il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale, ambiente e salute    (Visualizza la Mappa del sito )

Africa domani

Africa domani

(23 Novembre 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale, ambiente e salute)

Intervista a Lilli Centofanti, sorella di Davide, uno dei ragazzi morti nel crollo della Casa dello Studente dopo il terremoto di L’Aquila nel 2009

(12 Luglio 2013)

Intervista a Lilli Centofanti. Le riflessioni, la testimonianza e la commozione della sorella di Davide, uno dei ragazzi morti nel crollo della Casa dello Studente in seguito al terremoto di L’Aquila nel 2009

Lillicent

L'Aquila dopo il devastante terremoto del 6 Aprile 2009 ha visto un'attenzione mediatica, e istituzionale, fortemente discontinua. Altissima negli anniversari, quando improvvisi moti di commozione(più o meno vera, più o meno presunta) e di retorica hanno raggiunti dei picchi, e quasi sempre silente negli altri mesi. Nelle ultime settimane (anche se solo parzialmente, e senza grandi "fari" nazionali) il destino sembra essere tornato al centro dell'attenzione, anche politica. Dopo 4 anni di vera e propria agonia, e di un senso di abbandono da parte dello Stato, la cronaca sembra dirci che la mancata ricostruzione è diventata una questione (o almeno si tenta) da affrontare. Ne abbiamo parlato con Liliana Centofanti, sorella di Davide (uno dei ragazzi morti nella Casa dello Studente). Riportiamo in questo articolo alcune delle riflessioni e la testimonianza che Lilli ci ha rilasciato.

Il sindaco Cialente nelle ultime settimane si è reso protagonista, anche con gesti eclatanti (come la riconsegna della fascia tricolore a Napolitano e l'ammainare le bandiere dalle sedi istituzionali), di una fortissima protesta nei confronti del Governo per richiedere lo stanziamento di fondi per la ricostruzione. Come è stato possibile che si sia arrivati solo oggi a questa situazione
?

Cialente, nell'immediatezza del dopo terremoto, è apparso come mancante di "polso" e non adeguato alla gestione della terribile emergenza. Si è creata, quindi, una situazione che ci si è portati dietro fino ad oggi e che, complice l'assetto politico tanto nazionale quanto locale regionale però, non coinvolge solo Cialente. E' apparso impossibile persino sgomberare "due strade in croce" dalle macerie. Una cosa assurda!
Per riprendersi dallo shock di quella notte ci vogliono anni, e probabilmente questa ripresa è avvenuta solo in parte. Mi ha fortemente colpito, in occasione della Rivolta delle Carriole del 9 maggio 2010, vedere lo stesso giorno sfilate pro Bertolaso e in difesa della Protezione Civile. Lungi da me entrare nel merito delle opinioni politiche altrui, ma credo che quanto avvenuto sia sotto gli occhi di tutti, dalle new town al vero e proprio "esperimento sociale" della Protezione Civile basato sul frammentare la popolazione: così è chiaro che i tempi di reazione si allungano. Quanto è accaduto in quei mesi del 2009 forse lo capiremo solo tra tantissimi anni, gli aquilani rimasti sono stati terrorizzati e trattati come "sovversivi". Eppure non chiedevano altro che il rispetto della loro dignità. Vedere militari e carabinieri in tenuta anti-sommossa nelle tendopoli e in città è stato incomprensibile. Il racconto di quei giorni egregiamente riportato nel libro "L'Aquila non è Kabul".

Come vedi oggi la situazione in città?

Capire cosa accadrà è difficilissimo. Certamente oggi demoralizza vedere l'indifferenza di molti alle sorti della città, ripiegati sulla ricostruzione delle proprie vite personali. E colpisce il silenzio che si percepisce in città, è un silenzio che schiaffeggia.

E il futuro?

Sono tante le domande sul futuro. Come è possibile (come leggiamo anche dalla cronaca di questi giorni) che i fondi non sono stati ancora sbloccati? Fino a stamattina leggevo sui quotidiani del balletto di cifre. Ma dove sono i fondi raccolti dalla Protezione Civile, i milioni di euro raccolti nelle settimane dopo il 6 Aprile? Io sono studentessa di Architettura, i nostri ingegneri sono famosi nel mondo, all'estero sono considerati tra i migliori. Perché in Italia non riescono? Ci sono dei "meccanismi a sistema" e una cultura profondamente sbagliati. Non bisogna considerare importante solo la casa che crolla, ma soprattutto la vita, il vissuto, che viene cancellato. A L'Aquila invece si è giocato con la morte, riducendo tutto a "normali cifre di bilancio".

Anche recentemente c'è stato chi ha posto l'accento sulla "ricostruzione sociale", di cui non sembra si voglia tener conto. Mentre per quella materiale si è arrivati a parlare di 20, 30, addirittura 50 anni.

Se la città sarà ricostruita e gli aquilani torneranno nelle loro case, comunque ci sarà uno "strappo generazionale", un enorme buco nel vissuto e nella storia. Si parla di una ricostruzione fra 20, 30 anni. Se ciò avverrà ci saranno generazioni intere che probabilmente saranno morte. E altre che entreranno solo adulte a L'Aquila, avendo vissuto l'infanzia e l'adolescenza lontano. Avrà sicuramente colpito la "rivolta delle chiavi", forse saranno apparsi anche dei pazzi a chi vede dall'esterno cosa è accaduto, ma sfido chiunque ad essere costretti fuori casa e, se riesce a rientrare (comunque per poche ore), a trovare la propria casa depredata e saccheggiata.

Si è parlato molto anche della Diocesi, dal contrasto tra Molinari e il "popolo delle carriole" alle inchieste che l'hanno coinvolta. Qual è stato il rapporto tra la Curia e la Città?

Totalmente assente. E' apparsa come estranea, escluse le grandi passerelle istituzionali e mediatiche, non c'è mai stata.

Tuo fratello Davide è morto sotto le macerie della Casa dello Studente, un palazzo che si è poi scoperto fortemente carente dal punto di vista strutturale, e su cui gli studenti avevano già lanciato allarmi. Ve ne aveva mai parlato? Vi aveva mai comunicato timori?

Davide con me personalmente non ne aveva mai parlato. Ma si conosceva benissimo la situazione della Casa dello Studente, la struttura era traballante e mancava persino la scala antincendio. Dopo la prima scossa (la sera del 5 Aprile) Davide chiamò a casa, erano fuggiti tutti fuori terrorizzati. Furono rassicurati e convinti a rientrare,anche perché una settimana prima un architetto aveva effettuato dei controlli e aveva affermato che non c'era motivo di preoccupazione.

Insieme alle famiglie di altri ragazzi morti nella Casa dello Studente avete fondato il "Comitato familiari Vittime della Casa dello Studente".

Dopo il terremoto ci siamo ritrovati a L'Aquila, uniti nel dolore e nel cercare di capire. E anche su questo abbiamo visto l'inadeguatezza dello Stato e delle sue strutture di cui parlavo all'inizio. Ci siam chiesti varie volte in quelle settimane "dov'è lo Stato?". Siamo stati completamente abbandonati per 72 ore dall'incapacità ad ogni cosa. Solo dopo le nostre vibranti proteste ci hanno portato del cibo. In sacchi della spazzatura... Anche l'Università, a conoscenza delle gravi carenze della sua stessa struttura d'Ingegneria a Roio, che di fatto quella notte crollò (ciò vuol dire che mio fratello se non fosse morto alla Casa dello Studente, molto probabilmente sarebbe morto proprio a lezione se la scossa fosse arrivata di giorno), ci ha offerto la Laurea post- mortem... per uno studente al primo anno? L'abbiamo presa più come uno schiaffo al dolore che come un atto di riconoscimento dei meriti.

Il Comitato è una delle parti civili del processo per il crollo della Casa dello Studente. Qual è la situazione? Cosa prevedi?

Sono fortemente disillusa sul processo, perplessa. Le richieste di pene appaiono basse rispetto alla gravità delle accuse. Possibile che siano stati chiesti 4 anni, come fatto a Berlusconi per evasione fiscale? Possibile che la vita di diversi ragazzi sia uguale all'evasione fiscale?

La Casa dello Studente è diventata uno dei simboli della tragedia aquilana. Alcune settimane fa è uscita la notizia della proposta di demolirla. Il Comitato ha invece proposto di farne un Museo della Memoria. Ce ne parli?

Non è la prima volta che viene fatta questa proposta. Due anni fa c'era stata addirittura l'idea di abbatterla per costruire un parcheggio. In quell'occasione scrissi anche una lettera al Commissario ADSU(Azienda per il diritto agli Studi Universitari). Sicuramente la messa in sicurezza della struttura serve. La si faccia, ma la Casa dello Studente deve rimanere, come monito perenne. Colpisce questo ripetuto tentativo di abbatterla. Non ci si vuol rendere conto (o forse è proprio quello l'obiettivo) che toglierla dagli occhi significherà toglierla dal cuore, dimenticarla.

Alessio Di Florio - Casablanca n° 360

7135