il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

War!

War!

(27 Agosto 2013) Enzo Apicella
Obama ha deciso di attaccare la Siria, in ogni caso.

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

Siria, scontro decisivo: contro Assad il sostegno turco all’opposizione

(28 Marzo 2014)

Siria. La Lega araba ha con­cluso mer­co­ledì il suo ver­tice in Kuwait dedi­cato in buona parte alla guerra civile siriana e invoca aiuti militari alle milizie

siriascontro

La Lega araba ha con­cluso mer­co­ledì il suo ver­tice in Kuwait dedi­cato in buona parte alla guerra civile siriana, appel­lan­dosi da un lato all’intervento del Con­si­glio di Sicu­rezza per fer­mare il con­flitto in Siria e dall’altro invo­cando, per bocca del prin­cipe ere­di­ta­rio sau­dita Sal­man, l’invio di rifor­ni­menti di armi alle mili­zie — siriane e jiha­di­ste stra­niere — «per alte­rare la situa­zione sul campo» che, nell’ultimo anno, ha visto le forze gover­na­tive recu­pe­rare il con­trollo di una parte del ter­reno per­duto tra il 2011 e il 2012. Dopo aver subito scon­fitte deva­stanti a Qusair (nel 2013) e a Yabroud, pochi giorni fa, e la per­dita del con­trollo della fron­tiera con il Libano – da dove arri­va­vano inte­gra­li­sti sun­niti e armi — l’opposizione ha lan­ciato venerdì scorso un’offensiva a Kasab, un valico sulla fron­tiera tra Siria e Libano, che ha colto di sor­presa l’Esercito siriano pro­prio nella pro­vin­cia di Lata­kiya roc­ca­forte degli ala­witi e della fami­glia Assad.

È in corso una bat­ta­glia feroce, di grande impor­tanza per le mili­zie del Fronte al Nusra (ala siriana di al Qaeda) e dell’Esercito libero siriano (il brac­cio armato della Coa­li­zione Nazio­nale dell’opposizione). Tra i caduti ci sono anche tre parenti del pre­si­dente Bashar Assad, tra cui il cugino, Hilal al Assad, capo della Difesa Civile, la forza para­mi­li­tare a soste­gno delle forze armate gover­na­tive. Obiet­tivo dell’offensiva è quello di creare una testa di ponte in una zona stra­te­gica, in grado di dare all’opposizione un pas­sag­gio sicuro per i rifor­ni­menti di armi ed equi­pag­gia­menti, e di com­pen­sare la per­dita del con­trollo della fron­tiera tra Libano e Siria.

Essen­ziale in que­sta fase è il soste­gno di Ankara che ha fatto capire le sue inten­zioni qual­che giorno fa abbat­tendo un Mig siriano. Il pre­mier turco Erdo­gan, anche per ragioni elet­to­rali, ha deciso di inter­ve­nire nel con­flitto, per ora con un forte appog­gio dalle retro­vie, per­chè ha com­preso che Assad non è così debole e iso­lato come cre­deva sino ad un anno fa. E lo ha fatto rom­pendo l’accordo non dichia­rato di non tra­sfor­mare la Tur­chia in una base di lan­cio base per l’opposizione sirian armata.

Assad ha avuto il torto di sot­to­va­lu­tare le mosse di uno dei suoi più acca­niti nemici. Al Nusra e l’Esl stanno facendo pro­gressi e hanno costretto l’Esercito gover­na­tivo ad inviare a Kasab truppe fre­sche e ben adde­strate per respin­gere l’assalto. È que­sto il secondo obiet­tivo dell’offensiva: obbli­gare Dama­sco a con­cen­trare parte delle sue forze nella pro­vin­cia di Latakiya.

Così l’Esercito gover­na­tivo avrà meno uomini da impie­gare nel sud del Paese dove al Nusra, l’Esl e una cin­quan­tina di gruppi isla­mi­sti si sono uniti in una nuova alleanza mili­tare e, gra­zie alle armi e muni­zioni (pagate dai sau­diti) che entrano dalla Gior­da­nia, sono pronti a lan­ciare un attacco verso Dama­sco, che dista meno di 100 chi­lo­me­tri. Hanno già preso il con­trollo di Qunei­tra e di altre loca­lità nelle alture del Golan occu­pate da Israele.

Non è noto se alla bat­ta­glia di Kasab stiano par­te­ci­pando, dalla parte di Dama­sco, anche com­bat­tenti sciiti di Hez­bol­lah e dalla bri­gata Abbas, che hanno gio­cato un ruolo impor­tante nelle bat­ta­glie di Quseir e Yabroud e per il con­trollo del monte Qala­moun. È pre­ve­di­bile un loro impiego se le cose peg­gio­rano: ora ser­vono a sud e alla fron­tiera libanese.

L’opposizione e suoi nume­rosi spon­sor regio­nali e occi­den­tali pun­tano a sfian­care l’Esercito gover­na­tivo che ha retto all’urto delle forze ribelli ma ha per­duto sino ad oggi 30 mila sol­dati (altre migliaia sono rima­sti feriti gra­ve­mente). Per­dite che l’Esercito pensa di col­mare con la leva di 20mila gio­vani (ancora nelle scuole) nei pros­simi tre anni. Un costo sociale enorme per una popo­la­zione sfi­nita da tre anni di com­bat­ti­menti, atten­tati jiha­di­sti, stragi a sfondo reli­gioso, bombardamenti.

Un bagno di san­gue che ha fatto oltre 140mila morti e costretto milioni di siriani ad abban­do­nare le loro case. Senza dimen­ti­care l’economia ferma e l’inflazione alle stelle. Su que­sta fra­gi­lità di Dama­sco gio­cano Usa e l’Arabia sau­dita – a breve un sum­mit tra Obama e re Abdal­lah – per far crol­lare Bashar Assad desti­nato ad essere sem­pre più dipen­dente dall’aiuto eco­no­mico e mili­tare dell’Iran e della Russia.

Michele Giorgio, il manifesto

8772