il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Gazazoo

Gazazoo

(22 Giugno 2010) Enzo Apicella
Israele dichiara di voler "alleggerire" il blocco. Rimane comunque vietato dare ai Palestinesi di Gaza metalli, fertilizzanti, cemento...

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

Amministrative turche: Kilinç (area Bdp) “Non crediamo al menzognero Erdogan, andiamo avanti con l’autonomia“

(3 Aprile 2014)

kilincbdp

Signor Kilinç il Bdp esce dalle amministrative con risultati lusinghieri, che riflesso avrà tale successo sulla comunità kurda?
Com’è nostro costume anche in queste elezioni abbiamo presentato progetti per donne, bambini e l’intera comunità che è sempre al centro di ogni nostra mossa politica. Dal buon risultato seguiranno ulteriori avanzamenti.

Queste elezioni avevano un’indubbia connotazione politica, ritiene che la linea di Erdogan ne esca rafforzata?
Dopo un periodo distensivo col quale Erdogan ha cercato di farsi accettare e amare, prima e dopo l’estate scorsa era giunta per lui la turbolenta fase di scontro con gruppi dell’opposizione, quindi i guai degli scandali finanziari. Il risultato favorevole delle amministrative lo rafforza molto. Ora ha pieni poteri e nessuna componente politica può contrastarlo.

Dal discorso post elettorale il premier turco sembra rilanciare anche il proprio disegno autoritario, i kurdi temono qualcosa?
Girando nelle zone del sud-est Erdogan ha sempre cercato di carpire simpatie e lanciare condivisioni, diceva: il vostro problema è anche il mio problema. Tornato ad Ankara rovesciava i pensieri sostenendo: lì ci sono solo terroristi. Il suo è un gioco delle menzogne, una doppiezza assoluta verso kurdi e turchi. Tempo addietro anche il suo governo ha fatto stragi di donne e bambini… E’ solito affermare: per voi farò questa cosa e quest’altra, invece non accade nulla di positivo. Dopo le elezioni, non solo le presidenziali ma quelle politiche (nel 2015, ndr), si potrà comprendere se esistono margini per una vera pace. Noi non siamo preoccupati, ma dobbiamo constatare come di fatto Erdogan continui a giocare.

Riproponendo le sue velleità per le presidenziali d’agosto il leader dell’Akp avrà bisogno d’un 5% di voti che gli mancano per ottenere il 50%, li chiederà al vostro elettorato?
Occorre molto più del 5% per conquistare la presidenza, comunque la grossa battaglia sarà successiva e avverrà nel Parlamento. Erdogan vuole avere più potere di Gül e trasformare il sistema della repubblica. Se questo disegno andrà in porto avrà nelle mani tutto: la nazione, l’esercito, la stampa, probabilmente la magistratura. Noi kurdi non vogliamo questo, fare accordi è difficile.

Ma se accettaste, quale sarebbe la contropartita?
Erdogan parla di democrazia, ma dov’è se manca l’autodeterminazione? Ribadisce i concetti del kemalismo: una bandiera, un popolo, una lingua senza prestare attenzione alle altre etnìe. Non solo i kurdi, nessuno può accettare imposizioni.

Durante le amministrative Demirtas ha già anticipato l’obiettivo dell’autonomia del Kurdistan turco, nell’ipotetico patto elettorale si può inserire la liberazione di Öcalan?
Non so se ci potranno essere patti, certo la liberazione di Öcalan è un obiettivo ed equivale al riconoscimento dell’identità d’un popolo. Abdullah è un leader ascoltato anche in Iraq e Siria, tutti sono connessi con lui.

Fra le città del sud-est avete riconfermato la direzione a Diyarbakir. Cosa riuscirà a fare il nuovo sindaco, Gültan Kisanak?
Il nostro progetto eleva Diyarbakir a città delle donne, una prospettiva sentita e seguita dalla popolazione, abbraccia vari problemi femminili e segue obiettivi semplici e concreti. I cittadini giudicheranno l’operato di gestione fra cinque anni. E poi abbiamo il disegno dell’autonomia da rincorrere.

Il progetto del confederalismo rivolto alle quattro nazioni dove i kurdi vivono risulta archiviato?
L’idea più consona per il futuro dei territori kurdi divisi fra i quattro stati comunque lontani non è il confederalismo, ma un’autonomia come nel caso della Rojava, un esempio di auto democrazia da riprodurre fra i popoli di tutto il Medio Oriente.

____________________

Ozan Kilinç scrive per Azadiya Welat, è membro del consiglio di presidenza del Comitato per la stampa libera del Bdp

2 aprile 2014

articolo pubblicato su http://enricocampofreda.blogspot.it

Enrico Campofreda

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «La lotta del Popolo Kurdo»

Ultime notizie dell'autore «Enrico Campofreda»

6860