il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Un bel di' vedremo

Un bel di' vedremo

(16 Dicembre 2010) Enzo Apicella
In tutta l'Europa cresce la protesta contro il capitalismo della crisi

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Lotte operaie nella crisi)

Riflessioni sulla giornata del 19 ottobre a Roma

(26 Ottobre 2013)

riflegram

Ripercorrendo la fase precedente, lo svolgimento e i fatti conseguenti la mobilitazione svoltasi a Roma il 19 ottobre scorso, possiamo trarre utili e importanti considerazioni sull’attuale fase politica.

1- Nonostante il terrorismo mediatico precedente al corteo, creato puntualmente ad arte dalla borghesia per demonizzare l’appuntamento e i suoi partecipanti, il controllo quasi capillare di Roma e non solo, i fermi, le denunce e i fogli di via, il 19 ottobre ha rappresentato un centro di mobilitazione di massa.

Significa che questa data ha stimolato l’organizzazione di molti compagni e compagne insieme a varie realtà politiche in lotta per parteciparvi, catalizzando la voglia di lottare di tanti, dando sfogo a una crescente rabbia sociale compressa da tempo da politici e burocrati sindacali.

C’interessa rilevare il carattere popolare di questo corteo e di come abbia raccolto prevalentemente le lotte e le rivendicazioni sociali delle classi sfruttate cui è fatta pagare la crisi del capitalismo. Il corteo non ha aggregato solo compagni, avanguardie o soggettività politiche ma lotte reali e concrete che hanno uno sviluppo di massa e che dimostrano di essere in crescita. A iniziare dall’ampissimo spezzone dei comitati per il diritto alla casa che apriva la manifestazione, rappresentazione di una lotta effettiva che si batte per conquistare una necessità materiale.

2- Se la giornata del 19 ottobre da un lato ha calamitato coloro che quotidianamente si battono per i diritti che pian piano i padroni tolgono, comitati per il diritto alla casa, comitati territoriali, operai, realtà del movimento di classe, studenti, centri sociali, immigrati, dall’altro ha escluso le istituzioni e i pompieri confederali.

In passato abbiamo aderito a manifestazioni anche più oceaniche di queste, ma la differenza sostanziale è che questa volta non ci si è immessi in scadenze indette dal gruppo politico o dal confederale di turno e stabilite dentro 4 mura in altre sedi o dall’alto nei palazzi del potere. È prevalsa l’autonomia della classe oppressa e la sua capacità di contare sulle proprie forze. Perciò, anche se l’aspetto quantitativo è stato imponente e probabilmente al di là delle aspettative, sicuramente quello qualitativo è stato più importante ovvero contribuire a rafforzare, unire e rilanciare le lotte che agiscono realmente nei territori. Questo corteo si pone positivamente nello sviluppo di questo processo e quindi pensiamo vada rilanciato e sostenuto.

3- Puntuale è arrivato il tentativo della borghesia, dei suoi organi di stampa e delle guardie di dividere la piazza tra buoni e cattivi. Tentativo pressoché andato a vuoto perché ciò che è emersa è stata l’unità, pur nelle differenze ideologiche e di prospettiva che hanno contribuito alla manifestazione. Sentire in Tv in una delle tante trasmissioni pseudo sinistroidi una precaria della scuola dire “quelli che tiravano sanpietrini e bottiglie alla polizia erano insieme a noi, anche loro esprimono la rabbia contro chi ci sfrutta”, dà la misura dell’armonia reciproca che la piazza ha esercitato. Anche dopo gli arresti delle 2 compagne e dei 4 compagni in seguito alle infami cariche di Via XX settembre non c’è stato nessun sostanziale distinguo tra loro e il resto della piazza. Unità dimostrata anche nell’estesa solidarietà espressa in seguito gli arresti da parte di tutte le sigle promotrici del 19, soprattutto con il presidio dei 300 solidali a sostegno degli arrestati e delle arrestate di mercoledì 23 ottobre che ha contribuito alla loro liberazione.

4- A onor di cronaca, va rilevato che una certa conflittualità offensiva durante la giornata del 19 si è comunque espressa: il tentativo di colpire i fascisti di casapound senza aver rischiato nessun fermo, l’attacco e la resistenza al Ministero dell’Economia pochi giorni dopo la promulgazione delle legge di stabilità e l’azione contro la banca Unicredit, uno dei principali responsabili del massacro in corso in Libia con i suoi maxi finanziamenti ai mercenari, rappresentano dei segnali positivi.

5- Il 19 ha evidenziato la propensione delle masse popolari e dei proletari a mobilitarsi organizzandosi autonomamente, come anche la mancanza di un punto di riferimento nazionale di organizzazione che sappia raccogliere e dare una direzione rivoluzionaria alla lotta di classe.

La tigre di carta è stata ferita. Cerchiamo nelle battaglie future di infliggergli danni permanenti!

Qui sotto altri due interessanti comunicati, rispettivamente dai compagni di Napoli e Catania, sulla lettura del 19 ottobre:

http://www.mensaoccupata.org/2013/10/25/il-19-ottobre-di-noi-saremo-tutto/

http://www.cpoexperia.it/19ottobre-roma-assedio-19o/

cpogramigna.org

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Lotte operaie nella crisi»

Ultime notizie dell'autore «CPO Gramigna - Padova»

9922