il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Usciamo di casa

Usciamo di casa

(28 Settembre 2012) Enzo Apicella
Sciopero generale del Pubblico Impiego

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale e lavoro)

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Capitale e lavoro:: Altre notizie

Sciopero in tutto il Brasile, prime mobilitazioni nel porto di Santos

(11 Luglio 2013)

La mobilitazione decisa alla fine di giugno è stata indetta dalla Cut e da altre sigle minori oltre che dal Movimento dei Senza Terra

sciopbrasi

Non si fermano scioperi e mobilitazione in un Brasile sempre più desideroso di voltare pagina. Nuove mobilitazioni contro il governo sono in programma oggi in una ventina di Stati del Brasile e sono state anticipate da uno sciopero cominciato nel porto sud-orientale di Santos, a San Paolo, lo scalo marittimo più importante dell’America Latina, A Santos gruppi di lavoratori che invocavano miglioramenti salariali protestando contro una nuova norma per regolamentare il settore hanno bloccato l’accesso al porto interrompendo le operazioni di carico dei container. I sindacati respingono un decreto presidenziale approvato a giugno mirato ad attrarre investimenti per ampliare e modernizzare i congestionati porti del gigante sudamericano. Il testo stabilisce nuove regole per le concessioni di porti pubblici e l’apertura di porti privati, aprendo il mercato anche a imprenditori non iscritti all’Organo di gestione della manodopera e ha già sollevato dure critiche. La mobilitazione di Santos introduce la “Giornata nazionale delle lotte”, convocata dai cinque sindacati più importanti del paese, pur divisi da diversi orientamenti politici. L’obiettivo è però comune: ottenere la riduzione della giornata lavorativa, l’aumento delle pensioni di anzianità e più in generale migliori condizioni. Anche in questo caso scenderanno in piazza i lavoratori portuali: secondo i sindacati il Brasile ha 34 porti pubblici e 129 a gestione mista che danno lavoro a 80.000 persone. Proteste sono previste, tra l’altro, a San Paolo, Rio de Janeiro, Brasilia, Belo Horizonte, Porto Alegre, Salvador e Recife.

La presidente Dilma Rousseff – ha fatto sapere la Agência Brasil – è pronta “a dialogare e ad ascoltare le strade”.

liberazione.it

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie dell'autore «Liberazione»

8460