il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

I Prigionieri Palestinesi

I Prigionieri Palestinesi

(11 Ottobre 2011) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • SOMMARIO DE IL PARTITO COMUNISTA N. 403 -agosto 2020
    organo del partito comunista internazionale
    (11 Agosto 2020)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Imperialismo e guerra)

    Kurdi, un Newroz di speranza

    (12 Marzo 2014)

    newrosp

    Nelle città e nei villaggi kurdi di Turchia il prossimo Newroz (l’antichissima festività che segna l’inizio della primavera) avrà un significato speciale. In realtà ogni Newroz è significativo. Nei decenni passati, quando la repressione delle dittature militari e prim’ancora del kemalismo storico ne impedivano un festeggiamento pubblico, la comunità kurda trovava in quella giornata il simbolo della resistenza a un’oppressione e dell’esistenza d’una popolazione privata dei tratti distintivi di lingua, cultura, rappresentanza politica e non solo. Quest’anno il Newroz porta con sé le consultazioni amministrative di fine marzo che precedono le elezioni presidenziali (10 e 24 agosto) e quelle legislative del 2015. Scadenze che potrebbero costare caro a Tayyip Erdogan, fino a un anno fa indiscusso premier e tuttora leader dell’Akp, partito dalla maggioranza schiacciante (49,8 % con 327 seggi in Parlamento). Pesano sul suo futuro le note contestazioni interne sulla vicenda del Gezi Park, la conseguente repressione con tanto di uccisioni di manifestanti o semplici passanti da parte d’una ferocissima polizia. E’ di ieri la morte di Elvan, il ragazzo del pane, che se ne va dopo 268 giorni di coma. Alla notizia tante piazze del Paese si sono nuovamente infiammate.

    Pesa la stretta censoria rivolta alla stampa con arresti di giornalisti e alla libera espressione attraverso i social network che molto hanno controinformato durante le calde giornate dello scorso giugno; pesano gli scandali che coinvolgono uomini del governo e del partito islamico, sodali e famigli del premier. Insomma tante questioni mettono a dura prova la sua popolarità. Anche politici fino a un anno fa a lui vicini, come il presidente uscente Gül, non concordano con la spiccata escalation autoritaria erdoganiana. E c’è lo scontro aperto con la potente Confraternita del turco-americano Fethullah Gülen, l’uomo che controlla una rete amplissima di scuole private e centri di cultura con le relative attività mercantili, contrasto nato per ragioni di finanziamento e finalizzato a intenti di potere sul partito e nel Paese. I citati personaggi coinvolti, direttamente e indirettamente, nella fase elettorale auspicherebbero un accantonamento politico di Erdogan, anche tramite una personale sconfitta come Capo d’una Repubblica che lui vorrebbe presidenziale, così da poter reimpostare la direzione del partito, il cui patrimonio di guida nazionale andrebbe salvaguardato. Bisognerà vedere come reagiranno due soggetti parimenti attivi.

    Il primo è la lobby di capitalisti e magnati che per oltre un decennio è stato il motore del programma politico del premier, oltre ovviamente a curare il proprio businnes. Non solo le tigri anatoliche, ma gli stessi affaristi legati a multinazionali che progettano la Turchia del Terzo Millennio, capace, ad esempio, di trasformare Istanbul ammaliando i cittadini con la tecnologia. Certo il governo scivola sulla distruzione d’un parco pubblico, però sfodera fascinose soluzioni: unire le sponde europea e asiatica del Bosforo con un treno subacqueo che velocizza il congestionato traffico metropolitano. E ancora: creare un secondo canale sul Mar Nero, fino all’invezione del Güneydogu Anadolu Projesi, le oltre venti dighe sulle sponde di Tigri ed Eufrate che, per offrire milioni di kw a una nazione che vuole correre, sacrificherà il tesoro monumentale della cittadina millenaria di Hasankeyf. Poi c’è la popolazione. Bisognerà vedere se farà suo lo smisurato modernismo dell’attuale establishment nelle circa tremila municipalità, lì dove l’Akp vanta 1452 seggi sui 2919 delle 81 province. Quelle kurde sono in fibrillazione, toccano con mano l’eccezionalità della fase politica in atto, ricordano che tramite Erdogan era iniziato il negoziato con Öcalan nel supercarcere di Imrali. Colloqui sul processo di pace che recentemente hanno vissuto momenti di blocco e che per l’illustre prigioniero dovranno proseguire con qualsiasi leadership.

    12 marzo 2014

    articolo pubblicato su http://enricocampofreda.blogspot.it

    Enrico Campofreda

    Fonte

    Condividi questo articolo su Facebook

    Condividi

     

    Ultime notizie del dossier «La lotta del Popolo Kurdo»

    Ultime notizie dell'autore «Enrico Campofreda»

    6309