il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Salvate la Sanità

Salvate la Sanità

(28 Novembre 2012) Enzo Apicella
Secondo Monti il sistema sanitario nazionale è a rischio se non si trovano nuove risorse

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale e lavoro)

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

sindacato ... e pompe funebri

(9 Gennaio 2014)

Cobas Sanità rileva con favore l’intervento dell’Assessore all’Ambiente del Comune di Venezia, finalizzato finalmente alla revoca della concessione all’impresa di Onoranze Funebri, all’interno dell’Ospedale dell’Angelo di Mestre.

Con la scusa del meccanismo del project financing, infatti, il mercato del “caro estinto” sembrava proprio esser rientrato dalla finestra, nonostante sentenze del Tar e del Consiglio di Stato avessero dichiarata ILLECITA, la possibilità di favorire il lavoro delle imprese funebri, da parte di Ulss, ospedali, Comuni.

“…I negozi non vengono più visti come fonte di reddito fine a se stessi, ma come un servizio ulteriore che migliora la qualità dell’offerta ospedaliera” aveva dichiarato Piergiorgio Baita, vicepresidente della Veneta sanitaria finanza di progetto, poco dopo l’attivazione del nuovo Ospedale di Mestre.

Servizio, non business??
INFATTI: Alla pasticceria Santi si possono ordinare orzo, ginseng e cioccolata calda, ma non un caffè. La tazzina resta esclusiva dell’altro bar H Group, sempre nella hall.
E molti clienti sono ancora costretti a fare mezza colazione da una parte, mezza dall’altra.

Gli interessi privati stanno di fatto devastando la sanità pubblica: tutto è divenuto un affare che con il sistema degli appalti e subappalti sta determinando costi non più controllabili.

COBAS Sanità chiede chiarimenti riguardo a quel 5% dell’impresa funebre dell’Ospedale dell’Angelo che risulta appartenere all’Ocral dell’Asl 12 Veneziana.

Gli Organismi per attività culturali, ricreative e assistenziali, promossi all’interno delle aziende, sono infatti previsti dall’art.11 della legge 300/1970 - "Statuto dei Lavoratori", e sono gestiti a maggioranza dai “rappresentanti dei lavoratori”.
Che cosa c’entrano questi affari poco chiari, con gli interessi dei lavoratori e con le loro rappresentanze???

Il sindacato DEVE TORNARE a VIVERE soltanto dei soldi dei suoi iscritti e non di enti bilaterali o altre forme di finanziamento!
SE IL SINDACATO NON VIVE SOLO DELLE QUOTE dei LAVORATORI, SARA’ UN SINDACATO SEMPRE Più RICATTABILE ed IN MANO ALLE CONTROPARTI.

COBAS Sanità Venezia

9388