il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

L'asino d'oro e altre favole

L'asino d'oro e altre favole

(23 Dicembre 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Stato e istituzioni)

Stato e istituzioni:: Altre notizie

Non che da un governo qual è questo ci aspetteremmo giustizia, né sociale né d'altro tipo.

(4 Novembre 2013)

Non che da un governo qual è questo ci aspetteremmo giustizia, né sociale né d'altro tipo.
Ma vi sono limiti che anche per il peggiore degli esempi non debbono essere superati.
La ministra Cancellieri, il cui excursus politico-tecnico aveva già allietato le sempre scarne cronache giornalistiche (tese troppo spesso ad un unisono coro che si stringe attorno al Governo del Presidente Napolitano), questa volta rischia molto, non solo per se' ma per l'istituzione rappresentata che da tempo non gode del buon occhio della vessata popolazione, italiana e non solo.

Certo giustamente, ma per ben meno, la ministra Idem ha depositato, obtorto collo è il caso di dire, la testa sul ceppo delle dimissioni, e fu il PD a farsene carico, per voce di Letta, in virtù della necessità -per i membri del Governo- d'essere al di sopra di ogni sospetto.

Oggi la questione della correttezza e della trasparenza è nel campo dell'altro alleato di Governo, che ben si acconcia nella difesa dell'umanitaria Ministra (un alleato -si perdoni il bisticcio delle parole- ben allenato nella difesa dell'indifendibile, e comunque di gran peso!).

Le ragioni di questa difesa a spada tratta trovano radici, ben salde, nelle ragioni politiche e storiche, che legano la signora Guardasigilli al PDL ed ai Ligresti.

S'offende la citata Signora, che reputa d'esser Tecnico puro e dunque onnipotente e pertanto esente da critiche e osservazioni:
"Contro di me un attacco politico!".

Ebbene sì, in una Repubblica parlamentare, gli attacchi debbono essere politici, e chiunque presenti in Parlamento, martedì prossimo, anche solo un estratto della documentazione riprodotta in questi giorni sui maggiori quotidiani (anche di quelli più narrativi, come il prudentissimo Corriere della sera) non potrà che far tacere irrevocabilmente l'onnipotenza della Tecnica.

Qualora invece gli allenati alleati di Governo mettessero ancora una volta nel sacco il PD, si avrebbero almeno tre risultati:
1) non v'è dubbio che la confermata Ministra sarà subissata, da quel minuto in poi, a telefonare e rispondere a circa decine di migliaia di (giuste) richieste di giustizia anche carceraria e prevediamo giornate durissime, ben oltre "lo scorrere indegno".
2) il governo Napolitano (altrimenti detto Letta-Alfano) vedrà diminuire la propria popolarità, con
3) un grande risparmio per la pubblicità elettorale per il terzo incomodo, sì... quello che disturba il bipolarismo perfetto: il M5S.

Ma non pensiate che se la Ministra decidesse di desistere dalla sua rivendicata (?) umanità procedendo a dimissioni questo sarebbe/diventerebbe un Governo migliore: semplicemente è la risposta -dovuta- ad un monito, da vecchio tram:
"Non disturbate il conducente".

3/11/2013

Patrizia Turchi

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie dell'autore «Patrizia Turchi»

4789