il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Scusa, India!

Scusa, India!

(15 Marzo 2013) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

Somalia a rischio anarchia, attentati firmati Al Qaeda

(3 Gennaio 2014)

Soldati delle forze africane presidiano il Paese, minacciato dalle attività di Al Shabaab. Rivendicazione del gruppo qaedista: «L'obiettivo erano i funzionari dello spionaggio».

somarisk

Triplice attacco dinamitardo al Jazira hotel di Mogadiscio

di Rita Plantera

Città del Capo, 3 gennaio 2014, Nena News - Non c'è tregua agli attacchi di Al Shabaab nella capitale somala. Con un comunicato rilasciato dal suo portavoce, Ali Mohamud Rage, il gruppo al-qaedista ha rivendicato il triplice attacco dinamitardo al Jazira hotel di Mogadiscio - non lontano dall'aeroporto e dal quartier generale dell'ONU -, lo stesso hotel frequentato da funzionari governativi e da stranieri, colpito da un attacco kamikaze a settembre 2012 mentre il presidente somalo Hassan Sheikh Mohamud a due giorni dalla nomina stava tenendo una conferenza stampa.

«Al Shabaab assume la piena responsabilità per l'attacco che aveva come obiettivo una riunione di alti funzionari dell'intelligence a Mogadiscio. Gli apostati sono gli occhi e le orecchie degli invasori e questi attacchi servono come una meritata punizione per il loro ruolo nel guidare e assistere le forze d'invasione nella loro crociata. Il destino di stranieri e mercenari locali rimarrà lo stesso fino a quando non lasceranno il Paese...non avranno alcun rifugio sicuro in Somalia».

Tre bombe esplose nel giro di un'ora davanti all'entrata principale, le prime due in rapida successione seguite dagli scontri a fuoco tra le forze di sicurezza e gli attentatori nei quali sono rimaste uccise almeno cinque persone. Mentre la terza è esplosa all'interno di una macchina quando erano in corso le ricerche dei militari. Il bilancio provvisorio è di almeno 11 morti - tra cui anche civili - e 40 feriti, secondo quanto riportato dal portavoce della polizia somala, il generale Mohamed Yusuf Omar Madale. Nel 2013 Al Shabaab si è reso responsabile di una media di circa un attacco ogni sei o otto settimane tra cui l'assedio di settembre al Westgate di Nairobi che ha fatto almeno 67 vittime.

Il mese scorso a Mogadiscio un altro attentato in un hotel ha lasciato cinque morti e almeno 15 feriti mentre un'autobomba è esplosa l'8 novembre davanti all'Hotel Makkah Al-Mukarama e la scorsa settimana almeno 11 persone sono state uccise da una bomba telecomandata in un ristorante.

L'attacco all'hotel Jazira non fa che aumentare i timori dei Paesi limitrofi che la Somalia possa scivolare di nuovo nell'anarchia se i recenti successi militari contro Al Shabaab non verranno consolidati. Il gruppo crea non poco imbarazzo al governo, la cui sopravvivenza dipende dai circa 18mila soldati delle forze di pace africane e dai donatori che ogni anno versano centinaia di milioni di dollari per garantire a questo Paese del Corno d'Africa dalla storia dannata i servizi di base. A ciò si accompagna l'attività delle intelligence dei governi più forti, per scongiurare che il gruppo riconquisti terreno diventando il principale attrattore in Africa per gli altri gruppi jihadisti e stringa alleanze con le cellule di Al Qaeda nello Yemen, da cui lo separa solo lo stretto Golfo di Aden, o potenzialmente quelle con Al-Qaeda nel Maghreb Islamico (AQIM) e Boko Haram.

Risorto come l'araba fenice dopo la ritirata del 2011 dalle aree urbane cui l'avevano costretto i contingenti africani per riversarsi in quelle rurali, Al Shabaab con una serie di attacchi devastanti contro obiettivi stranieri e governativi continua a frantumare le speranze di una rinascita per un Paese devastato da decenni di guerra. Riesce a ridicolizzare i recenti successi militari delle truppe dell'Unione Africana - tra cui i grandi contingenti di Uganda, Kenya e Burundi - che non gli hanno impedito di mantenere il controllo su una serie di importanti città della costa e nella Somalia centrale, in cui ha imposto la legge della Sharia che prevede anche la lapidazione per le donne ritenute colpevoli di adulterio e l'amputazione delle mani per chi ruba.

Inserito nelle lista delle organizzazioni terroriste straniere sia dagli Stati Uniti che dal Regno Unito, Al Shabaab continua a presentarsi come una delle maggiori minacce alla stabilità regionale non solo della Somalia ma anche del Kenya, i cui contingenti gli fanno la guerra sotto la bandiera della missione di pace africana per dividersi poi i proventi dei traffici illeciti di carbone che transitano attraverso il porto di Kismayu, maggior fonte di finanziamento per il gruppo al-qaedista somalo oltre a quelli derivanti dal traffico di avorio.

Nena News

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Scenari africani»

Ultime notizie dell'autore «Nena News»

8349