il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Verso la vittoria

Verso la vittoria

(6 Ottobre 2012) Enzo Apicella
Domenica 7 ottobre elezioni presidenziali in Venezuela

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(La rivoluzione bolivariana)

Nicolas Maduro accetta la mediazione del Vaticano

(29 Marzo 2014)

Venezuela. Conclusa la visita di Unasur per promuovere il dialogo tra il governo di Maduro e l’opposizione

nicomaduro

Dia­logo o guerra civile? La par­tita che si sta gio­cando in Vene­zuela tra il «socia­li­smo uma­ni­sta» di Nico­las Maduro e il campo di forze avverse è in pieno corso. La destra oltran­zi­sta che detiene l’egemonia nella Mesa de la uni­dad demo­cra­tica (Mud) spinge per la seconda via. Alcuni set­tori di oppo­si­zione inta­vo­lano invece il con­fronto, chi per tro­vare solu­zioni, chi per otte­nere una tri­buna utile allo scon­tro interno, chi per tenere i piedi ben saldi in entrambe le scarpe, come il pre­si­dente di Fede­ca­ma­ras (la Con­fin­du­stria locale), Jorge Roig.

L’imprenditore ha par­te­ci­pato agli incon­tri pro­mossi da Una­sur — che ha con­cluso ieri la sua visita in Vene­zuela — con diversi set­tori di oppo­si­zione. Il docu­mento dell’organismo regio­nale rin­gra­zia il governo per aver faci­li­tato «tutti i con­tatti richie­sti», con­danna «ogni ten­ta­tivo di rom­pere l’ordine demo­cra­tico» e la vio­lenza, e rico­no­sce «l’apertura e la dispo­ni­bi­lità del pre­si­dente della Repub­blica ad acco­gliere le rac­co­man­da­zioni espresse». In par­ti­co­lare, «loda la volontà di nomi­nare un testi­mone di buona fede che faci­liti il dia­logo fra tutte le parti». Si tratta di Pie­tro Paro­lin, segre­ta­rio di Stato in Vati­cano, che è stato Nun­zio apo­sto­lico in Venezuela.

Un’iniziativa accolta con favore dalle com­po­nenti di oppo­si­zione che hanno gover­nato nella IV Repub­blica (Ad e Copei), ma respinta dai set­tori oltran­zi­sti, che cer­cano a tutti i costi di far cadere il governo prima delle legi­sla­tive del 2015: all’interno fomen­tando le vio­lenze e all’esterno chie­dendo san­zioni internazionali.

Con l’appoggio del Panama, che le ha dele­gato il diritto di parola, la depu­tata di oppo­si­zione, Maria Corina Machado ci ha pro­vato con l’Organizzazione degli stati ame­ri­cani (Osa), ma senza esito. Roig ha ten­tato la stessa via a Gine­vra, durante le gior­nate di dibat­tito che l’Organizzazione inter­na­zio­nale del lavoro (Oil) sta dedi­cando alla crisi vene­zue­lana. L’Oil ha patro­ci­nato le Con­fe­renza di pace tra governo, impren­di­tori e lavo­ra­tori, che si stanno tenendo in Vene­zuela e a cui Roig ha par­te­ci­pato. «Fede­ca­ma­ras non sta orga­niz­zando nes­suno scio­pero gene­rale», ha dichia­rato l’imprenditore durante una Conferenza.

Un atteg­gia­mento diverso, dun­que, da quello tenuto da Fede­ca­ma­ras durante il colpo di stato con­tro Cha­vez nel 2002, che portò alla breve pre­si­dente di Pedro Car­mona Estanga, pre­si­dente di Con­fin­du­stria. Durante il suo golpe-lampo (scon­fitto dal popolo vene­zue­lano che riportò al governo il pre­si­dente che aveva eletto), Car­mona sospese tutte le garan­zie isti­tu­zio­nali, appog­giato dagli Stati uniti, dalle gerar­chie eccle­sia­sti­che e dall’oligarchia, che appo­sero la pro­pria firma su un docu­mento in suo appog­gio. Tra que­ste, Machado, in prima fila nelle pro­te­ste vio­lenze in corso dal 12 feb­braio, che hanno pro­vo­cato 36 morti.

Allora, la Con­fin­du­stria aveva stretto un patto per­verso con la Con­fe­de­ra­zione sin­da­cale Ctv, da tempo finan­ziata dalle agen­zie di Washing­ton. E anche ora a Gine­vra, la Ctv è tor­nata a chie­dere san­zioni con­tro il Vene­zuela, spal­leg­giata da una com­po­nente scis­sio­ni­sta del sin­da­cato Unete, scon­fes­sata dalla dire­zione del prin­ci­pale sin­da­cato vene­zue­lano. Altri rap­pre­sen­tanti sin­da­cali, Elio Col­me­na­res (Minpp­trass) e Car­los Lopez (Cbst) hanno invece denun­ciato «le mano­vre dell’impero con­tro la rivo­lu­zione boli­va­riana» e il dop­pio discorso di Roig.

Intanto, a Cara­cas, il fasci­colo con le denunce a Machado, pri­vata dell’immunità par­la­men­tare e accu­sata di isti­ga­zione alle vio­lenze e di atti­vità sov­ver­siva, è stato asse­gnato ai giu­dici che dovranno pro­ce­dere nei pros­simi giorni. La magi­stra­tura ha invece respinto l’appello degli avvo­cati di Leo­poldo Lopez. Il lea­der di Volun­tad popu­lar resterà in car­cere in attesa di pro­cesso con le accuse di asso­cia­zione a delin­quere e fina­lità di ter­ro­ri­smo. Sono in galera anche alcuni sin­daci del suo par­tito, fil­mati men­tre diri­ge­vano le vio­lenze di piazza.

All’arresto e sotto inchie­sta per sospette bru­ta­lità e omi­ci­dio anche diversi fun­zio­nari di poli­zia: «Siamo uno stato di diritto, non guar­diamo in fac­cia a nes­suno», ha detto Maduro. Bar­ri­cate e bloc­chi stra­dali si sono ridotte «del 70%», ma i gruppi oltran­zi­sti con­ti­nuano a bru­ciare biblio­te­che, cen­tri medici e tra­sporti gra­tuiti, mostrando la natura di quel che è in gioco in Venezuela.

Geraldina Colotti, il manifesto

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «La rivoluzione bolivariana»

Ultime notizie dell'autore «Il Manifesto»

8736