il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

25 aprile

25 aprile

(25 Aprile 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Ora e sempre Resistenza)

Alba Dorata è criminale, via il finanziamento pubblico

(24 Ottobre 2013)

GRECIA Il parlamento vota la legge per sospendere i contributi. Syriza e Kke perplessi per una legge che in futuro potrebbe essere usata contro la sinistra radicale e i partiti che manifestano in piazza

ATENE. Il parlamento greco ha chiuso il rubinetto del finanziamento pubblico ad Alba Dorata, votando a favore della proposta del ministro degli Interni di «sospensione dei contributi pubblici a un partito i cui leader o un decimo degli eletti sono sotto inchiesta per costituzione o partecipazione a un'organizzazione criminale». Così recita il testo approvato con 235 «sì» su 269 deputati presenti, 34 gli astenuti. Poco prima della votazione Alba Dorata ha denunciato l'emendamento, tacciandolo di incostituzionalità, e ha abbandonato l'aula.
Il parlamento greco ha così decretato che Alba Dorata è una organizzazione criminale. Un giudizio politico che ha più peso del contraccolpo finanziario: la cassaforte di Alba Dorata, infatti, non conterebbe tanto sui fondi pubblici (873 mila euro degli 11 milioni destinati ai partiti), ma sulle oscure elargizioni di certi imprenditori, armatori o banchieri «amici».
Il Pasok ha chiesto il voto nominale scommettendo sul fatto che in questo modo Syriza avrebbe votato a favore. E infatti solo una deputata della sinistra radicale si è astenuta nonostante le molte perplessità all'interno del gruppo parlamentare per una proposta che in futuro potrebbe essere usata contro le sinistre. Per lo stesso motivo si è astenuta l'ex leader dei comunisti del Kke Aleka Papariga, così come il leader dei Greci Indipendenti. A favore hanno votato il leader di Syriza Alexis Tsipras, il leader del Pasok e vicepresidente del governo Evangelos Venizelos e il leader della Sinistra Democratica Fotis Koubelis. Il primo ministro, il conservatore Antonis Samaras, non ha partecipato nella votazione, come è costume.
Intanto l'ultimo sondaggio pubblicato dal professore Pana della Facoltà di Statistica di Atene per la regione dell'Attika, la più grande della Grecia che comprende tutta la penisola ateniese, dice che Alba Dorata avrebbe ancora l'8,6% dei consensi. Lo stesso risultato hanno dato quasi tutti i sondaggi realizzati dopo l'assassinio del rapper Fyssas per mano dei neo-nazisti. Disoccupazione di massa, distruzione del debole stato sociale e della società greca, sembrano offrire la lettura più convincente a questi dati. Mentre il paese è di nuovo infestato dalla febbre contro i rom, a causa della piccola Maria, la bambina bionda trovata in un campo.
Il 28 ottobre sarà festa nazionale. Per chi ancora di ricorda di festeggiare una vittoria contro il fascismo.

Argiris Panagopoulos, il manifesto

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Ora e sempre Resistenza»

Ultime notizie dell'autore «Il Manifesto»

4949