il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale, ambiente e salute    (Visualizza la Mappa del sito )

ILVA

ILVA

(4 Agosto 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Il saccheggio del territorio)

TAP: DA BRINDISI UN “NO” FERMO E MOTIVATO

(30 Aprile 2014)

Si può seriamente discutere di alternative di sito rispetto all’approdo dell’ipotizzato gasdotto TAP a Melendugno-S. Foca quando manca il giudizio di compatibilità ambientale nel procedimento V.I.A. in corso?

Il buon senso e la legge dicono di no, ma il buonsenso e la legge non sembrano ricevere grande rispetto da parte di chi cavalca demagogia mosso forse da interessi elettoralistici e prova a scaricare sulla comunità e sulle istituzioni del brindisino un problema che non si è avuto e non si ha la capacità di affrontare in modo credibile.

Tutti i siti indicati lungo la costa brindisina sono improponibili perché incidono su vincoli ambientali, paesaggistici, archeologici, ed urbanistici non derogabili (prateria di Poseidonia, siti di particolare pregio naturalistico, archeologici importantissimi, aree sottoposte a vincoli e norme di tutela paesaggistiche e turistiche).

Impraticabile si appalesa la pretesa di collegare il gasdotto alla trasformazione della Centrale Brindisi Sud a ciclo combinato, ipotesi anacronistica rispetto alla realtà di impianti similari in profonda crisi e ad una centrale da monitorare, sottoporre ad interventi di forte contenimento di impatto e produzione ed alla dismissione programmata.

Sarebbe interessante capire perché non si è motivatamente contestata la strategicità e la fattibilità dell’opera e si è cercato invece di scaricarla nel brindisino contro ogni approfondita valutazione tecnica e contro il comune buon senso che esclude possa essere gravato da tale opera un territorio che già subisce enormi e intollerabili danni ambientali.

In ogni caso, in attesa del giudizio di compatibilità ambientale sul sito di Melendugno-S. Foca, sia chiaro che non esiste alcuna ipotesi alternativa nel brindisino, la quale ultima, se qualcuno pensasse proditoriamente di avanzare, incontrerebbe la stessa ferma opposizione che ha avuto il terminal di rigassificazione.

Brindisi 29 aprile 2014

FORUM AMBIENTE SALUTE E SVILUPPO

5899