il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Bell'Italia amate sponde

Bell'Italia amate sponde

(16 Maggio 2009) Enzo Apicella
L'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ha reiterato al ministro dell’Interno, Roberto Maroni, la richiesta di porre fine alla prassi del respingimento di migranti dalla Libia.

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(La tolleranza zero)

CARA MINEO 16/02: ….Eppur si muove il fronte antirazzista

(18 Febbraio 2014)

caramineo

Molte“ zeppole” avvelenate pervase di odio e di perversa discriminazione contro gli essere umani, sui “nuovi diversi”, i migranti, ( rom) , in travagliata ricerca di pace, giustizia e libertà, sono stati scientificamente seminati nel corso degli ultimi anni. Sono stati stravolti i valori fondativi costituzionali della nostra Repubblica, sui dettami dei diritti civili, dell’accoglienza e della solidarietà. Tante nuove, mute ed egoiste indifferenze si sono consolidate. Troppe “civili coscienze” dormono sonni tranquilli di fronte ai grandi atti reclusori in atto.

Andando indietro nella memoria recente e persecutoria della nostra storia, avvenne già nel 38, ai danni di altri “diversi”, imperando, in quei nefasti dì, dittatura, censure e violenze.

Eppure si muove, pur con difficoltà, in maniera attiva e propositiva, il Fronte antirazzista e solidale.

E’ avvenuto ieri nel catanese, davanti al CARA di Mineo. La mega area di “richiusura” - la più grande in Europa - per migliaia di migranti, uomini e donne che, sfidando le “ire” mortali del Mar Mediterraneo, dopo lunghi attraversamenti in terra d’Africa, sono approdati in Sicilia….i sopravvissuti, fuggendo da guerre, dittature e fame. Così come avviene in tant’altri luoghi sparsi nell’isola e nel territorio nazionale, chiusi dalle sbarre integrali ( CIE).

Quattromila e più in quest’oggi sono lì “giacenti”. Rimangono “posteggiati” per lunghi tempi, anche oltre l’anno e mezzo, per cercare di avere riconosciuto il diritto d’asilo; in una quotidianità travagliata, asfittica e sofferente. Poi, con la carta in mano, vengono di fatto lasciati in strada, privi di adeguati supporti per l’integrazione sociale per realizzare la nuova agognata vita.

I cittadini democratici, “ non dormienti”, in diverse centinaia, provenienti da località del catanese e di altre zone siciliane, hanno manifestato domenica 16 febbraio, al grido di “Per la chiusura del Cara di Mineo e di tutte le galere etniche”.Le bandiere delle associazioni si sono mischiate a quelle della Pace e del No Muos.

Una mattinata di intensa ed attiva solidarietà, di mischiamento dei colori umani – il bianco e il nero -, di protesta e rivendicazioni. Un’iniziativa promossa da un cartello di circa quaranta Soggetti della rappresentazione associativa, politica e sindacale.

In parecchi dei migranti, pur nel quadro intimidatorio quotidianamente subito, hanno partecipato. Hanno raccontato, urlato, le sofferenze, le speranze, le gravi insufficienze della propria vivibilità, a partire dai diritti più elementari.

Non hanno Libertà, sono impauriti, sgomenti del trattamento subito.

La lotta, per il riscatto degli Umani, continua.

17/02/2014

domenico stimolo

4315