il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Ercole

Ercole

(17 Giugno 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Stato e istituzioni)

La protesta operaia e popolare contro le criminali politiche dell’UE si esprima con l’astensione di massa!

(20 Maggio 2014)

La protesta operaia e popolare contro le criminali politiche dell’UE si esprima con l’astensione di massa!

Le elezioni europee sono una sceneggiata per legittimare le politiche degli oligarchi dell’alta finanza e far credere che i popoli contano qualcosa a Bruxelles.
Ci raccontano che possiamo influire sulla scelta di chi guiderà la Commissione europea. Ma è una balla, perché decideranno le multinazionali e le grandi banche, responsabili della irrisolta crisi economica.
Tutti i cacciatori di poltrone nell’inutile e costoso europarlamento sostengono programmi antipopolari, subalterni agli interessi dei monopoli capitalistici.
E’ rivoltante vedere questi “onorevoli” che parlano di crescita, promettono occupazione, conferenze sul debito, etc., quando la vita di milioni di lavoratori, di disoccupati, di giovani, di donne è sconvolta dallo sfruttamento e dalla miseria, dall’incertezza per il futuro, dalle devastazioni causate da un sistema barbaro e dal giogo degli eurotrattati.
Ma ormai il loro squallido teatrino attira sempre meno spettatori.
Sono in tanti ad aver capito che le elezioni europee servono solo a nascondere la dittatura del capitale finanziario, che la “libertà” di cui parlano è solo quella dei capitalisti, dei parassiti, dei ricchi che ci sfruttano e ci opprimono.
Esprimiamo perciò con l’astensione di massa l’indignazione e la protesta sociale contro l’UE, strumento del grande capitale contro il Lavoro.
Disertiamo collettivamente le urne, neghiamo ogni fiducia, ogni consenso ai sostenitori dell’infame sistema capitalista fondato sullo sfruttamento dell’uomo sull’uomo, delle dilaganti disuguaglianze e ingiustizie sociali.
Non lasciamoci ingannare dai radical-opportunisti, dai liberal-riformisti, dai populisti, dai reazionari e dai fascisti.
Nessuno dei candidati alle elezioni europee rappresenta gli interessi di classe presenti e futuri di noi operai, lavoratori, disoccupati e pensionati.
L’UE non potrà mai essere solidale, ecologica, equa e per il lavoro, ma solo antisociale, antidemocratica e militarista, per via della sua natura e dei suoi obiettivi imperialisti.
La sola opzione valida in queste elezioni europee è il non-voto, come scelta politica attiva e consapevole per delegittimare l’UE dell’oligarchia finanziaria, il governo padronale di Renzi e i corrotti politicanti borghesi.
Nessun voto alla UE dell’austerità, delle privatizzazioni e della disoccupazione!
Nessun voto al Fiscal compact, al pareggio di bilancio, ai diktat della Troika!
Nessun voto alla politica di guerra e alla repressione antipopolare!
Contemporaneamente dobbiamo impegnarci a lottare uniti per difendere i nostri interessi e diritti, per far pagare padroni e miliardari, per rilanciare la solidarietà internazionalista fra lavoratori e popoli oppressi, nella prospettiva della conquista del potere politico e della costruzione della società socialista.
Fuori dall’UE, dall’euro e dalla NATO!
L’alternativa non è elettorale, ma rivoluzionaria!
Unitevi al nostro lavoro per ridare al proletariato un forte e combattivo Partito comunista!

20 maggio 2014

Piattaforma Comunista

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «il polo imperialista europeo alla prova del voto»

Ultime notizie dell'autore «Piattaforma Comunista»

5968