche che attraversano la baia dell’Avana, nonché “instabile e limitato” l’utilizzo del treno. In generale ha osservato che “i trasporti sono mal gestiti e cari” e in molti casi i veicoli a disposizione non hanno i requsii tecnici per circolare. I principali pezzi di ricambio così come buona parte del carburante sono acquistati al mercato informale, “la cui fonte principale – ha detto – è il sistema statale”. Questi e altri problemi saranno risolti a detta di Murillo mantenendo e migliorando il servizio di trasporti di base statali ma rilanciando e forme di mobilità alternative, prima fra tutti la bicicletta.

L’uso massiccio della bici (di fabbricazione cinese o vietnamita) si diffuse nell’isola negli anni ‘90 e, soprattutto nella capitale, divenne una valida alternativa ai trasporti resi critici dalla drastica riduzione delle fonti energetiche provenienti dall’ex Unione Sovietica. Nel 1991 al’inizio del cosiddetto ‘periodo speciale’ decretato a Cuba a seguito del crollo del blocco sovietico, i ciclisti all’Avana erano circa 30.000; alla fine del decennio erano oltre 700.000 gli habaneros che usavano la bici per recarsi a scuola o al lavoro.

Ma quasi subito si cominciò a soffrire della mancanza di pezzi di ricambio o dalla loro pessima qualità: le officine specializzate pullulavano per tutta l’isola ma finirono per esserene così pregiudicate da limitarsi a offrire servizi di riparzzione delle gomme o per problemi minori. Oggi l’uso della bicicletta resta un privilegio a causa degli alti prezzi del mezzo, nonostante sopravviva sul territorio nazionale il servizio di bici-taxi.

[FB]

Misna

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie dell'autore «MISNA»

6675