il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale, ambiente e salute    (Visualizza la Mappa del sito )

Arsenico Lupin

Arsenico Lupin

(6 Dicembre 2010) Enzo Apicella
Emergenza in Lazio per le concentrazioni di arsenico nell'acqua superiori ai livelli stabiliti dalla UE

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale, ambiente e salute)

Contro i distacchi, per il diritto all'acqua
Picchetto anti-distacco lunedì 31 marzo, Via Alessandro d'Aste, 3 (Ostia)

(29 Marzo 2014)

controidistacchi

Il condominio di Via Alessandro d'Aste, dopo aver già subito un distacco idrico nel mese di ottobre 2013, ha ricevuto un nuovo avviso di distacco: a fronte di una “morosità” di 104 euro si intende nuovamente lasciare senza acqua 12 famiglie, tra cui un portatore di handicap, per aver esercitato un proprio diritto. Il Condominio infatti non è mai stato moroso, ma ha aderito alla Campagna di Obbedienza Civile promossa dal Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua, trattenendo dalle bollette la remunerazione del capitale investito, nel rispetto dell’esito referendario del giugno 2011.
Da mesi il Coordinamento Romano Acqua Pubblica denuncia la pratica dei distacchi idrici messa in atto da ACEA ATO 2 che, per qualche decina di euro di morosità, non esita ad interrompere completamente il flusso idrico ad intere famiglie, mentre Caltagirone e Suez si spartiscono dividendi milionari (64 milioni di euro nel 2012).

L'acqua non solo è un servizio pubblico essenziale, ma anche un diritto umano universale riconosciuto dall'ONU che, a quanto pare, il Comune non è in grado di garantire nonostante il ruolo di amministratore della città e quello di socio di maggioranza di ACEA.

Le ultime “schermaglie” tra il Sindaco Marino e i vertici di Acea non fanno, infatti, che confermare come non esista di fatto alcun controllo pubblico sull'azienda di Piazzale Ostiense, e come questo possa essere garantito solo con l'uscita del servizio idrico dal settore privato: nessuna delle richieste della Giunta Capitolina è stata, infatti, finora accolta dall'azienda, così come le stesse mozioni approvate dal Consiglio Comunale e da tanti Consigli Municipali sulla sospensione dei distacchi si sono scontrate con le risposte del servizio commerciale di ACEA.

Cos'altro serve al Sindaco Marino e a tutta l'Amministrazione Capitolina per comprendere che la scelta di campo che li attende è sempre più netta e necessaria?

Devono decidere se stare dalla parte dei cittadini, interloquendo con chi ha portato più di un milione di romani a votare per l'acqua pubblica, o se continuare a “flirtare” con Suez e Caltagirone con l'unico scopo di ottenere un cambio di poltrone che non garantirebbe in nessun modo il rispetto dei cittadini e dei loro diritti.

Contro i distacchi e per il diritto all'acqua invitiamo quindi tutte e tutti a presidiare il condominio di Via Alessandro d'Aste, lunedì 31 dalle 8.00 alle 18.00, per evitare che venga compiuta l'ennesima violazione di un diritto fondamentale.


Roma, 28 Marzo 2014

Coordinamento Romano Acqua Pubblica

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Acqua bene comune»

8069