il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Dove volano i salami

Dove volano i salami

(2 Maggio 2010) Enzo Apicella
Arrestati undici 'Falchi' della polizia di Napoli, per aver "ripulito" il carico di un tir rapinato

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Storie di ordinaria repressione)

  • Senza Censura
    antimperialismo, repressione, controrivoluzione, lotta di classe, ristrutturazione, controllo

LIBERTA’ PER MATTIA, CHIARA, CLAUDIO E NICCOLO’!

(13 Dicembre 2013)

Lunedì 8 dicembre è scattato l’ennesimo attacco repressivo contro il movimento No Tav con l’arresto di quattro compagni: Mattia, Chiara, Claudio e Niccolò, oltre alla perquisizione dell’Asilo Occupato di Torino e di alcune case occupate a Milano. Gli arresti sono avvenuti proprio nell’anniversario della ripresa del presidio di Venaus del 2005 e non sarebbe da stupirsi sulla tempistica scelta dalla magistratura per “sbeffeggiare” i No Tav.

Le accuse si basano sull’articolo 280 e 280bis “attentato con finalità terroristiche, atto di terrorismo con ordigni micidiali ed esplosivi, detenzione di armi da guerra, danneggiamento”. I fatti si riferiscono a un’azione notturna contro il cantiere/fortino della dilaniata Val Clarea avvenuta la notte tra il 13 e il 14 maggio scorso.

Com’è accaduto per vari episodi repressivi precedenti, anche in questa inchiesta la magistratura e la classe politica tentano di far passare per terrorismo la lotta e la resistenza in Val di Susa contro il progetto capitalista dell’alta velocità. Non ci stupisce il noto copione della borghesia: chi si batte contro questo sistema classista basato sullo sfruttamento dell’uomo e della natura viene etichettato puntualmente come un terrorista. La volontà è sempre quella di dividere il fronte della lotta No Tav criminalizzando i compagni. Tentativo completamente andato a vuoto poiché la Valle anche questa volta ha serrato le proprie fila attorno agli arrestati con un’estesa e unitaria solidarietà.

Ci stringiamo attorno agli arrestati, esprimendo loro la nostra massima solidarietà e complicità. Terroristi sono i responsabili dell’attuale crisi economica che ci affamano quotidianamente, che scatenano guerre imperialiste in giro per il mondo, che devastano e saccheggiano in nome del profitto. Terrorista non è certo chi si oppone e combatte contro questa barbarie.


LA LOTTA NO TAV NON SI ARRESTA E NON SI DIVIDE!

Collettivo Politico Gramigna

6923