il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Adda' passa' a nuttata

Adda' passa' a nuttata

(29 Aprile 2011) Enzo Apicella
Oggi il matrimonio dell'erede al trono della Gran Bretagna

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Flessibili, precari, esternalizzati)

Assistenza domiciliare a Roma: anche la cooperativa sociale "conforto" in crisi economica rischia la chiusura.

(16 Febbraio 2005)

IL COMUNE DI ROMA PENSA AD UN AVVISO PUBBLICO PER TOGLIERLE L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E RIMPIAZZARLA.
IL COORDINAMENTO OPERATORI SOCIALI: "DA ANNI DENUNCIAMO LA MANCANZA DI CONTROLLI NELLE COOPERATIVE MA IL COMUNE INTERVIENE SOLO QUANDO I BUOI SONO SCAPPATI".

Poco tempo fa è stata crisi nella cooperativa Casa dei Diritti Sociali che non riusciva a pagare da mesi gli stipendi ai propri operatori. Poi è stata la volta della cooperativa Obiettivo 2000 che non riusciva a pagare i propri operatori tanto che, in massa, hanno interrotto il servizio nel VI Municipio.
Adesso a rischiare di brutto la chiusura e la perdita del servizio e la cooperativa sociale "Conforto" che da tempo non riesce nemmeno a pagare le bollette del telefono.
Una gestione amministrativa forse avventurosa probabilmente caratterizzata da molteplici vertenze di lavoro che hanno messo in ginocchio le finanze della cooperativa tanto da non riuscire più a pagare gli stipendi.
L'Assessorato alle Politiche Sociali ha chiesto un piano di risanamento al presidente che sembrerebbe non aver per niente convinto il Comune di Roma e il Municipio XII dove la cooperativa opera.
Si parla adesso di rimpiazzo tramite un avviso pubblico che dovrebbe assicurare la continuità del servizio domiciliare agli anziani e la continuità occupazionale degli operatori.
C'è tensione e ansia tra questi ultimi, ormai logorati da trattative lunghe ed estenuanti per rivendicare il loro sacrosanto diritto alla retribuzione.

In proposito il Coordinamento Cittadino Operatori sociali dichiara:

La triste vicenda della cooperativa "Conforto", giunta oramai ad una crisi quasi irreversibile con tutte le conseguenze per i cittadini utenti e lavoratori è frutto di una leggerezza degli amministratori capitolini che sono rimasti sordi e inerti a tutti i segnali d'allarme che questo coordinamento lancia da anni sui rapporti di lavoro interni a molte cooperative sociali che hanno in affidamento servizi pubblici.

15 febbraio 2005

Coordinamento Cittadino Operatori/trici Sociali
cocittos@virgilio.it

14340