il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Intrigo internazionale

Intrigo internazionale

(20 Marzo 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Grecia: sciopero generale contro la Troika. Per sopravvivere

(6 Novembre 2013)

gresciop

Nuovo sciopero generale di 24 ore in Grecia, il quarto dall’inizio del 2013. Il ventesimo (forse, abbiamo perso il conto) negli ultimi anni, da quando Atene è diventato il pungiball del Fondo Monetario Internazionale, della Banca Centrale e della Commissione Europea. A diversi anni dall’imposizione di una austerità a senso unico che ha fatto diventare i ricchi greci ancora più ricchi e devastato economia e società, i sindacati ellenici non rinunciano all’arma dello sciopero e alle manifestazioni. Di nuovo, come in passato, nel mirino di Adedy e Gsee – così come del sindacato comunista Pame - ci sono le devastanti politiche economiche del governo Samaras: tagli alla pubblica amministrazione e licenziamenti di dipendenti pubblici, privatizzazioni, tagli a sanità e servizi sociali...

"La tempesta della mobilità e dei licenziamenti nel settore pubblico e in quello privato, le nuove dure misure fiscali che in alcuni casi portano alla confisca della casa, i nuovi tagli agli stipendi e alle pensioni che stano per arrivare e il ribaltamento dei rapporti lavorativi accrescono l'impasse sociale" denuncia la nota dell'Adedy, in sindacato ufficiale del settore pubblico.
"La lotta - si legge invece nel comunicato della Gsee, il sindacato ufficiale del settore privato - continuerà finché il governo insisterà sulla linea dell'insensibilità sociale e lavorativa e finché le politiche catastrofiche della troika moltiplicheranno questo impasse”.

Dalla mezzanotte i trasporti pubblici sono fermi, sia nelle città – bus, tram, treni – sia via terra visto il blocco dei traghetti che collegano il continente con le isole. Resterà aperta invece la metropolitana di Atene, per permettere a cittadini e lavoratori di partecipare alle diverse manifestazioni previste oggi nella capitale.
Due quelle centrali: la prima dalle 11.00 in piazza Pedion Areos, convocata da Adedy e Gsee e alla quale partecipano la maggior parte delle organizzazioni sociali e politiche della sinistra; la seconda convocata dal Pame, nella vicina piazza Omonia alle 10:30, alla quale partecipano i militanti del Partito Comunista KKE.
Molti i voli annullati dalle compagnie elleniche Aegean e Olympic Air durante le 4 ore si stop programmate a metà giornata.
Ospedali pubblici e centri sanitari funzioneranno solo con il personale di emergenza, mentre la Federazione nazionale dei Lavoratori degli ospedali pubblici (Poedin) ha convocato per le 10:00 una manifestazione di protesta davanti alla sede del ministero della Sanità.
Allo sciopero aderisce anche la Federazione nazionale dei Giornalisti (Poesy) con un'astensione dal lavoro di cinque ore.

Marco Santopadre - Contropiano

8897