il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Gott Mitt Uns

Gott Mitt Uns

(16 Maggio 2012) Enzo Apicella
L'aereo del neo presidente francese Hollande in visita alla cancelliera Merkel viene colpito da un fulmine

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

La Troika e le sue conseguenze

(15 Marzo 2014)

Nuova finanza pubblica. La Grecia è solo un caso, certo il più estremo, degli effetti della austerità. Che ora viene criticata anche all’interno delle istituzioni europee e internazionali

troikaconsequ

L’austerità non è più par­ti­co­lar­mente popo­lare nem­meno fra coloro che l’hanno appog­giata, tanto che anche Napo­li­tano a Stra­sburgo l’ha cri­ti­cata. Atten­diamo fidu­ciosi che si rin­ne­ghino anche i suoi tratti attua­tivi, in par­ti­co­lare pri­va­tiz­za­zioni, tagli ai bilanci e abbas­sa­menti sala­riali che invece, come mostra il recente sito www.troikawatch.net , non pas­sano di moda.
È forse l’imminenza delle ele­zioni euro­pee, che si pre­vede por­te­ranno nelle isti­tu­zioni schiere di forze euro­scet­ti­che a far sì che gli stessi pro­pu­gna­tori dei mas­sa­cri sociali vi si dis­so­cino? Comun­que sia anche all’interno delle isti­tu­zioni euro­pee ed inter­na­zio­nali com­pa­iono cri­ti­che sem­pre più arti­co­late, tema­tiz­zando le rica­dute non della crisi in sé ma delle stesse poli­ti­che pre­su­mi­bil­mente mirate a con­tra­starle poste in essere dalla Troika. Sì, Troika scritto let­te­ral­mente nei docu­menti ufficiali.
A marzo è atteso il rap­porto al Con­si­glio per i diritti Umani dell’Onu dell’inviato spe­ciale Cephas Lumina sugli effetti del debito estero sui diritti umani sulla sua mis­sione in Gre­cia (22–26 aprile 2013); quello che det­ta­glierà è già desu­mi­bile dalla sua dichia­ra­zione di fine mis­sione, nella quale, pur col fel­pato lin­guag­gio buro­cra­tico tipico delle isti­tu­zioni inter­na­zio­nali, denun­cia vio­la­zioni di ogni genere di diritti: diritto al lavoro, alla sicu­rezza sociale, alla casa, alla salute, segnala la cre­scita di povertà, ine­gua­glianza, le aggres­sioni agli stra­nieri e i rischi di pri­va­tiz­za­zione di ser­vizi di base alla per­sona. Per una fonte di tal genere è un discorso assi duro.
Ma la Gre­cia è solo un caso – anche se il più estremo – degli effetti della auste­rità euro­pea. Un bilan­cio signi­fi­ca­tivo lo tro­viamo in due recenti rap­porti. Nel rap­porto divul­gato a feb­braio scorso, ela­bo­rato nell’ambito della Com­mis­sione Occu­pa­zione e Affari sociali dell’europarlamento ci si con­cen­tra sugli effetti gene­rati in Gre­cia, Cipro, Por­to­gallo, Irlanda. Dopo aver citato una gran mole di studi auto­re­voli in mate­ria, la rela­zione pre­mette una breve ma inci­siva cri­tica al pro­cesso con­si­de­rato fon­da­men­tal­mente non demo­cra­tico (mar­gi­na­liz­zato il Par­la­mento euro­peo, le altre isti­tu­zioni hanno agito di con­certo for­mando un fronte comune senza vere basi di legit­ti­mità, e senza inclu­dere stru­menti e con­sul­ta­zioni volte alla tutela dei diritti sociali), poi passa in ras­se­gna le disa­strose rica­dute nei campi: dell’occupazione (abbas­sa­menti sala­riali, più pre­ca­rietà, disoc­cu­pa­zione gio­va­nile mas­sic­cia), di povertà ed esclu­sione sociale (tagli al sociale inse­riti espli­ci­ta­mente nelle con­di­zioni dell’aggiustamento eco­no­mico), abban­dono sco­la­stico e (scarso) dia­logo sociale – cioè con le auto­rità dei paesi interessati.
Ancora più gene­rale è lo sguardo del più ampio stu­dio della Com­mis­sione sui diritti umani del Con­si­glio d’Europa, Sal­va­guar­dare i diritti umani in tempi di crisi di novem­bre 2013; spa­ziando nell’arco dei 47 paesi mem­bri, si parla di vio­la­zioni di diritto al lavoro, all’acqua, al cibo, all’educazione, alla tutela dei bam­bini, asse­rendo aper­ta­mente che «molte delle misure di auste­rità […] hanno esa­cer­bato le già severe con­se­guenze della crisi. L’intero spet­tro dei diritti umani è stato coin­volto – i diritti a un lavoro digni­toso, ad uno stan­dard di vita ade­guato, alla sicu­rezza sociale, all’accesso alla giu­sti­zia, alla libertà di espres­sione […]. Gruppi emar­gi­nati e vul­ne­ra­bili sono stati col­piti in modo spro­por­zio­nal­mente duro, aggra­vando le pre­e­si­stenti discri­mi­na­zioni nella sfera poli­tica, eco­no­mica e sociale». Si poteva par­lare più chiaro?

Matteo Bortolon, il manifesto

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «NO al diktat della borghesia imperialista europea»

Ultime notizie dell'autore «Il Manifesto»

5922