il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Emergency. Gli italiani hanno confessato.

Emergency. Gli italiani hanno confessato

(12 Aprile 2010) Enzo Apicella
Il governo fantoccio dell'Afghanistan dichiara che i collaboratori di Emergency "hanno confessato". Il ministro Frattini prega che non sia vero "perché sarebbe una vergogna per Italia"

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

Paese Basco: è l’ora della pace

(24 Novembre 2004)

La vittoria del Partito Socialista nelle elezioni legislative spagnole apre un nuovo possibile scenario per la soluzione negoziale del conflitto nel Paese Basco.

Pochi giorni fa Arnaldo Otegi ha ribadito che la pace è la priorità della sinistra basca e che la stessa deve essere frutto di un processo di dialogo tra tutti. La sinistra basca si impegna affinché le differenze si dirimano in maniera pacifica e democratica. Indica due ambiti di accordo: uno, partendo della realtà attuale, tra i soggetti sociali e politici baschi per arrivare allo scenario deciso dalla cittadinanza; un altro tra ETA e gli Stati spagnolo e francese sulla smilitarizzazione del conflitto, sui prigionieri, i deportati, i rifugiati e le vittime.

Nel documento "Orain herria, orain pakea (“Ora il popolo, ora la pace”)", si afferma che questo è il momento nel quale, se esiste una volontà maggioritaria di cambiare gli attuali status politici, si deve operare questo cambiamento tra tutti, in maniera concordata, per arrivare ad uno scenario di pace, democrazia e rispetto di tutti i diritti. Batasuna considera che in questi momenti la priorità politica è ottenere la pace e che la formula per riuscirci è il dialogo.

La sinistra basca, nel documento presentato il 14 novembre, si assume degli impegni precisi:

1. “il rispetto della volontà popolare, qualunque sia la decisione";

2. “l'accettazione della pluralità di Euskal Herria", non solo come nazione ma anche fra le sue cittadine e cittadini. Su questo punto ogni accordo “dovrà disporre dell'adesione e del rispetto delle distinte sensibilità esistenti nel paese basco";

3. “durante il processo le differenze si dovranno dirimere in modo pacifico e democratico".

4. “andare alle radici del conflitto, superarlo ed includere nell'accordo tutti i diritti raccolti nella Dichiarazione Universale dei Diritti Umani e nei Patti per i Diritti Economici, Civili e Politici dell'ONU".  


CONFERENZA STAMPA
Giovedì 25 novembre - Ore 14,30
Sala del Consiglio Regionale del Lazio - Roma, Via Poli 29


All’incontro saranno presenti:
ARNALDO OTEGI - Portavoce della Sinistra Indipendentista Basca e deputato al Parlamento Autonomo Basco
JOSEBA ALVAREZ - Responsabile delle relazioni internazionali della Sinistra Indipendentista Basca e deputato al Parlamento Autonomo Basco
MAURO BULGARELLI - Deputato dei Verdi alla Camera dei Deputati


Info: 348 7213312

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Euskadi»

8987