il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Un bel di' vedremo

Un bel di' vedremo

(16 Dicembre 2010) Enzo Apicella
In tutta l'Europa cresce la protesta contro il capitalismo della crisi

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Lotte operaie nella crisi)

LA RIORGANIZZAZIONE OPERAIA PER LANCIARE SUBITO UNA “VERTENZA INDUSTRIA”

(21 Agosto 2013)

Mentre l’Italia “ufficiale”, quella del sistema politico, appare attorcigliata attorno al nodo dell’incandidabilità del Cavaliere, l’Italia “vera”, quella del lavoro sta andando letteralmente in pezzi.
Basta guardare la realtà, anche oltre le illuminanti cifre fornite dall’Ufficio Studi della CNA di Mestre che ci indicano tutta la gravità della situazione: altro che “luce in fondo al tunnel”, alla fine del 2013 saranno altre centinaia di migliaia i posti di lavoro mancanti all’appello.
Sta letteralmente disfacendosi quello che fu il “secondo modello” della nostra produzione industriale: quello geograficamente concentrato sulla dorsale adriatica e nel Nord – Est, fatto di medie aziende, di prodotti manifatturieri finiti, di marchi di grandissimo prestigio.
Da Natuzzi a Berloni a Ideal – Standard, a tantissimi altri, le nuove condizioni di competitività internazionale e la complessità della crisi paiono non risparmiare nessuno, salvo la voglia di profitto dei soliti “padroni del vapore”.
Dopo la vera e propria tragedia della privatizzazione della siderurgia, la completa sparizione degli altri settori dell’industria di base ad alta concentrazione di mano d’opera: dalla chimica, all’elettromeccanica, all’elettronica appare ormai completo il depauperamento di una realtà fatta di produzione, know-how, ricerca.
E’ la fine di un modello sul quale si era molto forzato, fin dagli anni’80: quello dei “distretti”, della specializzazione, dell’intensificazione esasperata dello sfruttamento operaio, oggi tragicamente beffato con “chiusure” meramente speculative e “delocalizzazioni” fatte alla chetichella, di notte, trasferendo i macchinari in condizioni analoghe alla fuga della Casa Reale a Brindisi dopo l’8 Settembre.
L’attenzione su questi fatti è minima, del tutto insufficiente rispetto alla loro gravità: non parliamo del governo, tutto proteso nelle logiche monetariste interne al gioco della BCE; delle forze politiche, interamente prese dai loro giochi interni; del sindacato confederale che pare proprio non avere più la capacità di vedere le grandi questioni nella loro interezza, nella loro piena prospettiva nazionale e internazionale.
Altro che “Piano del Lavoro” di Di Vittorio, come qualcuno vagheggiò per puro spirito di propaganda partitica alla vigilia delle elezioni, organizzando improbabili convegni – passerella.
Non entriamo qui nei singoli aspetti che presentano queste delicate (e dolorose problematiche).
Lanciamo, invece, una proposta immediata: serva una forte spinta dal basso, una vera e propria “Riorganizzazione Operaia” per lanciare subito una vertenza “industria” che reclami l’essenzialità del settore industriale senza mezzi termini o concessioni di sorta ad ipotesi diverse.
Una vertenza “industria” che reclami, da subito, un ruolo diverso dello Stato a partire dalla nazionalizzazione della siderurgia e ad un piano molto forte sul piano delle infrastrutture ad un’iniziativa di vera e propria regolazione pubblica circa l’utilizzo delle aree industriali.
“Riorganizzazione Operaia” e “Vertenza Industria”: due parole d’ordine da lanciare immediatamente alla ripresa della mobilitazione del mondo del lavoro e in vista dei grandi appuntamenti di lotta previsti per le prossime settimane.

Patrizia Turchi e Franco Astengo

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Lotte operaie nella crisi»

Ultime notizie dell'autore «Patrizia Turchi»

3508