il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Il mattino ha loro in bocca

Il mattino ha loro in bocca

(6 Settembre 2011) Enzo Apicella
Oggi sciopero generale contro la manovra economica

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale e lavoro)

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Capitale e lavoro:: Altre notizie

19 OTTOBRE
CONTRO LA COSTITUZIONE!

19 ottobre: prendiamoci Roma!

(17 Ottobre 2013)

La costituzione è la forma variabile della regolazione sociale.
Frutto del compromesso resistenziale, amministra il diritto truffaldino borghese.
Matrigna del lavoro salariato e dell'ipocrisia giuridica della "legge uguale per tutti".
Pacifista a chiacchiere, copertura ideologica della guerra di classe nei fatti.
Difendere la costituzione, oggi come ieri, vuol dire difendere il sistema.
Il contrario, cioè, di rivoluzionarlo.
19 ottobre: prendiamoci Roma!

SOLDI E MORTI A PALATE!

2 facce della medaglia capitalistica.
Da una parte si vive nella ricchezza, dall’altra si muore.
Di guerra o quando si cerca di sfuggirla, di lavoro, di repressione, di famiglia.
Questa società non garantisce il diritto alla vita alla maggioranza dell’umanità.
Tantomeno lo garantisce al proletariato, autoctono o migrante.
Dietro le diatribe intorno alle campagne “legge ed ordine” o a quelle dell’”accoglienza” si cela la legge dei flussi ineliminabili, caratteristica dello sviluppo capitalistico, delle sue guerre militari e delle sue crisi, come dell’ineguale sviluppo tra aree geoeconomiche e dell’endemica competizione commerciale di mercato.
L’Europa, patria continentale del capitalismo temperato condito in salsa vaticana, piena di diritti e costituzioni, si sta rendendo responsabile del pogrom contro i cosiddetti migranti, dividendosi tra le varie ricette elettorali che pretendono di “fermare i flussi” o di “accoglierli”.
Illusioni, bugie, strumentalizzazioni sulla pelle di bambini, donne e uomini disperati in cerca di diritti altrettanto illusori.
Solo un autentico miglioramento delle condizioni di vita nelle zone di emigrazione potrebbe rallentare prima e fermare poi i flussi migratori.
Altrimenti ci si consegna nelle mani di mercanti di carne umana prima e se non si muore affogati o bombardati, si muore o si vive di stenti alla servitu’ dei padroni civili d’Europa e d’Italia.
Già, perché gli operai immigrati singolarmente vanno bene quando fanno lavori faticosi e pericolosi, o quando “badano” ai vecchi, o ai malati europei.
Quando si presentano in massa ai nostri confini “pretendendo” di sopravvivere vanno fermati, o affondati, con tutti i mezzi necessari.
Se da un lato l’ideologia dominante capital-razzista è quella di “starsene a casa loro”, dall’altra l’Italiano brava gente si lava la coscienza con l’elemosina e l’accoglienza che spesso si trasforma nella carcerazione dei CIE.
Padella o brace! O morire a casa propria, o affogare nel “mare mortum”, o patire ed essere supersfruttati dal profitto europeo.
Ci sarebbe una terza via tra morire in guerra e morire affogati, ed è quella di lottare a casa propria per cambiare, per spazzare via i satrapi e le loro guerre, magari con la solidarietà del movimento operaio europeo.
Una via appena abbozzata, e già duramente avversata e repressa dal comune interesse dei padroni europei e di quelli africani e mediorientali: contrastare un moderno internazionalismo possibile perché maturo nelle cose, nelle pieghe di una società ingiusta e da rivoluzionare.

C O M B A T

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie dell'autore «COMBAT»

7296