il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Comunisti e organizzazione    (Visualizza la Mappa del sito )

L'angoscia dell'anguria

L'angoscia dell'anguria

(24 Luglio 2013) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Memoria e progetto)

Ordine del giorno conclusivo

Approvato con 81 voti a favore, 22 contrari e 4 astenuti

(27 Luglio 2002)

L’Assemblea nazionale di Progetto comunista – Area programmatica marxista rivoluzionaria nel Prc, riunita a Marina di Massa il 20-21 luglio 2002, riconferma le linee essenziali dell’ordine del giorno del seminario nazionale del luglio 2001, del documento di Tesi per il quinto congresso del Prc e del documento per la conferenza nazionale dei Giovani comunisti presentati dalla nostra area; approva il documento “Per una nuova e più ampia associazione marxista rivoluzionaria nel Prc, per la rifondazione della Quarta Internazionale” presentato per il dibattito di questa assemblea.
Su queste basi politiche, decide l’apertura del processo costituente di una nuova associazione marxista rivoluzionaria, denominata Progetto comunista, in cui confluiscano e si risolvano le precedenti aggregazioni associative dell’area.

Progetto comunista ha sempre concepito e perseguito la propria battaglia politica nel Prc non come fine a sé, in una logica di pressione o di pura salvaguardia di uno spazio alla sinistra del gruppo dirigente del partito, ma in funzione della costruzione del partito comunista rivoluzionario. Da qui le separazioni avvenute in questi anni con forze e posizioni di tipo centrista espresse da altre “sinistre” del partito. Da qui l’investimento in una battaglia strategica e programmatica, non solo congiunturale, capace di ricondurre ogni proposta politica alternativa a una visione generale e a una prospettiva strategica complessiva. Da qui la contrapposizione di fondo alla maggioranza dirigente del Prc e a tutte le sue componenti, fuori da ogni logica di adattamento “critico” e opportunista.

A sua volta, la costruzione del partito comunista rivoluzionario in Italia è inseparabile dal processo di costruzione dell’Internazionale comunista rivoluzionaria. Tanto più oggi la profonda crisi capitalistica, l’accentuata instabilità mondiale e soprattutto la ripresa dopo venti anni di movimenti di classe e di massa a diverse latitudini del mondo pone l’esigenza di un partito mondiale della classa lavoratrice e della sua avanguardia, capace di battersi per una prospettiva rivoluzionaria socialista quale unica reale risposta alla crisi dell’umanità; e di costruire nelle lotte e nei movimenti, a partire dalla classe operaia e sul terreno dell’egemonia, la coscienza politica di questa necessità rivoluzionaria.

Come si afferma nel nostro testo congressuale, questo partito non si può costruire come generica unità dei comunisti fuori da ogni chiarezza politica e programmatica: ma solo sulla base dei principi di fondo, politici e strategici, del marxismo rivoluzionario (lungo la continuità di Marx, Lenin, Trotskij, Luxenburg, Gramsci) in contrapposizione alla socialdemocrazia e allo stalinismo. E al tempo stesso ricomponendo e aggregando su queste posizioni rigorose, fuori da ogni settarismo, l’insieme delle forze del movimento operaio e della sua avanguardia disponibili a convergere oggi su di esse, al di là della loro diversa collocazione e provenienza. In questo senso – come afferma la risoluzione conclusiva dei nostri compagni alla conferenza dei Giovani comunisti – la rifondazione dell’Internazionale comunista rivoluzionaria è la rifondazione della Quarta Internazionale.

Questa non è, oggi, una mera petizione di principio ma, per un verso, la prosecuzione di una iniziativa e di relazioni politiche che, con tempi e profondità diversi, tutti noi abbiamo già avviato e sperimentato e, per un altro, la piena partecipazione come soggetto politico con pari dignità, assieme a forze e tendenze marxiste rivoluzionarie di altri Paesi, alla battaglia politica e programmatica per la rifondazione della Quarta Internazionale, cioè la partecipazione a pieno titolo al Movimento per la Rifondazione della Quarta Internazionale (MRQI) e, innanzi tutto, alla conferenza internazionale per delegati che il MRQI andrà a svolgere entro la primavera-estate del 2003 in Argentina. Sarà questa una prima importante discussione democratica fra militanti internazionalisti di diversi Paesi sull’avanzamento della proposta di rifondazione internazionale e sui compiti che ne derivano.

La rifondazione internazionale è una prospettiva difficile e complessa, ma la svolta d’epoca che segna il mondo, il crollo del sistema di dominio burocratico eredità dello stalinismo, la crisi profonda della socialdemocrazia e dei vecchi canali e strumenti del controllo di massa, la crescente percezione dell’insufficienza del movimentismo, uniti all’affacciarsi di una giovane generazione creano uno spazio storico nuovo, sociale e politico, per un polo marxista rivoluzionario internazionale. In ogni paese, un coerente intervento e lavoro dei comunisti deve collocarsi in questa prospettiva internazionale.

A sua volta il lavoro di costruzione di partiti rivoluzionari come parte di una rifondazione internazionale richiede sempre ai comunisti rivoluzionari non semplicemente l’attivazione di un’area di influenza e di opinione o di generici coordinamenti, ma lo sviluppo di un’organizzazione di militanti e di quadri; quale che sia l’ambito di raggruppamento dei rivoluzionari, indipendente o meno.

Il patrimonio di posizioni strategiche oggi raggiunto da Progetto comunista, sul terreno nazionale e internazionale, consente e richiede uno sviluppo politico-organizzativo in direzione di una nuova associazione che, realizzando una più larga unità di energie militanti e di risorse, possa affrontare e superare i limiti e le insufficienze registrate nella precedente esperienza: costruire il quadro organizzato del nostro dibattito democratico; attivare un lavoro permanente di formazione dei quadri; consentire un bollettino interno regolare di informazione e dibattito; favorire coordinamenti di settore nel nostro intervento di massa; consentire una partecipazione più ampia al dibattito internazionale sulla rifondazione comunista internazionale. Ragioni che saranno affrontate e approfondite dentro il processo costitutivo della nuova associazione.

La costruzione della nuova associazione può e deve congiungersi con lo sviluppo della battaglia politica nel Prc, in uno scenario politico che nella prossima fase potrebbe essere più favorevole. La maggioranza dirigente è al suo interno profondamente divisa. In vista del 2006 riproporrà la ricomposizione di un accordo negoziale con il centrosinistra passando per la moltiplicazione degli accordi locali. La crisi dei Ds e nuove dinamiche di scomposizione e ricomposizione potranno interferire con questa prospettiva senza tuttavia mutare la direzione di marcia della maggioranza dirigente del Prc. Nei prossimi mesi l’annunciata convenzione Prc-Ulivo sarà un primo laboratorio di questa prospettiva. Si creerà quindi uno spazio a sinistra per la nostra battaglia. Molti militanti di base bertinottiani, che hanno creduto alla “svolta a sinistra”, avranno la possibilità di fare la verifica delle proprie illusioni. Dovremo saper sviluppare nei loro confronti una battaglia di polarizzazione e di conquista alle nostre posizioni.

Parallelamente, proprio lo sviluppo di queste nuove contraddizioni, e in particolare la possibilità che il Prc condivida responsabilità di governo dopo il 2006 in un cambio obiettivo di collocazione di classe, richiede ai comunisti rivoluzionari uno strumento più saldo, radicato, militante che possa in prospettiva animare e dirigere scelte impegnative sul terreno della costruzione indipendente del partito, con la capacità di aggregare un più largo campo di forze. L’associazione è una risposta anche a questa esigenza.

Infine la formazione dell’associazione può e deve combinarsi con il mantenimento di una relazione unitaria e feconda con i compagni della nostra area congressuale che decideranno di non aderirvi. Nessuna diversità di libera scelta dovrà trasformarsi in uno steccato. Anzi è importante preservare come è naturale, nella vita del partito, un raccordo unitario e la continuità del confronto politico.

In questo quadro e con questo spirito, l’assemblea nazionale di Progetto comunista avvia il processo di formazione della nuova associazione che definirà, a partire dalle linee essenziali dei documenti politici indicati, i testi politici costitutivi, la carta statutaria, gli assetti organizzativi dell’associazione sulla base della più ampia partecipazione di tutti/e i/le compagni/e che vi aderiranno.
Questo processo costituente partirà nel mese di settembre e sfocerà nell’assemblea costitutiva dell’associazione nel gennaio 2003.

Marina di Massa, 21 luglio 2002

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Seminario di Progetto Comunista»

7772