il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Grazie Londra

Grazie Londra

(27 Marzo 2011) Enzo Apicella
Londra. In 500.000 contro il governo Cameron. Assaltati negozi, banche e anche Fortnum & Mason, l'esclusivo negozio di tè a Piccadilly

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale e lavoro)

SITI WEB
(Lotte operaie nella crisi)

Il 30 novembre 2013, alle ore 15, in Largo Cairoli a Milano manifestazione regionale del movimento per rivendicare casa e reddito per tutti

(25 Novembre 2013)

Milano –lunedì, 25 novembre 2013

usb

Prosegue la lotta avviata con lo sciopero del 18 ottobre e la giornata di lotta del 19 ottobre

USB ringrazia i lavoratori che numerosi come non mai hanno scioperato con il sindacalismo conflittuale il 18 ottobre e riempito le strade e le piazze di Roma.

Vista la riuscita dello sciopero CGIL-CISL-UIL- corrono ai ripari cercando di rifarsi un’immagine con sciopericchi di facciata dopo che per anni si sono resi complici delle scelte dei vari governi: basti pensare che solo USB ha presentato la piattaforma contrattuale per riaprire la contrattazione dei quasi 4 milioni di dipendenti pubblici che hanno il contratto bloccato, mentre CGIL-CISL –UIL accettano di fatto il blocco contrattuale che dura ormai dal 2009

Ma padroni e governo non mollano, e riprendono a organizzare altri tagli allo stato sociale e ai diritti

Anche noi non molliamo e invitiamo i lavoratori a proseguire la lotta

Il 30 novembre 2013 a Milano manifestazione regionale del movimento per rivendicare casa e reddito per tutti : USB invita tutti i lavoratori, pubblici e privati, a partecipare in massa al corteo per continuare a unire la lotta per il diritto al lavoro, al salario, alla contrattazione, che sono stati al centro dello sciopero del 18 ottobre, al diritto alla casa e al reddito che è stata la rivendicazione del 19 ottobre.

LA LOTTA CONTINUA !!!!!

contro le drastiche ricette del FMI, della BCE e dell’Unione Europea che in nome della stabilità monetaria impongono al nostro paese rovinose politiche sociali, contro la precarietà del lavoro e della vita.


per un piano nazionale sull’occupazione basato su opere socialmente necessarie, contro ogni forma di precarietà, per il rilancio qualificato di una pubblica amministrazione al servizio dei cittadini,

per lo sblocco dei contratti del pubblico impiego e per un rinnovo reale dei contratti del settore privato, per seri aumenti salariali, pensioni adeguate e un reddito garantito per chi un lavoro non ce l'ha a sostenere una vita dignitosa,

per la nazionalizzazione delle aziende strategiche, contro la privatizzazione dei servizi pubblici per un fisco equo che scovi gli evasori e riduca la pressione fiscale sui lavoratori dipendenti e sulle fasce più deboli della popolazione;

per la difesa della scuola, dell'università, della ricerca, della sanità e previdenza pubblica, per la regolarizzazione generalizzata di tutti i migranti e l’abolizione della Bossi Fini, della Turco/Napolitano e tutte le normative europee o territoriali discriminatorie e per la democrazia sui posti di lavoro.



Milano 21 novembre 2013

Unione Sindacale di Base

4840