il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Rifugiato o clandestino?

Rifugiato o clandestino

(5 Aprile 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(La tolleranza zero)

AUSTRALIA. PRIMO NAUFRAGIO DOPO NUOVE NORME CONTRO BOAT-PEOPLE

(24 Luglio 2013)

Sono almeno un centinaio i naufraghi recuperati dal relitto di una imbarcazione affondata al largo delle coste dell’isola indonesiana di Java, ma restano diversi dispersi e con certezza tra i morti nel naufragio vi è anche un bambino.

Le autorità marittime indonesiane hanno confermato il salvataggio di boat-people nel mare in tempesta davanti al porto peschereccio di Cidaun, ma resta stimato tra 60 e oltre 100 il numero di dispersi, date le testimonianze dei sopravvissuti e le caratteristiche dell’imbarcazione, del tipo comunemente usato per traghettare i profughi verso l’australiana Christmas Island nell’ultima tratta di viaggi durati migliaia di chilometri.

I servizi di assistenza in mare indonesiani erano stati allertati dalla guardia costiera australiana e sono intervenuti con l’ausilio della popolazione locale.

Tra i superstiti, cittadini di nazionalità iraniana che hanno comunicato ai soccorritori di avere perso di vista una sessantina connazionali dopo il naufragio. La barca, partita poco prima da Cidaun aveva avuto problemi al motore ed era stata abbandonata dal capitano e dall’equipaggio, lasciando il suo carico di srilankesi e iraniani al loro destino.

I provvedimenti decisi pochi giorni fa dal governo australiano, che ha chiuso le porte a qualunque immigrazione non autorizzata via mare, inviando ogni nuovo arrivo in campi in Nuova Guinea o altre aree fuori dal suo territorio, non hanno fermato per ora il flusso dei richiedenti asilo, provenienti soprattutto da Medio Oriente, Afghanistan e Sri Lanka. Un flusso cresciuto in modo esponenziale nel 2012 e che nell’anno in corso ha finora portato oltre 15.000 boat-people ad approvare o a volte naufragare all’interno delle acque territoriali australiane. Tra i provvedimenti comunicati dal governo di Canberra per fronteggiare quella che ritiene un’emergenza-profughi, anche la taglia di 200.000 dollari australiani (circa 140.000 euro) per chi consente la cattura dei trafficanti di esseri umani che organizzano le traversate.

[CO]

Misna

4747