il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

La Fiom e la Fiat

La Fiom e la Fiat

(29 Dicembre 2010) Enzo Apicella
La Cgil attacca la Fiom per essersi opposta al ricatto di Marchionne

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

La Cassazione conferma: Fiat deve riassumere i 145

Pomigliano. Il caso degli operai Fiom discriminati dall’azienda

(12 Marzo 2014)

cassconf

La Cas­sa­zione lo ha san­cito ieri in via defi­ni­tiva: la Fiat deve assu­mere i 145 ope­rai della fab­brica di Pomi­gliano iscritti alla Fiom. La Corte di appello di Roma nel 2012 aveva sta­bi­lito che la deci­sione del Lin­gotto di tenere fuori dalle linee tutte le tute blu Cgil con­fi­gu­rasse un com­por­ta­mento discri­mi­na­to­rio, il ver­detto della suprema corte depo­si­tato ieri pog­gia su un dato di fatto: il ricorso dell’azienda è inammissibile.
Gli ope­rai ave­vano un con­tratto Fga (Fiat Group Auto­mo­biles) ma nel 2010 Ser­gio Mar­chionne decise di con­ver­tire il Giam­bat­ti­sta Vico in Fip (Fab­brica Ita­lia Pomi­gliano). Al momento del pas­sag­gio circa metà della forza lavoro è finita in cassa inte­gra­zione, in par­ti­co­lare tutti quelli con la tes­sera Fiom. Il piano Mar­chionne ha fatto una nuova piroetta nel 2013, con il ritorno dell’impianto a Fga. Nel mezzo i ricorsi Fiom, fino all’ultimo appello alla Cas­sa­zione pre­sen­tato dal Lin­gotto ma ancora in qua­lità di Fip.Era stata la stessa Fiom a ecce­pire, con una appo­sita memo­ria, «l’inammissibilità del ricorso per soprav­ve­nuta carenza dell’interesse ad agire, stante l’avvenuta ces­sione, a far data dal primo marzo 2013, da parte della Fip e a favore della Fga, del com­plesso azien­dale sito in Pomi­gliano d’Arco».
Moti­va­zione rite­nuta valida dagli ermellini.Infatti, secondo la Suprema Corte, la Fip «non essendo più pro­prie­ta­ria dello sta­bi­li­mento presso il quale avreb­bero dovuto essere effet­tuate le ulte­riori assun­zioni di affi­liati alla Fiom, ovvero presso il quale già siano state effet­tuate le assun­zioni dei lavo­ra­tori nomi­na­ti­va­mente indi­cati, non ha più alcun con­creto e attuale inte­resse alla rimo­zione delle sta­tui­zioni rese nell’ordinanza impu­gnata». Le spese legali andranno divise tra le parti.«Era­vamo con­vinti di essere di fronte a una discri­mi­na­zione – com­menta il segre­ta­rio gene­rale della Fiom di Napoli, Andrea Amen­dola – le sen­tenze ci hanno dato ragione e la Cas­sa­zione lo fa in maniera defi­ni­tiva.
Ora si tratta solo di porre rime­dio nel più breve tempo pos­si­bile, in quanto la discri­mi­na­zione è con­ti­nuata anche dopo lo scio­gli­mento della newco, con i nostri ope­rai rima­sti sem­pre in cassa inte­gra­zione, senza essere stati chia­mati a lavo­rare nel set­tore A, quello che non è toc­cato dalla cig».Da quat­tro anni i circa 1.200 ope­rai in cassa non entrano sulle linee in cui si pro­duce la Panda, tutto quello che hanno rac­cat­tato è qual­che set­ti­mana di lavoro nei set­tori B e C. Per loro la Fiat ha chie­sto un nuovo anno di cassa e ancora il rien­tro nel cer­chio magico del set­tore A si allon­tana. Secondo l’azienda gli ope­rai in cig non sono in grado di tenere gli alti stan­dard dei loro colleghi.
La Fiom però insi­ste e chiede for­ma­zione con soste­gno al red­dito, un per­corso cioè che con­senta a tutti il rien­tro in fab­brica anche nell’area riser­vata alla pro­du­zione della Panda. «Un altro anno di cassa così come è ora – spiega il respon­sa­bile del set­tore auto­mo­tive per la Fiom di Napoli, Fran­ce­sco Per­cuoco – non è accet­ta­bile, e lo hanno sot­to­li­neato anche gli altri sin­da­cati che ora con­di­vi­dono la nostra idea di intro­durre i con­tratti di solidarietà»

Adriana Pollice, il manifesto

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Crisi e lotte alla Fiat»

Ultime notizie dell'autore «Il Manifesto»

7102