il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Il predellino

Il predellino

(29 Marzo 2011) Enzo Apicella
Guerra in Libia. Videoconferenza tra Obama, Merkel, Cameron, Sarkozy. Il governo italiano non è invitato

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

LIBIA. Assemblea Costituente, il flop delle elezioni

(21 Febbraio 2014)

Alle urne si presenta solo il 31.7% degli aventi diritto al voto. In Cirenaica, gruppi islamisti attaccano i seggi elettorali: un morto a Derna. I berberi boicottano il voto.

libiasse

dalla redazione

Roma, 21 febbraio 2014, Nena News – Le elezioni in Libia? Un flop: alle urne non è andato nemmeno un libico su due. Secondo i dati forniti dalla commissione elettorale, ha votato per la formazione dell’Assemblea Costituente solo il 31,7% degli aventi diritto. Sullo sfondo, un clima di altissima tensione, scontri e un morto.

Si trattava del secondo voto democratico dopo le elezioni legislative del luglio 2012. Stavolta si eleggevano i membri dell’organo incaricato di redigere la nuova carta costituzionale libica. La Costituente sarà composta da 60 membri, divisi equamente tra le tre regioni – Cirenaica, Tripolitania e Fezzan; sei seggi sono destinati a donne e sei alle minoranze berbere.

Dei 1.531 seggi sparsi per tutto il Paese, però, alcuni non sono riusciti ad aprire le porte a causa degli attacchi subiti: a Sud e ad Est alcuni seggi sono stati presi d’assalto da miliziani armati che hanno appiccato il fuoco o rubato i registri. Cinque scuole sono state date alle fiamme e, quando gli elettori e gli organizzatori si sono spostati in un altro seggio elettorale, uomini armati li hanno seguiti e hanno sparato in aria, costringendoli alla fuga. Si è registrato un morto a Derna, in Cirenaica, città roccaforte di gruppi estremisti anti-governativi.

“Abbiamo provato a raggiungerli, ma sono persone strane – ha commentato Emad al-Sayeh, vice presidente della Commissione Elettorale in merito ai gruppi islamisti armati – Hanno comportamenti che reputano giusti, ma che non hanno niente a che vedere con la società libica e con l’Islam”. Si tratta dei gruppi che hanno sostenuto la deposizione del colonnello Gheddafi a Est e che, dopo la caduta del regime, non hanno abbandonato le armi e oggi sono protagonisti di attacchi e attentati volti a destabilizzare il Paese e permettere l’avanzata di ideologie estremiste.

Alla totale mancanza di sicurezza, si sono aggiunti da una parte le forti divisioni tra le regioni libiche e i tentativi di secessione della Cirenaica che non riconosce il potere centrale di Tripoli; e dall’altra il boicottaggio del voto da parte delle tribù berbere tebu e amazigh, che hanno accusato il governo di marginalizzare politicamente e economicamente le minoranze dentro il Paese.

Ora l’Assemblea Costituente ha quattro mesi di tempo per redigere la legge fondamentale dello Stato, che sarà poi sottoposta a referendum popolare. Dovrà tenere conto delle divisioni etniche e regionali, del ruolo delle tribù – che in passato Gheddafi seppe tenere a bada grazie ad un sistema di favoritismi, clientelismo e repressione – e delle spinte autonomistiche di Bengasi. Il clima resta teso, la Libia è sempre più lontana dalla stabilità interna.

Nena News

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «La guerra "umanitaria" alla Libia e le sue conseguenze»

Ultime notizie dell'autore «Nena News»

9507