il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Se non le donne, chi?

Se non le donne, chi?

(11 Dicembre 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Stato e istituzioni)

Palermo, Milano, Taranto: 8 marzo delle proletarie

(9 Marzo 2014)

8 marzo delle proletarie

PALERMO 8 MARZO ROSSO E DI LOTTA
Ieri pomeriggio, 8 marzo giornata internazionale di lotta delle donne,
compagne del Mfpr, lavoratrici, precarie, disoccupate dello Slai Cobas per il sindacato di classe, una delegazione dell'Usb, studentesse di alcune scuole superiori di Palermo, compagne e studentesse del Collettivo Anillo de Fuego, e altre donne... hanno animato un bel corteo a Palermo lungo le strade del centro.

Il concentramento a p.zza Politeama è stato arricchito dalla presenza di tanti striscioni con i quali si è voluta denunciare l'ampia condizione di doppia oppressione, di doppio sfruttamento, da moderno medioevo della maggioranza delle donne nel nostro paese e la necessità della risposta di doppia lotta in quello che è l'intreccio della lotta di classe con la lotta di genere sono state salutate le iniziative di lotta delle donne, compagne, lavoratrici... nelle altre città da Milano, a Taranto, Roma, Napoli, delle donne No Tav, No Muos ecc
ma anche in questa giornata di lotta abbiamo voluto creare un" PONTE" con
le donne, lavoratrici, operaie... in lotta nel mondo come in Bangladesh o in Cina e con le donne e compagne in prima linea nelle guerre popolari dall'india alle Filippine, alla Turchia...
Percorrendo la via principale della città tanti gli slogan scanditi durante il corteo , "contro l'8 marzo della borghesia ribellione e lotta contro l'ipocrisia",” l'8 marzo non è una ricorrenza, ora e sempre resistenza”,”dalla scintilla dello sciopero delle donne ad un 8 marzo rosso e di lotta”, “il corpo delle donne non si tocca lo difenderemo con la lotta”, “femminicidi, violenza sessuale è questo il sistema del capitale”, “per ogni donna uccisa non basta il lutto pagherete caro pagherete tutto”, "padroni governi ma che rivoluzione! la vostra è solo rapina e corruzione”, “precarietà, miseria e carovita con questi governi facciamola finita”...
le lavoratrici e precarie hanno anche intonato una canzone di denuncia sulla
condizione delle donne in famiglia per ribadire con forza:
contro l'ipocrisia della "festa" borghese ... è necessario riaffermare la dignità storica e la verità di classe della giornata dell'8 marzo rosso e di lotta
basta alla barbarie sociale dei femminicidi stupri e violenza frutto più marcio di questa società capitalista che diffonde a piene mani, a cominciare dall'alto dei governi al potere al servizio della classe borghese dominante, un humus sessista e reazionario... il “nuovo” governo Renzi dietro l'ipocrita messa in campo di diverse donne ministre non riesce a celare il
vero volto maschilista, vedi la questione della loro legge elettorale... o l'ipocrisia di Alfano che in occasione dell'8 marzo presenta un 'opuscolo “No more feminicide” quando i femminicidi non diminuiscono affatto nel nostro paese e le misure repressive del governo non risolvono perchè questo stato borghese è la vera causa della emergenza sociale delle uccisioni e violenza sulle donne
contro il profondo attacco al diritto di aborto e alla libera scelta delle donne sulla propria vita, è stata rilanciata la solidarietà alle donne spagnole attaccate pesantemente dal governo ma è stato detto che anche nel nostro paese ci sono diversi aspetti sia pratici che ideologici che attaccano e ostacolano le donne, le proletarie, le giovani, le immigrate...
(vedi per esempio la crescente obiezione di coscienza negli ospedali pubblici, la presenza dei movimenti per la vita nei consultori, l'attacco ideologico della chiesa...) che in diversi casi si ritrovano costrette a ricorrere alle mammane.
contro la precarietà del lavoro, a cassa integrazione infinita, la disoccupazione, i tagli ai servizi sociali e sanitari... siamo le prime ad essere licenziate, discriminate... non vogliamo essere ammortizzatori sociali viventi come invece questa società, questo Stato ci vuole imporre contro la cultura sessista e a misura dei padroni che questo sistema sociale usa per soffocare il sapere critico, che sin dal primo giorno di vita divide i ruoli tra ragazze e ragazzi, che inculca alle giovani il culto dell'apparenza e del modello di donne/veline della tv, una società che dopo gli studi riserva loro un futuro precario o addirittura un non futuro...
Per la doppia lotta rivoluzionaria della maggioranza delle donne che non può
e non deve delegare ma prendere in mano la lotta per cambiarla davvero questa società che fa della doppia oppressione un suo cardine/base e che pertanto non può essere riformata ma rovesciata...
Al megafono si sono susseguiti gli interventi di compagne, lavoratrici...
alle commesse che si affacciavano sulla soglia dei negozi abbiamo dato la nostra solidarietà per le condizioni di sfruttamento a cui sono sottoposte, le donne che ci hanno seguito ai lati del corteo condividendo in generale quello che veniva detto ci ha dato e ci dà la forza di rafforzare le nostre denunce e lotta, dai balconi alcune ragazze si sono affacciate e hanno applaudito ai nostri slogan e alle nostre parole d'ordine, così donne della via popolare Bandiera si sono avvicinate prendendo i volantini e dandoci ragione nella denuncia contro i governi, contro il presidente della regione, il sindaco che lasciano la città nel degrado, loro che si sono fatti le campagne elettorali sulle "rivoluzioni" che non hanno cambiato proprio nulla ma solo peggiorato la nostra condizione di vita
Il corteo si è quindi concluso a piazza pretoria al Palazzo del Comune dove
nonstante il Sindaco fosse come al solito latitante quando si tratta di misurarsi con le donne proletarie e con le giovani mentre è molto presente nei convegni al chiuso dei palazzi fatti di mere premiazioni a donne
borghesi che si parlano addosso, abbiamo trovato uno schieramento di polizia
con relativi furgoni blindati a tutela del palazzo del potere che all'arrivo del corteo si è messo subito a protezione del palazzo chiudendo il portone... anche qui abbiamo lanciato alcuni slogan e fatto alcuni interventi, in particolare una compagna lavoratrice del Comune ha denunciato le condizioni fatiscenti in cui lavora all'interno di una delegazione comunale, un'altra lavoratrice della Gesip ha denunciato la condizione di lavoro in cui versano tutti i lavoratori Gesip di continua cassa integrazione, una giovane ex universitaria ha parlato contro la condizione di esasperante disoccupazione in cui si ritrovano i giovani in generale ma in particolare tante giovani in una città come Palermo ad alto tasso di disoccupazione femminile, della difficoltà che si incontra anche quando si va a fare un colloquio di lavoro in cui le donne sono sottoposte a veri e propri interrogatori sulla loro condizione familiare, sessuale ecc, una precaria delle Coop Sociali ha messo in guardia il Sindaco e il Comune "che nessuno pensi di toglierci il lavoro se il servizio di assistenza agli studenti disabili, a seguito riforma delle province passerà, come si ventila alla vostra gestione... ve la vedrete con noi!", una compagna ha denunciato la politica repressiva del Comune di Palermo come unica risposta alle legittime proteste di lavoratrici, precarie, senza casa, studentesse...
Dalla scintilla dello sciopero delle donne all'8 marzo rosso e di lotta la nostra doppia lotta continua!

Cettina
per Movimento femminista proletario rivoluzionario Palermo


MILANO 8 MARZO PRESIDIO CONTRO LA REGIONE E LA SUA LA POLITICA
RAZZISTA E DI ATTACCO ALLA SANITA' PER LE DONNE
(da Il Fatto Quotidiano): A Milano l’8 marzo è di lotta, le femministe:
“Dignità storica e verità di classe”
"Un 8 marzo di lotta “per ridare dignità storica e verità di classe” alla
ricorrenza. Questa mattina un gruppo di donne del Movimento femminista
proletario rivoluzionario hanno manifestato sotto al Pirellone a Milano, distribuendo volantini e scandendo slogan, per affermare quello che, secondo loro, dovrebbe essere il vero spirito della causa femminista “contro stupri, femminicidi e contro tutti gli attacchi ideologici e pratici alla condizione di vita e lavoro delle donne”. Un modo “per dire No alle frasi ipocrite dei rappresentanti istituzionali e conquistare risultati concreti”, sostengono".
vedi video su
http://tv.ilfattoquotidiano.it/2014/03/08/a-milano-l8-marzo-e-di-lotta-femministe-dignita-storica-e-verita-di-classe/269018/



Dal resoconto delle compagne

A Milano un presidio davanti alla Regione Lombardia è stato animato dalle
compagne del mfpr, da lavoratrici di varie realtà sindacali e non. Con volantinaggio, striscioni contro i femminicidi e violenza sulle donne, gli attacchi al diritto di aborto e “Dalla scintilla dello sciopero delle donne al nostro otto marzo rosso, di lotta -Tutta la vita deve cambiare!
Al megafono sono stati denunciati i molteplici attacchi che quotidianamente
le donne, le lavoratrici subiscono a partire proprio dalla Regione che negli anni di Formigoni si era contraddistinta, per gli attacchi ideologici e pratici a cui, oggi, con Maroni si aggiunge anche il razzismo verso le immigrate, "ree", perché più povere, di accedere più delle italiane ai “fondi di sostegno alla maternità”, puri strumenti ideologici per ricacciare indietro le donne; si è denunciata la trasformazione dei Consultori in “Centri di sostegno alla famiglia”, i tagli ai servizi che finiranno con lo scaricare ulteriormente sulle donne il peso della cura e dell’assistenza,
oltre ai tagli di posti di lavoro, carichi di lavoro sempre più insostenibili. A cui si aggiunge l'ipocrita campagna per la riapertura delle case chiuse.
Nei megafonaggi è stato mandato un saluto alle tante donne che hanno promosso le manifestazioni che oggi stanno attraversando tante città da Torino a Roma, Padova, Bologna, Lecce, Firenze, Taranto, Palermo, ma anche abbiamo voluto creare un ponte con le donne che in tutto il mondo oggi sono in prima fila, nella ripresa dell’8 marzo rosso, di lotta, per cambiare l’intera società: dalle donne spagnole che stanno fronteggiando un durissimo attacco frontale al diritto d’aborto, ad Istanbul dove sfidano il divieto di scendere in piazza, in India dove le donne scelgono di unirsi alla rivoluzione.
Le lavoratrici dell’Mfpr- Milano


A TARANTO LE DONNE PROLETARIE HANNO TRASFORMATO UN 8 MARZO GRIGIO, ISTITUZIONALE, COMMERCIALE IN UN 8 MARZO ROSSO E DI LOTTA
Decine di disoccupate, lavoratrici precarie, compagne del Mfpr, questa mattina hanno fatto sentire in tutta la città la loro forza, i loro slogan, i loro canti, la loro voce combattiva, vivace, allegra ma determinata e carica della ribellione delle donne che stanno peggio.
Dopo essere andate stamattina presto a due scuole in prevalenza femminili: Vittorino e il Cabrini, per incontrarsi con le studentesse e chiamare all'unità nella lotta contro chi uccide il nostro futuro - un incontro bello, allegro, salutato da uno slogan: "E' sempre più bella chi si ribella!"...,
il presidio itinerante con il rosso delle bandiere e del colore della lotta e il giallo delle mimose, è partito da p.zza Ramellini e ha attraversato tutte le strade del centro, fino a p.zza Castello

"NON SIAMO "VITTIME" MA DONNE IN LOTTA!"
Due striscioni dicevano:
"Senza lavoro nè futuro, la nostra lotta sarà sempre più dura!"
"Scateniamo la nostra ribellione!"
Poi tanti pannelli sì di denuncia su tutta la condizione delle donne ma che
soprattutto mostravano con foto, scritte, le forti lotte, con blocchi, occupazioni dei Palazzi che già le disoccupate e le lavoratrici stanno facendo a Taranto. Ma anche foto contro i femminicidi e violenza sessuale, legando le due cose.
Era un colpo d'occhio di donne ribelli, in una città in cui l'8 marzo passa come al massimo un giorno di festa.
La piazza iniziale si è subito trasformata, i canti hanno via via coinvolto tutte le persone presenti, con un episodio simpatico: un ambulante con i mazzetti di mimosa destinati alla vendita, ad un certo punto ha donato tutti i mazzetti alle disoccupate e lavoratrici ed è andato via...
Ma anche durante tutto il percorso alle parole d'ordine, ai brevi comizi, si
univano i canti di "Bella ciao", "ma che ti lamenti..."; lo slogan più gridato/cantato è stato "A casa non ci torneremo, più forte lotteremo!";
poi, "violenza sul lavoro, violenza familiare questo sistema dobbiamo rovesciare", "è ora è ora di lottare la furia delle donne si deve scatenare", e tanti altri.

Appena partito da p.zza Ramellini il presidio ha invaso il vicino grande
mercato rionale - con grande piacevole sorpresa della gente che stava al mercato - chiamando le donne ad unirsi alla lotta, e gridando: "Noi la crisi non la paghiamo le doppie catene unite spezziamo", "donne venite a lottare, tutta la vita deve cambiare", "la precarietà ci stronca la vita con questo sistema facciamola finita", ecc.

Durante il percorso uno stupido stronzetto maschilista che aveva tentato di fare un gesto offensivo verso le donne, si è trovato investito dalla rabbia delle donne e ha dovuto penosamente ripiegare.

Un altro momento bello è stato l'incontro in via D'Aquino con le studentesse, cammellate dagli insegnanti, che venivano da un convegno "ingessato" sui diritti delle donne. Qui si è assistito al fatto che mentre buona parte delle studentesse volevano unirsi a noi, le insegnanti (donne) non glielo hanno permesso; ma ugualmente sono rimaste per più di un quarto d'ora a sentire quello che dicevamo al megafono, unendosi alle nostre canzoni.

Sul ponte girevole un altro momento di sosta... mentre il traffico veniva rallentato dal volantinaggio abbiamo affisso alla ringhiera due striscioni, che sono tuttora lì..

In tutto il percorso la digos ha cercato di intimidire le donne, minacciando
denunce per il fatto che andavamo in corteo da un presidio all'altro; ma poi si è dovuta rassegnare di fronte alla nostra determinazione.

A piazza Castello vi è stato un altro momento di tentativo di contenimento,
quando l'incontro da noi richiesto con un'assessora, per pretendere fatti e non parole da parte del comune su lavoro, reddito, case, servizi sanitari, diritto d'aborto delle donne, si voleva risolvere con un brevissimo approccio nella stessa piazza.
Abbiamo detto NO e quindi tutte siamo salite al Comune, dove vi è stato un
incontro interlocutorio con l'assessora, in cui tutte le donne hanno parlato denunciando vari aspetti di vita, di mancanza di lavoro, di reddito, di oppressione e violenze familiari, ma soprattutto denunciando le false e miserrime risposte del Comune su questo e denunciando l'atteggiamento dello Stato, della polizia che di fatto protegge gli uomini violenti e non le donne che li denunciano. Queste denunce di oppressione/violenza familiare, "un fiume in piena", hanno mostrato anche che è soprattutto la lotta che le donne stanno facendo che le dà coraggio e che ora può e deve trasformare un problema individuale in un problema da affrontare insieme, anche con la durezza necessaria; e dimostrano come per le donne sempre in ogni lotta, anche per il lavoro, reddito, ecc., si intreccino le ragioni di classe e le ragioni di genere.
La stessa assessora ha dovuto capire che si trovava di fronte non a "povere donne vittime", da trattare al massimo caso per caso, ma a donne che già lottano unite e lotteranno sempre di più, pretendendo risposte per tutte le donne. Questo ha fatto cambiare un pò il suo atteggiamento ed è stato fissato un altro incontro per mercoledì 12 marzo alle 10 all'assessorato ai servizi sociali.

QUINDI UN NUOVO, BELLO, ROSSO E RIBELLE 8 MARZO
CHE COME LOTTA PROSEGUIRA' GIA' DALLA PROSSIMA SETTIMANA!

Le disoccupate, le lavoratrici del MFPR - TARANTO

MFPR Nazionale

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Questioni di genere»

6030