il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Ventiquattro ore senza di noi

Ventiquattro ore senza di noi

(1 Marzo 2010) Enzo Apicella
Sciopero generale dei lavoratori migranti

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(L'unico straniero è il capitalismo)

Dichiarazione della Segreteria del Partito Comunista della Svizzera Italiana dopo il voto svizzero contro l'immigrazione del 9 febbraio 2014

(17 Febbraio 2014)

Ai Partiti comunisti e di sinistra di tutto il mondo

dichiaraz

1 - Il 9 febbraio 2014 l'iniziativa razzista contro l'immigrazione, promossa dal partito ultra-nazionalista svizzero UDC/SVP, è passata in votazione popolare. Il risultato per i diritti sociali e per il diritto umanitario è negativo, come noi comunisti avevamo previsto.

2 - Questa decisione mette a rischio numerosi posti di lavoro, favorisce le delocalizzazioni e danneggia conseguentemente l'economia nazionale (che esporta nell'UE per il 60%). I lavoratori svizzeri sono stati messi contro i lavoratori immigrati sacrificando l'unità di classe.

3 - Gli accordi bilaterali fra Svizzera e Unione Europea (UE) hanno creato una forte liberalizzazione del mercato del lavoro a tutto vantaggio del capitale. Il Partito Comunista auspica da anni una rinegoziazione di tali accordi, esaltati invece dalla socialdemocrazia e dalla destra economica.

4 - Il governo svizzero si deve assumere la piena responsabilità politica dell'attuale situazione. La subalternità della borghesia svizzera nei confronti dell'imperialismo europeo e nel contempo la sua totale incapacità di affrontare i problemi sociali nelle zone di frontiera del nostro Paese - come da anni denunciano i comunisti e i sindacati - è alla base di questo disastroso successo dell'estrema destra sciovinista.

5 - Il segretario generale del Partito della Rifondazione Comunista (PRC, Italia), compagno Paolo Ferrero, ha invitato l'UE a rispondere al popolo svizzero "interrompendo i rapporti commerciali e finanziari" fra Bruxelles e Berna. E' una proposta pericolosa perché così si soffia sul fuoco latente del conflitto inter-imperialista che potrebbe scoppiare in questo momento di crisi economica e istituzionale in Europa. Questa uscita del compagno Ferrero potrà essere usata dalle forze politiche anti-europeiste di stampo fascista per fomentare i nazionalismi e quindi il protezionismo.

6 - I comunisti svizzeri restano convinti che la Svizzera non debba aderire all'UE, tuttavia auspichiamo che il nostro Paese sviluppi relazioni di cooperazione con tutti i paesi, a partire dai BRICS, nell'ottica del multipolarismo. Solo un mondo multipolare che rifugga dai nazionalismi può oggi impedire che l'Europa conosca una nuova guerra inter-imperialista.

Partito Comunista della Svizzera Italiana
Massimiliano Ay, segretario politico

marx21.it

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «L'unico straniero è il capitalismo»

Ultime notizie dell'autore «Associazione politico-culturale Marx 21»

8264