il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Gugliotta

Si apre una finestra sui metodi della polizia italiana

(14 Maggio 2010) Enzo Apicella
I TG trasmettono l'intervista a Stefano Gugliotta, che porta i segni del pestaggio immotivato da parte della polizia

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Stato e istituzioni)

SITI WEB
(Storie di ordinaria repressione)

  • Senza Censura
    antimperialismo, repressione, controrivoluzione, lotta di classe, ristrutturazione, controllo

CAMBOGIA, POLIZIA APRE IL FUOCO SU LAVORATORI TESSILI IN SCIOPERO

(3 Gennaio 2014)

cambodianprotest

gennaio 3, 2014 - 10:08

Almeno tre morti questa mattina all’esterno di una fabbrica della capitale Phnom Penh tra i lavoratori che manifestavano per migliori salari, presi di mira dalla polizia militare. Lo hanno denunciato organizzazioni per i diritti umani citate da fonti di stampa internazionale.

Una situazione ancora tesa, quella della capitale cambogiana, dove da settimane le proteste di almeno 350.0000 dipendenti delle manifatture sui 500.000 complessivi nel paese hanno praticamente paralizzato l’attività di un’industria vitale, ma quella dove più appaiono evidenti le disparità tra il trattamento dei lavoratori e i guadagni delle imprese, in buona parte attive per il mercato estero, che includono importanti marchi e catene di distribuzione internazionali.

Secondo le testimonianze, la polizia armata ha aperto il fuoco su un gruppo di operai che stavano rispondendo con il lancio di pietre e bottiglie incendiarie alle cariche della polizia che tentava di liberare una via di grande comunicazione nei sobborghi meridionali di Phnom Penh. Un morto e diversi feriti sarebbero conseguenza degli scontri per il portavoce della polizia militare Kheng Tito, ma nessuna conferma finora dalle autorità mediche.

Già ieri una manifestazione che vedeva anche monaci a fianco dei lavoratori era stata dispersa con la forza. Chiamati in questo caso a sedare la protesta militari di una speciale unità antisommossa dell’esercito (l’Unità 911) armata di spranghe, coltelli, fucili e fionde. Almeno una decina gli arrestati duramente puniti nel posto di polizia dove erano stati portati.

Le tensioni sono state incentivate ulteriormente dalla cooperazione recente tra lavoratori e opposizione politica, uniti in diverse occasioni nelle proteste di piazza. I primi per chiedere un aumento di salario fino a 160 dollari mensili (contro gli 80 attuali), i secondi per chiedere le dimissioni del premier Hun Sen, rieletto lo scorso luglio con una consultazione dichiarata irregolare dagli oppositori dopo 28 anni al potere.

[CO]

Misna

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Storie di ordinaria repressione»

Ultime notizie dell'autore «MISNA»

4995