il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

4 Novembre

4 Novembre

(4 Novembre 2009) Enzo Apicella
91° anniversario della fine del Primo Macello Mondiale

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

La Tunisia ad un passo dalla Costituzione

(24 Gennaio 2014)

Domani voto definitivo del Parlamento sul nuovo testo costituzionale, progressista e laico. Ma la battaglia prosegue: ancora troppe le discriminazioni economiche.

tunisiacost

dalla redazione

Roma, 24 gennaio 2014, Nena News - Domani la Costituzione tunisina passerà per il voto definitivo del Parlamento. Esattamente a tre anni dalla caduta del regime di Ben Ali, il Paese compie un altro passo nel processo lungo e accidentato - costellato di crisi interne, omicidi politici e manifestazioni di massa - verso la stabilità e la democratizzazione.

La Tunisia che abbraccia il nuovo testo costituzionale, lodato da più parti come una carta democratica e progressista, non è un Paese pacificato. Le differenze socio-economiche che portarono il popolo tunisino in piazza a dicembre del 2010 permangono, soprattutto nelle aree più povere e marginalizzate.

Oggi però è giorno di festa: "Finalmente abbiamo raggiunto questo momento", ha commentato il presidente del parlamento Mustafa Ben Jaafar. Restano da parte le diatribe interne tra il partito islamista di governo Ennahda e le forze liberali e di sinistra, impegnati nell'ultimo periodo nel raggiungimento di un accordo per la creazione di un governo tecnico che conduca il Paese alle elezioni presidenziali.

Il nuovo primo ministro, Mehdi Jomaa, ha promesso al popolo tunisino la nomina di un nuovo esecutivo dopo l'approvazione definitiva del testo costituzionale, mentre Ennahda annunciava un incontro lunedì per la firma della nuova costituzione.

Il lavoro non è però terminato: "Sto provando a immaginare quali saranno le prossime sfide - ha detto Amira Yahyaoui, presidente dell'organizzazione che monitora l'attività dell'Assemblea Costituente - C'è ancora lavoro da fare per gli attivisti dei diritti umani in Tunisia. Dobbiamo combattere per assicurare il rispetto della costituzione e per impedire la violazione dei diritti umani riconosciuti".

Una costituzione figlia della rivoluzione che nel suo primo articolo sancisce l'uguaglianza di tutti i cittadini di fronte alla legge, una scelta unica nel mondo arabo frutto delle pressioni delle formazioni laiche del Paese. Dalla costituzione resta fuori la legge islamica, la Shari'a, che non è considerata base del diritto, mentre entrano i diritti dei prigionieri, il divieto di tortura e l'uguaglianza uomo-donna (seppur la Tunisia abbia da tempo un articolo che tutela l'uguaglianza di genere).

Il lavoro da fare è ancora molto: le ragioni che spinsero il Paese, giovani in testa, a lanciare una rivoluzione contro il vecchio regime sono ancora saldamente presenti. A tre anni dalla rivolta contro Ben Ali, il governo islamista non è stato in grado di dare nuovo vigore all'economia tunisina, a creare nuovi posti di lavoro e a ridurre i gap economici e sociali tra la popolazione del Paese. Secondo l'Istituto Nazionale di Statistica, oggi il tasso di disoccupazione nazionale è pari al 15,7%, ma sale al 20-29% in città come Siliana, Gabes o Sidi Bouziz, luogo di inizio della rivoluzione tunisina: le periferie e il Sud del Paese continuano ad essere marginalizzate dalle politiche del governo e, come spiegava Mohammed Miraoui, capo del sindacato di Gafsa, "non un singolo progetto di investimento è stato realizzato dal 2012 ad oggi".

Nena News

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Paese arabo»

Ultime notizie dell'autore «Nena News»

7994