il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Comunisti e organizzazione    (Visualizza la Mappa del sito )

Ricordando Stefano Chiarini

Ricordando Stefano Chiarini

(6 Febbraio 2007) Enzo Apicella
E' morto Stefano Chiarini, un giornalista, un compagno,un amico dei popoli in lotta

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Memoria e progetto)

Carla Ravaioli, la ragazza che vedeva lontano

(17 Gennaio 2014)

carlaravaio

Que­sto è l’ultimo arti­colo («Una rivo­lu­zione senza pre­ce­denti. E’ qui la sini­stra») che Carla Rava­ioli scrisse per il mani­fe­sto il 15 otto­bre del 2011 in occa­sione di una straor­di­na­ria gior­nata di pro­te­sta in vari paesi. L’ultimo di una col­la­bo­ra­zione che negli anni l’aveva vista impe­gnata nella cri­tica al modello di svi­luppo delle società moderne.

Quanto è acca­duto sabato scorso in novan­ta­cin­que città del mondo (a pre­scin­dere dalle vicende ita­liane, sol­tanto ita­liane, che esi­gono un discorso spe­ci­fico ad esse esclu­si­va­mente dedi­cato) parla di qual­cosa come cin­quanta e più milioni di per­sone in mar­cia con­tro il capi­ta­li­smo. A negare cla­mo­ro­sa­mente la vul­gata che con insi­stenza da tempo parla di neo­li­be­ri­smo incon­tra­stato e vin­cente, dun­que di “fine delle sini­stre”. Ciò che peral­tro in effetti risponde non solo quan­ti­ta­ti­va­mente alla debo­lezza delle sini­stre, ma alla totale man­canza di una poli­tica che possa in qual­che misura distin­guerle dalle logi­che domi­nanti; pre­scin­dendo ovvia­mente dall’impegno soste­nuto soprat­tutto dai sin­da­cati a favore dei lavo­ra­tori, nello spe­ci­fico di situa­zioni di volta in volta in que­stione (sala­rio, orari, man­sioni, “difesa del posto di lavoro”); una lotta indub­bia­mente utile, anzi indi­spen­sa­bile, che però non rimette in alcun modo in causa l’organizzazione pro­dut­tiva nelle sue logi­che e nelle sue rica­dute, né in alcun modo garan­ti­sce un’occupazione sem­pre più a rischio.
Di fatto “ripresa”, “uscita dalla crisi”, “rilan­cio della pro­du­zione”, sono gli obiet­tivi che — non diver­sa­mente dall’intero mondo poli­tico — le sini­stre auspi­cano e per­se­guono, nel segno dell’accumulazione capi­ta­li­stica. Di recente addi­rit­tura è stato recu­pe­rato il vec­chio slo­gan “Creare posti di lavoro”: insen­sato invito alla pro­mo­zione di atti­vità desti­nate solo a occu­pare vite altri­menti rite­nute inu­tili; di fatto capo­vol­gi­mento del lavoro nella sua fun­zione di rispo­sta a biso­gni dati.

L’origine di tutto ciò risale d’altronde a fatti lon­tani, da potersi sostan­zial­mente situare nel tren­ten­nio della grande ripresa post­bel­lica, quando l’organizzazione pro­dut­tiva che andava via via impo­nendo al mondo i modi e le logi­che dell’ accu­mu­la­zione capi­ta­li­stica, e model­lan­dolo di con­se­guenza, per più versi però parve ogget­ti­va­mente miglio­rare le con­di­zioni delle classi lavo­ra­trici; e fu allora che le sini­stre (pur senza mai negare quell’anticapitalismo nel cui nome erano nate) in qual­che misura anda­rono rimo­del­lando le pro­prie poli­ti­che, pun­tando (sovente d’altronde con apprez­za­bili risul­tati) sulle riforme piut­to­sto che sulla “rivo­lu­zione”. La quale da allora, spe­cie dopo la fine dell’Urss, di fatto venne “messa in sonno”.

Ma il “pec­cato” più grave delle sini­stre è l’aver di fatto “rega­lato” il pro­gresso scien­ti­fico e tec­no­lo­gico al capi­ta­li­smo. Di fronte alla più grande rivo­lu­zione com­piuta dal pen­siero umano, che avrebbe potuto con­sen­tire quella “libe­ra­zione del lavoro e dal lavoro” auspi­cata da tutti i grandi uto­pi­sti, com­preso Marx, le sini­stre non hanno saputo che difen­dersi dal rischio della disoc­cu­pa­zione tec­no­lo­gica, d’altronde con risul­tati non pro­prio entu­sia­smanti. Di fatto ope­rando secondo la forma dell’ accu­mu­la­zione capi­ta­li­stica, accet­tan­done logica e con­se­guenze, e solo di volta in volta, nello spe­ci­fico delle sin­gole situa­zioni, com­bat­tendo spesso valo­ro­sa­mente in difesa dei lavoratori.

Oggi, “ripresa”, “rilan­cio”, “cre­scita”, pro­prio come nei palazzi del potere, sono le parole d’ordine delle sini­stre. Incu­ranti (o così par­rebbe) della qua­lità del mondo che a que­sto modo si tro­vano a soste­nere: un mondo in cui l’1% della popo­la­zione detiene il 50% della ric­chezza, 1/6 dell’umanità è sot­toa­li­men­tato men­tre in com­plesso si distrugge circa il 40% del cibo pro­dotto, un diri­gente d’azienda gua­da­gna fino a 640 volte il sala­rio di un ope­raio, la pro­du­zione di armi rap­pre­senta il 3,7% del Pil (cifra uffi­ciale secondo gli esperti assai infe­riore alla verità).

Un mondo che con­ti­nua a con­si­de­rare la crisi eco­lo­gica pla­ne­ta­ria come una sorta di varia­bile mar­gi­nale, cui dedi­care momenti di escla­ma­tiva atten­zione quando si veri­fi­cano le cata­strofi più gravi, la grande indu­stria (petro­li­fera, nucleare, che altro) viene pesan­te­mente col­pita, i muta­menti cli­ma­tici distrug­gono rac­colti agri­coli di intere sta­gioni, ecc. Senza mai pre­stare ade­guata atten­zione alle voci della comu­nità scien­ti­fica mon­diale. La quale parla di sem­pre più pros­sima e forse irre­cu­pe­ra­bile rot­tura di equi­li­bri mil­le­nari, e con­ti­nua a ricor­dare i “limiti” del pia­neta Terra: che è “una quan­tità” data, non dila­ta­bile a richie­sta, e per­tanto inca­pace sia di ali­men­tare una pro­du­zione in con­ti­nua cre­scita, sia di neu­tra­liz­zare i rifiuti, liquidi solidi gas­sosi, che ne deri­vano, e squi­li­brano l’ecosistema. Men­tre imper­ter­rito risuona il richiamo alla “cre­scita”, invo­cata come una sorta di dovere sociale, cui le sini­stre si associano.

Ma dove sono le sini­stre? Que­sta è l’obiezione di regola sol­le­vata appena si accenna a posi­zioni e ini­zia­tive che, nella situa­zione data, alla sini­stra appunto par­reb­bero appar­te­nere. E tut­ta­via, i milioni di gio­vani e meno gio­vani che sabato scorso hanno mani­fe­stato in nove­cen­to­cin­quanta città del mondo, che altro sono se non sini­stre? E i popoli della “pri­ma­vera afri­cana”? E i tan­tis­simi che si bat­tono per la pace, per i “beni comuni”, con­tro il nucleare, con­tro opere monu­men­tali quanto inu­tili, che insomma, nei modi più diversi e per i più diversi obiet­tivi imme­diati, met­tono in discus­sione le regole por­tanti del capi­tale? E le donne che, anch’esse, in folle sem­pre più vistose, mani­fe­stano il loro “sen­tire altro” dalla vul­gata del sistema impe­rante, e che per­fino nei paesi di più dura miso­gi­nia sem­pre più di fre­quente tra­sgre­di­scono la regola che le offende?

Certo, non può stu­pire che le sini­stre orga­niz­zate — quel poco che ne rimane — fug­gano di fronte a una “rivo­lu­zione” come que­sta, che per qua­lità e quan­tità non ha pre­ce­denti. E d’altronde, è pen­sa­bile che la situa­zione possa pro­trarsi così, inde­fi­ni­ta­mente? Dopo­tutto teste pen­santi, con­vinte della insop­por­ta­bi­lità sociale, cul­tu­rale e fisica, della situa­zione attuale, a sini­stra non man­cano. E non man­cano intel­li­genze capaci di una let­tura ade­guata della “glo­ba­liz­za­zione”: un pro­cesso mon­diale ormai inte­ra­mente com­piuto nella sua dimen­sione economico-finanziaria (ivi incluse deva­stanti con­se­guenze eco­lo­gi­che); sem­pre più lar­ga­mente impo­stosi dal punto di vista cul­tu­rale (con la pub­bli­cità a gio­care in ciò un ruolo deci­sivo quanto stra­vol­gente); ma di fatto tut­tora ine­si­stente sul piano poli­tico (essendo la poli­tica di fatto iden­ti­fi­cata con l’economia, e da essa sostituita).

Teste non solo pen­santi, ma volon­te­rose di “pen­sare con­tro”, e di avven­tu­rarsi sui rischiosi sen­tieri di una rivo­lu­zione che non ha pre­ce­denti né modelli… io sono certa che non man­chino. Forse si tratta solo di cominciare…

ilmanifesto.it

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «La nostra storia»

Ultime notizie dell'autore «Il Manifesto»

6041