il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Intifada anniversary

Intifada anniversary

(9 Dicembre 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Palestina occupata)

Ariel Sharon è morto definitivamente. Non se ne sentirà la mancanza

(11 Gennaio 2014)

arielemort

Nel 1982 l'esercito israeliano era forza d'occupazione a Beirut (Libano); secondo il diritto internazionale esso aveva la responsabilità di proteggere tutti i civili sotto il loro controllo. A quel tempo l'esercito israeliano era interamente sotto il controllo del Ministro della Difesa israeliano, e Ariel Sharon ne rivestiva la carica. Egli visitò Beirut e promise il supporto totale a favore della Milizia Cristiana, allora alleata degli israeliani. Ariel Sharon stesso diede luce verde ai falangisti del Libano per entrare nei campi profughi di Sabra e Chatila nella parte occidentale di Beirut, da dove i feddayn erano stato mandati via attraverso l’accordo con il negoziatore Usa Philip Habib. Anche i soldati dei paesi occidentali (tra cui l’Italia) mandati a fare da interposizione tra i campi e l’esercito israeliano, vennero ritirati. La strada dei campi profughi era aperta e totalmente indifesa. Il risultato fu il massacro, la tortura e lo stupro di centinaia di civili palestinesi disarmati, moltissimi anziani, donne e bambini. L'esercito israeliano non solo controllava i campi e non fece nulla per arrestare il massacro, ma, come fu dimostrato, aprì la strada alle milizie falangisti libanesi per l'accesso ai campi. Ricevette ordini diretti e chiari dal Ministro della Difesa – guidato da Ariel Sharon - di non interferire e lasciar mano libera e fornire aiuto alla Milizia Cristiana libanese.

Quasi venti anni dopo, il 6 febbraio 2001, Ariel Sharon, leader del Likud, vinse la battaglia decisiva contro Ehud Barak nell'elezione diretta a primo ministro avviando un nuovo capitolo nella storia del conflitto tra palestinesi e israeliani. Prima della campagna elettorale Ariel Sharon, contribuì scatenare la rivolta palestinese – la seconda Intifadah - con la sua provocatoria visita a Haram al-Sharif (Tempio della Montagna) sulla spianata delle Moschee. Nel primo anno del suo mandato Sharon non è riuscito a raggiungere né la pace né la sicurezza, ma solo una costante escalation della violenza. Nel suo secondo anno si è rivelato ancora una volta come l'uomo che concepisce la forza militare come unico strumento politico e il campione delle soluzioni violente. Nelle parole di Sharon i palestinesi: "Devono essere battuti. Dobbiamo infliggere loro un alto numero di vittime e allora sapranno che non possono continuare a usare il terrore e ottenere vantaggi politici". Il più vasto obiettivo politico di Sharon era quello di spazzare via i resti degli accordi di Oslo, completare la riconquista dei Territori, rovesciare l'autorità palestinese, indebolire e umiliare la leadership palestinese e rimpiazzare Yasser Arafat con un leader più accondiscendente.

Quattro anni dopo, ormai eliminato Arafat, Sharon provò a presentarsi come l’uomo della pace giocando nuovamente la carta della “generosa offerta” ai palestinesi.

Gli osservatori internazionali più esperti sanno bene che "il diavolo si nasconde sempre nei dettagli". Il discorso pronunciato dal premier israeliano Sharon all'assemblea generale dell'ONU del settembre 2005 ne è la conferma. Impropriamente impazzarono i commenti positivi ad alcuni passi del suo discorso, in modo particolare quando si sarebbe riferito al diritto all'esistenza di uno Stato palestinese. I commenti della stampa israeliana sono stati definiti "entusiasti" (ad eccezione di quella vicina alla destra del Likud), anche la stampa italiana ed europea ha scelto la stessa valutazione. Eppure proprio tra le righe dei resoconti dei corrispondenti delle varie testate, si nascondeva ancora una volta il diavolo.
Ariel Sharon all'ONU era intervenuto nella propria lingua madre - l'ebraico - il compito dei traduttori si così rivelato decisivo per tradurre e spiegare al resto del mondo le parole di Sharon. Molti corrispondenti hanno riportato le sue parole come "diritto ad uno Stato Palestinese" (Corriere, La Repubblica), ma altre corrispondenze (La Stampa, il Messaggero) riportarono una traduzione significativamente diversa delle parole di Sharon, secondo cui egli avrebbe parlato di "entità nazionale e sovrana" e non di "Stato".
I più esperti sanno che già le parole di Lord Balfour all'inizio del XX secolo ("il diritto ad un focolare ebraico in Palestina"), diedero sponda a fraintendimenti che hanno spianato la strada ad un conflitto sanguinoso. Chi ha esperienza di Medio Oriente sa bene che una parte del mondo e delle organizzazioni arabe o islamiche non riconoscendo l'esistenza dello Stato di Israele non lo chiamano come tale ma lo definiscono "entità sionista". Contro questa negazione la autorità israeliane protestano in tutte le sedi internazionali.
Nel dicembre dello stesso anno – il 2005 – Sharon venne colpito da un ictus, a gennaio entrava in un coma dal quale non si è più ripreso fino alla morte sopravvenuta oggi.

Non solo i palestinesi ma anche il mondo non sentirà affatto la mancanza di Ariel Sharon.

Sergio Cararo - Contropiano

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Palestina occupata»

Ultime notizie dell'autore «Contropiano / Rete dei comunisti»

7348