il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

PRIMA PAGINA

  • Sviluppi e compiti
    (17 Ottobre 2019)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    APPUNTAMENTI
    (Capitale e lavoro)

    • 18 Ottobre 2019 - Mestre (VE)
      Contro lo sfruttamento del lavoro e della natura, contro repressione e militarismo, per un fronte di lotta anti-capitalista

    SITI WEB
    (Lotte operaie nella crisi)

    TORNARE IN PIAZZA

    (15 Dicembre 2013)

    Organizzati
    Con i nostri simboli
    Con le nostre idee
    Per obiettivi immediati
    Lavoro e Diritti Sociali, Salario, Casa, Salute, Istruzione.

    Questi giorni di manifestazioni di piazza di cui sono stati protagonisti i cosiddetti forconi hanno tolto ogni dubbio sul che fare.

    La protesta del ceto medio impoverito dalla crisi del capitalismo e dalle politiche neoliberiste finisce nelle mani dell’estrema destra. Non è una novità, è già avvenuto con il fascismo in Italia.

    Le domande che servono per capire e agire, perché è successo ? di chi è la colpa ? nella crisi devastante del capitalismo, rischiano di trovare ancora una volta una risposta reazionaria che parla di ordine, gerarchia, nuove forme di sfruttamento.

    Occorre mettere in campo subito un pensiero rivoluzionario. Tornare nelle piazze organizzati, operai e studenti, lavoratori dei servizi e disoccupati, per il lavoro, i diritti dei lavoratori, il diritto alla casa, alla scuola e alla sanità pubblica.

    30 anni di liberismo hanno cancellato ogni protezione sociale, i governi tutti, quelli definiti di Destra come quelli definiti di Sinistra, hanno spianato la strada alla prepotenza delle banche e dei gruppi industriali multinazionali.

    10 anni di qualunquismo hanno trasformato il senso comune, concentrando le responsabilità sui servitori, i “politici”, e nascondendo i mandanti, i padroni, preparando così il terreno all’ascesa di nuove elite né di”destra”, né di “sinistra”, come Grillo e Renzi.

    Una svolta è necessaria, per questo bisogna riportare nelle piazze le nostre idee attraverso le rivendicazioni dei lavoratori, degli studenti e di chi il lavoro non ce l’ha.

    La confusione è enorme, è necessario tornare alla chiarezza, distinguere i ricchi dai poveri, gli sfruttati dagli sfruttatori, il capitale dal lavoro, tornare nelle piazze sventolando le bandiere rosse al canto di bella ciao.

    LUNEDI’ 16 dicembre ore 17,30 alla CASA ROSSA sala Francesco Spitella, per riprenderci la Piazza

    Associazione Culturale CASA ROSSA - Spoleto

    5469