il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Libia. Il silenzio della voce del padrone

Libia. Il silenzio della voce del padrone

(5 Ottobre 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

Libia, carceri: si muore di tortura e maltrattamenti

(8 Ottobre 2013)

A denunciarlo è un rapporto dell'Onu e della Missione di Supporto delle Nazioni Unite in Libia (UNSMIL) diffuso una settimana fa.

tortur

Roma, 8 ottobre 2013, Nena News - Si muore di tortura e di maltrattamenti nelle carceri libiche nominalmente sotto l'autorità del governo ma de facto sotto il controllo delle milizie armate due anni dopo il rovesciamento di Gheddafi. A denunciarlo è un rapporto dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani (UNHCHR) e della Missione di Supporto delle Nazioni Unite in Libia (UNSMIL) diffuso una settimana fa. Il rapporto documenta casi di arresti arbitrari, motivati da regolamenti di conti personali o tribali, di uomini prelevati forzatamente dal posto di lavoro o da casa, picchiati, violentati e lasciati senza cibo nelle prigioni in condizioni disumane.

Nelle carceri controllate dal governo che il personale delle Nazioni Unite è riuscito a visitare, le condizioni e il trattamento dei detenuti sono migliori che in quelle gestite dalle milizie in cui secondo i dati del rapporto ONU la tortura è più frequente soprattutto immediatamente dopo l'arresto e durante gli interrogatori come mezzo per estorcere confessioni e informazioni, i colloqui con i legali sono negati e alle famiglie sono concesse sporadiche visite. A settembre 2013, secondo i dati del Ministero della Giustizia della Libia, degli 8000 detenuti (senza processo) accusati di aver combattuto per Gheddafi, 4000 erano sotto la custodia della Judicial Police. I rimanenti 4000 sotto la custodia della Military Police - che rientra sotto l'autorità del Ministero della Difesa -, del SSC e del Combating Crime Department - entrambi composti principalmente da brigate armate che operano sotto l'autorità del Ministero dell'Interno - e di brigate armate che non rispondono all'autorità di alcun Ministero.

UNSMIL ha documentato 27 casi di morte in carcere dovuti quasi certamente a tortura da quando Gheddafi è stato catturato e ucciso nel 2011. Undici di questi solo tra gennaio e giugno 2013 e tutti nelle prigioni controllate dalle milizie.

La detenzione arbitraria e la tortura erano sistematici già sotto il regime di Gheddafi nonostante un sistema normativo di tutela dei detenuti. Leggi del regime a salvaguardia dei diritti del prigioniero a cui si è aggiunta lo scorso aprile la legge Criminalising Torture, Enforced Disappearances and Discrimination adottata dal General National Congress per cui tortura, sparizioni forzate e discriminazione sono e rimangono crimini e come tali punibili.

Sin dalla fine della rivolta che ha rovesciato Muammar Gheddafi, i nuovi governanti della Libia tentano a fatica di controllare una miriade di ex gruppi ribelli che rifiutano di deporre le armi e mettere da parte ogni aspirazione politica.

Il loro processo di affiliazione presso i Ministeri della Giustizia, della Difesa e degli Interni fa parte di un disegno strategico di inglobamento delle milizie armate nel circuito governativo, con risultati però ad oggi sconfortanti visto che le brigate continuano a mantenere il controllo effettivo dei centri di detenzione e rivendicano prepotentemente le loro aspirazioni di esercizio del potere contribuendo in questo modo a rendere altamente precarie le condizioni di sicurezza in un Paese, la Libia, ricco non più solo di petrolio ma anche di armi.

Rita Plantera - Nena News

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «La guerra "umanitaria" alla Libia e le sue conseguenze»

Ultime notizie dell'autore «Nena News»

10484