il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Cantiere Italia

Cantiere Italia

(17 Novembre 2010) Enzo Apicella
Presentato il report Inail: gli omicidi sul lavoro nel 2009 sono stati 1021

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Di lavoro si muore)

BANGLADESH, ANCORA FUOCO E ALTRE VITTIME IN UNA FABBRICA TESSILE

(9 Ottobre 2013)

ottobre 9, 2013 - 9:06

Un nuovo grave incidente ha provocato la notte scorsa la morte di almeno nove lavoratori in una fabbrica di abbigliamento nel sobborgo industriale di Gazipur, presso la capitale Dhaka. Incendiate anche due manifatture limitrofe. L’incendio ha devastato la Aswad al di fuori dell’orario ufficiale, ma il numero dei morti e dei feriti o ustionati (una cinquantina) conferma come il lavoro straordinario – abitualmente negato dai responsabili delle aziende del settore – sia invece una realtà. Come pure resta reale il rischio di incidenti sul luogo di lavoro, un triste primato per il paese che negli ultimi mesi è stato messo sotto pressione interna e internazionale per concreti cambiamenti. A segnalare tristemente la condizione dei lavoratori del tessile, l’incendio che costò la vita a Ashulia, presso Dhaka, a 112 persone il 29 novembre dello scorso anno, provocando ustioni e intossicazione a centinaia di lavoratori, e il crollo che coinvolse un gran numero di manifatture con oltre 1100 morti lo scorso aprile a Savar, altro sobborgo industriale.

L’industria dell’abbigliamento e degli accessori, in buona parte orientata all’esportazione verso Europa e Stati Uniti, rappresenta la maggiore fonte di valuta estera per il Bangladesh, con un giro d’affari di 16 miliardi di dollari all’anno, e impiega circa 4 milioni di persone, in maggioranza donne, in almeno 5000 aziende.

A fronte di una tale rilevanza per il paese, tuttavia, le condizioni di lavoro e i salari restano gravemente insufficienti. I lavoratori del tessile bangladeshi sono tra i meno pagati al mondo (attualmente il salario minimo equivale a 28 euro) e la vertenza avviata da settimane per un aumento a 75 euro mensili si trascina tra scioperi, serrate, cortei e scontri anche con vittime. L’orario di lavoro arriva anche a 80 ore settimanali, in ambienti sovente fatiscenti, inadeguati quanto a norme igieniche e di sicurezza. In molti casi, poi, i locali sono sbarrati per impedire l’uscita dei lavoratori sino alla fine del turno.

[CO]

Misna

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Di lavoro si muore»

Ultime notizie dell'autore «MISNA»

6617