il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Cantiere Italia

Cantiere Italia

(17 Novembre 2010) Enzo Apicella
Presentato il report Inail: gli omicidi sul lavoro nel 2009 sono stati 1021

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Di lavoro si muore)

I minatori turchi di Soma uccisi per il profitto

(25 Maggio 2014)

minaturchi

Non è ancora chiaro quanti lavoratori siano stati uccisi nel disastro minerario di Soma - Manisa nella Turchia occidentale . Nel momento in cui scriviamo il bilancio ufficiale delle vittime si attesta a 304, ma gli operai in città affermano che le autorità mentono sui numeri e i morti sarebbero molti di più. Ciò che è chiaro è che non è vero, come sostiene il primo ministro Erdogan, che “questo tipi di incidenti sono cose ordinarie”. Negli istanti successivi a questi terribili eventi Erdogan ha fatto il suo show pretendendo di avere grande conoscenza della storia dei disastri nell'industria mineraria, partendo dal Northumberland nel Regno Unito, e ponendo un accento particolare sugli incidenti avvenuti negli Stati Uniti, un paese che ha, per citare ancora Erdogan “ogni tipo di tecnologia”. L’idea che si vuol far passare è che queste cose semplicemente accadono, accadono ovunque e non possono essere evitate.

Ma non è così. Gli incidenti sono endemici nella produzione di carbone a causa della ricerca del massimo profitto. L'industria mineraria turca si è sempre distinta in negativo per il suo tasso di infortuni e di mortalità e questo fin dal momento della privatizzazione nel 1984. Alp Gürkan , l’A.D. di Soma Mining Inc., proprietaria della miniera, questa settimana diceva: “Abbiamo investito i nostri guadagni per migliorare le condizioni di lavoro al fine di evitare possibili incidenti”. Ma, non molto tempo fa, si vantava nei media del fatto che, prima che la sua azienda comprasse la miniera di Soma, il costo a prodotto era di 130-140$ mentre ora è di 23,80$. Questo “grazie ai metodi di produzione dell’industria privata” che hanno incluso tagli alle misure di sicurezza, una molto contestata precarizzazione della forza lavoro e l'acquisto di attrezzature più economiche di produzione locale (come i trasformatori) che in precedenza erano importati. Secondo i primi rapporti, è stata proprio l'esplosione di un trasformatore a scatenare una reazione a catena che ha generato i gas soffocanti che hanno riempito la miniera.

L’industria mineraria turca vanta un record di sicurezza assolutamente terribile. L'industria del carbone conta più del 10% degli incidenti industriali, con 13.000 minatori coinvolti in incidenti nello scorso anno. A partire dal 2000, 1.308 persone sono morte in incidenti in miniere di carbone prima di questo ultimo evento. Questo fa della Turchia il paese con il più alto numero di decessi minerari al mondo dopo la Cina. Ma i numeri assoluti sono ingannevoli e, se si esaminano i dettagli, la Turchia ha un tasso di mortalità di 7,22 lavoratori per milione di tonnellate di carbone rispetto all’1,27 in Cina e allo 0,02 degli Stati Uniti. Ciò significa in realtà che i lavoratori hanno quasi sei volte più probabilità di morire in una miniera di carbone turca piuttosto che in una cinese e 361 volte più probabilità rispetto ai minatori statunitensi.

Detto questo, non sorprende che sia stata accolta con rabbia e sdegno dai minatori di Soma l'affermazione di Erdogan che “esplosioni come questa in questo tipo di miniere accadono in ogni momento e non è che non succedano altrove nel mondo”. Erdoğan ha proclamato che ci sarebbero stati tre giorni di “lutto nazionale”, ma per i lavoratori di Soma questo ha significato essere attaccati con cannoni ad acqua e gas lacrimogeno. Il governo ha inoltre aggiunto un tocco personale a tutto questo, con un funzionario dell'ufficio del primo ministro, Yusuf Yerkel, che è stato fotografato mentre prendeva a calci un parente di un minatore morto, e con lo stesso primo ministro che si segnala abbia percosso qualcuno. Gli uffici in città del partito AKP (partito al governo) sono stati distrutti.

Non sono stati solo i lavoratori di Soma a essere molto chiari su dove stia la responsabilità del disastro. In tutto il paese si sono diffuse rapidamente dimostrazioni, e in ognuna di queste apparivano striscioni che sostenevano non trattarsi di un incidente, ma di omicidio e che il governo ne era il responsabile. Le dimostrazioni hanno avuto luogo quasi subito in tutto il paese. Mercoledì sera un gran numero di persone sono state affrontate dalla polizia con idranti e gas in piazza Taksim, la scena dei movimenti di protesta degli ultimi anni, così come ad Ankara, Izmir e altre grandi città.

Il giovedì seguente c’è stato uno sciopero generale di un giorno indetto dai sindacati di sinistra, DISK, KESK , TMMOB , TTB e TDB. La principale confederazione sindacale Türk–Is ha indetto uno sciopero di tre minuti. In risposta, lavoratori rabbiosi e studenti di Ankara hanno attaccato e occupato i loro uffici. Lo sciopero sembra essere stato il più grande sciopero generale in Turchia da decenni. Di solito gli scioperi generali tendono a coinvolgere circa mezzo milione di lavoratori aderenti a questi sindacati di sinistra. Questi invece sono andati ben oltre, con centinaia di migliaia di operai, provenienti anche da luoghi in cui la DISK non è presente, che si sono uniti allo sciopero e alle proteste, e non solo per tre minuti. Tra gli scioperanti c’erano lavoratori della famigerata zona cantieristica di Tuzla, dove oltre 200 lavoratori sono morti in incidenti sul lavoro negli ultimi tre decenni.

Il governo non sembra essere intenzionato ad adottare un atteggiamento conciliante con gli scioperanti, a circa 10.000 minatori di carbone della provincia di Zonguldak, sul Mar Nero, sono stati trattenuti due giorni di paga nonostante abbiano scioperato solo un giorno. Incidenti come questo sembrano destinati ad accrescere l’antagonismo dei lavoratori e alcune dimostrazioni sono continuate anche il giorno successivo allo sciopero. Tutto questo, due settimane prima dell'anniversario dell'inizio delle proteste di Gezi, fa pensare che ci potrebbero essere altre lotte in risposta a questi omicidi e alla brutalità dello stato che li ha accompagnati.


Sabato, May 24, 2014

GK - Partito Comunista Internazionalista

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Di lavoro si muore»

Ultime notizie dell'autore «Battaglia Comunista»

7668