il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Addio, porcellum

Addio, porcellum

(1 Ottobre 2011) Enzo Apicella
Oltre 1.200.000 firme per il referendum abrogativo della legge elettorale Calderoli del 2005, il cosidetto "porcellum"

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Stato e istituzioni)

Stato e istituzioni:: Altre notizie

Italiani, zero in condotta

(21 Gennaio 2014)

Federculture. Il rapporto annuale a Montecitorio: crollo dei consumi culturali e circa il 40% della popolazione non ha partecipato a nessuna mostra, film, spettacolo, concerto. Qualche soluzione? Rendere detraibili i biglietti degli eventi

srodot

Stefano Rodotà

Crollo, disa­stro, allarme. Una triade di parole che — in rife­ri­mento alla cul­tura — abbiamo sen­tito pro­nun­ciare mille volte. E poi, la sin­tassi della spe­ranza: rilan­cio, inve­sti­mento, for­ma­zione. Che però viene subito ribal­tata dalla posi­zione bas­sis­sima — ultimi ban­chi in fondo — della clas­si­fica ita­liana in mate­ria di con­sumi cul­tu­rali e di soste­gno finan­zia­rio da parte delle istituzioni.

Nel giorno della scom­parsa di Clau­dio Abbado, cui è stato tri­bu­tato un omag­gio silen­zioso da tutta la sala, a Mon­te­ci­to­rio Roberto Grossi di Feder­cul­ture ha pre­sen­tato al Par­la­mento il volto tra­gico della crisi e ha dise­gnato qual­che pos­si­bile solu­zione, in un incon­tro gre­mito di «spe­cia­li­sti» e con l’incoraggiamento della pre­si­dente della Camera, Laura Bol­drini, del pre­si­dente Anci e sin­daco di Torino Piero Fas­sino, del giu­ri­sta Ste­fano Rodotà, del diret­tore Rela­zioni Esterne e Comu­ni­ca­zione Enel, Gian­luca Comin e del segre­ta­rio gene­rale dell’Accademia di Fran­cia, Clau­dia Ferrazzi.

Quello che è andato in scena è stato un delitto per­pe­trato da kil­ler pro­fes­sio­ni­sti, una lenta morte per asfis­sia pro­cu­rata non dalla stretta sulle risorse pub­bli­che, ma da una pre­cisa volontà poli­tica, come ha sot­to­li­neato luci­da­mente Rodotà, ripor­tando la barra del timone dritta dopo alcuni sban­da­menti dei rela­tori, che invo­ca­vano la manna dei pri­vati con­tro uno stato inef­fi­ciente. Rodotà ha messo un punto: basta rac­con­tarsi la favola che i pri­vati siano sal­vi­fici e lo stato un sog­getto debole; la coge­stione del patri­mo­nio cul­tu­rale, spesso, è stata fal­li­men­tare. È suf­fi­ciente rico­no­scerlo per andare avanti, senza più falsi miti come far­dello. Ben­venga l’intervento esterno dun­que, ma nelle giu­ste pro­por­zioni e rispet­tando le regole. Secondo il giu­ri­sta, la vera domanda da porsi è: qual è il rap­porto fra cul­tura come spi­rito cri­tico e potere? Per­ché que­sto è il pro­blema prin­cipe: si deprime chi pro­duce sapere non solo per man­canza di risorse. «Il depau­pe­ra­mento è l’esito di una stra­te­gia». La cul­tura svi­luppa quella «demo­cra­zia di pros­si­mità» (e in que­sto senso, i comuni, gli enti locali sono perni poli­tici fon­da­men­tali) che favo­ri­sce i pro­getti e lo svi­luppo, que­sta volta sì, anche con l’intervento dei pri­vati. «Un defi­cit di cul­tura — con­clude Rodotà — è defi­cit di demo­cra­zia, nuove capa­cità, par­te­ci­pa­zione alla cosa pub­blica». Biso­gna ripar­tire da qui.

E allora, ecco qual­che dato per capire ciò che è acca­duto a forza di tagli, spa­ri­zioni di pro­getti edu­ca­tivi, colpi d’ascia alla scuola, fuga dalle respon­sa­bi­lità col­let­tive: il bud­get del Mibact — ora si chiama così per­ché si è accor­pata anche la voce «turi­smo» — si è assot­ti­gliato fino a 1,4 miliardi (0,20% del bilan­cio dello stato), c’è stato un crollo delle imma­tri­co­la­zioni uni­ver­si­ta­rie del 15% in dieci anni, il sud ha un patri­mo­nio in abban­dono nono­stante abbia cala­mi­tato 7,4 milioni di visi­ta­tori (ma il 75% degli incassi è rap­pre­sen­tato da Pom­pei, Ercolano,la Reg­gia di Caserta). Le ammi­ni­stra­zioni locali vivono in apnea. Le ridu­zioni dra­sti­che dei bilanci di spesa gene­rano impos­si­bi­lità di imma­gi­nare pro­getti a medio-lungo ter­mine e vuoti pneu­ma­tici di ini­zia­tive tanto che il ter­ri­to­rio ita­liano ha perso la sua capa­cità di «attrat­tore». E se dall’estero comin­ciano a vol­gere lo sguardo altrove, all’interno le cose non vanno meglio. Sono dimi­nuiti i let­tori di libri (3%) e i non let­tori hanno toc­cato il tetto del 50%. Non che gli altri campi di inte­resse sfo­de­rino dati con­for­tanti: il rap­porto annuale di Feder­cul­ture dice che 39 ita­liani su 100 non sono andati a mostre, con­certi, spet­ta­coli, cinema. Per la prima volta in venti anni di ten­denza posi­tiva e di cre­scita, hanno rinun­ciato per dodici lun­ghi mesi a impie­gare il tempo libero in atti­vità che pro­du­cono cono­scenza, unico modo per sfi­dare la morsa della reces­sione e inven­tarsi un futuro pos­si­bile. Il nostro indice di par­te­ci­pa­zione cul­tu­rale nazio­nale è pari all’8% men­tre la media Ue è 18%, con in testa la Sve­zia. Se si aggira il fasti­dio della «per­fe­zione nor­dica» in mate­ria di wel­fare si capi­sce subito che lì, i cit­ta­dini per­ce­pi­scono gli eventi cul­tu­rali come un «bene comune», gra­zie anche alla spesa che lo stato sostiene per ognuno di loro: 262 euro a testa.

Qui, invece, boc­cheg­giano gli enti locali e tra­col­lano i musei e le fon­da­zioni (il Reina Sofia può con­ta­resu 42,3 milioni di euro con­tro i 9 del Palaexpo di Roma, di cui 58% auto­fi­nan­ziati). Il con­fronto con altri paesi imma­lin­co­ni­sce, come è stato rile­vato anche a Mon­te­ci­to­rio. Ma qual­cosa si può ancora fare, secondo Feder­cul­ture. Inver­tire la rotta, ricon­vol­gere nel set­tore quel 23% dei gio­vani che non stu­dia né lavora, dare fidu­cia a coo­pe­ra­tive e asso­cia­zioni di gio­vani, ripor­tare l’insegnamento della sto­ria dell’arte e della musica nelle scuole, ren­dere detrai­bili fiscal­mente non solo i libri, ma anche i biglietti di mostre, cinema, tea­tro e le spese soste­nute per i corsi di aggior­na­mento e formazione.

Arianna Di Genova, Il Manifesto

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie dell'autore «Il Manifesto»

5332