il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

La bufala della lapidazione

bufalapidazione

(20 Settembre 2010) Enzo Apicella
Il presidente iraniano Ahmadinejad: Sakineh non è mai stata condannata alla lapidazione, il "caso" è una montatura giornalistica del governo USA

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

In Sudafrica continua la lotta dei minatori contro governo padroni e sindacati di regime

(1 Giugno 2014)

Nel silenzio della stampa borghese è in corso in Sudafrica il più lungo sciopero nella storia della classe operaia in quel paese. Ottantamila minatori sono scesi in lotta nella cintura del platino, un’area che si estende dalla provincia di Nord-Ovest, dove operano le tre maggiori compagnie mondiali – la Anglo American Platinum, l’Impala Platinum e la Lonmin, che in Sud Africa estraggono l’80% del platino di tutto il mondo – alla provincia di Limpopo, dove opera la Northam, altra compagnia mineraria, nei pressi della omonima città.

amcusudafrica

Lo sciopero è iniziato il 23 gennaio e continua senza interruzioni da quasi quattro mesi. La mobilitazione è diretta ed organizzata dalla AMCU, la Association of Mineworkers and Costruction Union, il sindacato nato nel 1998 da una scissione dal NUM, la National Union of Mineworkers, federazione affiliata al COSATU, la storica confederazione sindacale sudafricana.

Con la fine dell’apartheid, il COSATU, conseguentemente al suo indirizzo politico riformista che persegue l’intento, impossibile, di conciliare le esigenze del Capitale coi bisogni della classe lavoratrice, è divenuto uno dei pilastri del capitalismo, garantendo la moderazione delle rivendicazioni operaie. Un sindacato di regime come la Cgil in Italia.

Il Sudafrica è un grande paese modernamente agricolo ed industriale che da solo produce un terzo della ricchezza del continente. Nelle miniere impiega 500.000 lavoratori diretti, cui se ne aggiungono altrettanti indiretti. Per questa loro alta concentrazione, e per le durissime condizioni di lavoro, i minatori sono la categoria operaia più combattiva del paese. Per questo sono stati i primi a riconoscere la natura filo-borghese del NUM e di tutto il COSATU.

Nel 2009 il presidente del NUM, Piet Matosa, intervenuto alla Impala Platinum Holdings Ltd., la più grande miniera di platino al mondo, nel tentativo di fermare uno sciopero fu cacciato con lanci di pietre. A maggio 2011, nella miniera di Karee, i minatori scioperarono, non contro l’azienda, ma contro la direzione regionale del NUM che aveva sospeso i capi del sindacato in miniera. La AMCU divenne così il primo sindacato in quella miniera. A gennaio 2012, 4.300 trivellatori scioperarono alla Impala Platinum contro un accordo firmato dal NUM, che prevedeva un aumento salariale solo per i livelli più alti. I trivellatori chiedevano un aumento che portasse il salario netto a 9.000 Rand. Il NUM li accusò di impedire agli altri di andare a lavorare.

La lotta che ha segnato la svolta decisiva nei rapporti fra i proletari nelle miniere di platino, il NUM e l’AMCU è stata quella dell’agosto successivo. I trivellatori della miniera della Lonmin di Marikana scesero in sciopero rivendicando un salario base di 12.500 Rand. Il NUM, che insieme alle compagnie minerarie definì la rivendicazione “insostenibile”, fece aperta opera di crumiraggio e negli scontri fra i suoi uomini e gli scioperanti già nei primi tre giorni di sciopero si contarono dieci vittime. Il sesto giorno di sciopero, il 16 agosto, la polizia aprì il fuoco con le mitragliatrici uccidendo 34 lavoratori. Una strage che dimostra la continuità borghese del regime post-apartheid con quello precedente: un Governo nero con una polizia nera che reprime le masse operaie nere. La differenza è che il democratico Sudafrica non può più nascondere l’oppressione di classe sotto la specie della discriminazione razziale.

Nonostante quello che da allora è ricordato come il “massacro di Marikana” lo sciopero è proseguito per altre quattro settimane, estendendosi ad altre miniere, e non solo di platino. Il 18 settembre i minatori della Lonmin di Marikana accettavano un aumento del 22% che portava il salario intorno ai 5.500 Rand (485 USD). Questo risultato, per altro sarà concesso dalla compagnia solo parzialmente, era lontano da quanto rivendicato, ma il coraggio e la determinazione dimostrati dai minatori erano stati tali che non sarebbero andati dispersi per la parzialità del risultato. Come spiega il Manifesto del Partito Comunista del 1848, il risultato maggiore della lotta non è quello economico contingente ma la rafforzata unione ed organizzazione dei proletari.

Per il NUM invece è stata la fine nelle miniere di platino. L’AMCU è divenuto il primo sindacato nelle miniere della Amplats (60%), della Impala e della Lonmin (66%).

Il 2013, dagli scioperi di maggio alla Lonmin e di settembre alla Amplats, entrambi guidati dall’AMCU, è stato segnato da uno stillicidio di vittime nell’area di Marikana nello scontro fra membri del NUM e quelli dell’AMCU.

Il 23 gennaio, un anno e quattro mesi dopo il massacro di Marikana, i minatori sono scesi in sciopero per lo stesso obiettivo di allora: un salario base di 12.500 Rand. Le compagnie minerarie, che inizialmente hanno accettato di dialogare con l’AMCU, verificata la fermezza di questo sindacato nel rigettare le loro ridicole offerte, hanno chiuso ogni trattativa. Il 29 aprile, migliaia di minatori, riuniti nel Wonderkop Stadium di Marikana dall’AMCU, hanno rigettato l’ultima offerta delle compagnie.

Il NUM e tutto il COSATU si sono apertamente schierati contro lo sciopero e organizzano il crumiraggio. Il Primo Maggio, alla manifestazione del COSATU nell’Olympia Park Stadium di Rustemberg, 30 chilometri a est di Marikana, il presidente del NUM ha dichiarato: «Ci appelliamo a tutti i lavoratori affinché tornino al lavoro; questo sciopero è contro l’economia del nostro paese».

Come abbiamo scritto più volte in questi ultimi anni è tutta la classe lavoratrice in Sudafrica a essere in movimento. La crescita degli scioperi, guidata dai minatori del platino, con la crisi del NUM nel settore, si è riflessa all’interno del COSATU. A dicembre il NUMSA, la National Union of Metalworkers of South Africa, sua principale federazione, nonché primo sindacato del paese con 330.000 iscritti, metalmeccanici e di altre categorie, ha preso posizione contro l’attuale dirigenza del COSATU, accusandola di condurre un’azione filo-padronale, chiedendo un congresso straordinario e dichiarando che alle elezioni generali del 7 maggio per eleggere l’assemblea nazionale non avrebbe più appoggiato, come fatto invece sinora, l’African National Congress (ANC), che dal 1994, con la fine dell’apartheid, è il principale partito del governo borghese. La dirigenza del COSATU ha attaccato quella del NUMSA accusandola fra l’altro, di finanziare l’AMCU e di lavorare con questo sindacato alla distruzione del NUM.

Il borghese governo sudafricano si regge su una triplice alleanza formata dall’ANC, dal COSATU e dal South African Communist Party (SAPC), stalinista e che col comunismo non ha nulla che fare.

L’AMCU è accusata di essere un’organizzazione sindacale “anti-comunista”, per la sua ostilità ai partiti di governo, fra cui appunto il SACP. La dirigenza dell’AMCU definisce il sindacato “apolitico”, ma di fatto sta guidando il più grande lungo sciopero nella storia del paese. Ciò non significa che l’AMCU abbia una direzione comunista. Alla radicalità della lotta che dirige la dirigenza dell’AMCU contrappone dichiarazioni di rispetto verso l’economia nazionale, la legge e l’ordinamento politico democratico, cioè borghese. Questi principi vanno contro l’effettiva azione pratica del sindacato: anche se il suo presidente Mathunjwa, replicando alle accuse degli avversari, cerca di negarlo, lo sciopero danneggia l’economia nazionale, cioè il capitalismo, nazionale ed internazionale. Inoltre non può essere condotto, per essere vincente, che con mezzi anche extra-legali, intimidatori e violenti, per spezzare il crumiraggio organizzato dal NUM e dalle aziende e respingere la repressione delle forze armate statali, mirate a spezzare lo sciopero. Presto o tardi, se non saranno rigettati i principi borghesi – la legalità democratica, la difesa dell’economia nazionale, il pacifismo sociale – per abbracciare quelli comunisti, coerenti con la realtà e conseguenti con gli interessi del proletariato, sarà l’azione sindacale dell’AMCU a piegarsi ad essi, seguendo il sentiero già percorso da tanti sindacati, in Sudafrica come in tutto il mondo, guidati dalle correnti politiche riformiste.

La lotta sindacale, condotta in modo coerente e conseguente, conduce alla mobilitazione sempre più estesa ed unitaria della classe lavoratrice, inevitabilmente colpendo duramente l’economia capitalista e conducendo allo scontro fra la classe salariata e la macchina che gestisce gli interessi complessivi della classe dominante, lo Stato capitalista. Da lotta economica diviene lotta politica, portando i lavoratori, partiti inizialmente dalle loro esigenze economiche immediate, ad affrontare la questione della rivoluzione, cioè della conquista del potere. Se, dichiarando il sindacato apolitico, si vuole evitare questo esito obbligato della lotta di classe, si agisce nulla più che in senso politico borghese, ossia in favore della conservazione del capitalismo, e lo si fa ponendo un freno all’estensione e all’unificazione degli scioperi e della classe proletaria.

Gli 80.000 minatori in sciopero da gennaio sino ad oggi sono stati lasciati isolati dal resto della classe operaia. Il NUM e tutto il COSATU hanno lavorato in tal senso. La condotta del NUMSA è ambigua: nella raffineria e nella fonderia della miniera della Anglo American Platinum (Amplats), dove gli operai non erano ancora entrati in sciopero al fianco dei minatori, il 2 febbraio ha iniziato uno sciopero di 1.800 lavoratori, non impugnando però la rivendicazione dell’AMCU di un salario base di 12.500 Rand ma richiedendo un aumento inferiore. Il 17 marzo ha indetto uno sciopero generale della categoria ma per rivendicazioni ancora estranee a quella dei minatori in lotta. Tre giorni dopo, il 20 marzo, il NUMSA si è accordato per un aumento salariale nella raffineria e nella fonderia della Amplats fermando lo sciopero. Nei primi di aprile in un comunicato dichiarava che a causa della lunghezza dello sciopero un numero imprecisato di minatori stava abbandonando l’ACMU per iscriversi non al NUM ma al NUMSA.

Solo un piccolo sindacato che inquadra principalmente braccianti, il CSAAWU (Commercial, Stevedoring, Agricultural and Allied Workers Union), ha preso apertamente le parti dei minatori in sciopero, raccogliendo fondi per sostenerli, ma non sembra avere la forza per estendere lo sciopero nella categoria dei suoi organizzati.

L’AMCU maggioritaria nelle miniere di platino, è minoritaria in quelle d’oro e di carbone, dove il NUM conserva la posizione di forza. A gennaio uno sciopero pianificato nelle miniere d’oro Anglo Gold Ashanti, Harmony e Sibanye è stato fermato dalla Corte del Lavoro. L’AMCU non sembra quindi avere la forza per violare l’ordine del Tribunale in queste miniere e lanciare uno sciopero non protetto, come quello nella cintura del platino.

Lo sciopero sembra giunto, mentre scriviamo, a uno svolto cruciale. A fine aprile la sede di Marikana dell’ANC è stata assalita e data alle fiamme. La presenza nell’area del presidente della repubblica Zuma, in vista delle elezioni, confermata fino all’ultimo, per dimostrare che non esistono aree del paese in cui non possa non andare, è stata infine annullata. Il capo provinciale dell’ANC ha dichiarato che la decisione è stata presa per non favorire “gli anarchici e le loro iniziative”. Il 5 maggio Zuma per la prima volta dall’inizio della lotta è intervenuto direttamente sulla questione, condannando lo sciopero. Il 7 maggio si sono svolte le elezioni che hanno confermato la coalizione governativa ANC-SACP.

Chiusosi il democratico baraccone elettorale, utile alla borghesia per illudere i lavoratori di non essere sottoposti alla dittatura del capitale, il fronte antiproletario composto da Governo, Stato e sindacati borghesi è passato all’attacco. Le compagnie minerarie del platino hanno inviato messaggi telefonici ai minatori nei quali chiedono a ciascun di loro se accetta o meno l’accordo salariale rigettato dall’AMCU. Un modo per aggirare il sindacato trattando individualmente coi lavoratori e poi, giustificati dall’arma ideologica della consultazione democratica, meglio organizzare il crumiraggio. L’intento dichiarato dalle compagnie, e auspicato dal NUM, era veder tornare al lavoro la maggioranza dei minatori il 14 maggio. Una guerra di propaganda da un lato, ma utile anche a preparare una nuova azione repressiva. In vista di quella data il ministro dell’interno ha inviato rinforzi ai contingenti di polizia già presenti per sorvegliare le vie di accesso alle miniere, naturalmente per difendere il diritto al lavoro.

L’AMCU non si è piegata. Ha esortato i lavoratori a non farsi intimidire e ha organizzato manifestazioni per bloccare le vie di accesso alle miniere. Ne sono già risultati i primi scontri con le forze di polizia, con feriti e arresti. Il 14 maggio migliaia di minatori hanno nuovamente riempito il Wonderkop Stadium di Marikana, dando una grande prova di forza.

Il NUMSA ha dichiarato di prendere in considerazione la possibilità di indire uno sciopero in solidarietà coi minatori a fronte dell’accresciuta tensione. Ma di volerlo prima proporre al Comitato centrale del COSATU. Una mossa che appare quindi più che altro propagandistica.

È chiaro che in gioco non ci sono solo i profitti dei tre grandi produttori di platino ma quelli di tutta la borghesia nazionale. Se lo sciopero vincesse seguirebbero a ruota scioperi nelle miniere di carbone, d’oro, di diamanti e poi oltre nelle altre categorie per ottenere lo stesso risultato. La borghesia e il suo regime lo sanno bene e si muovono unitariamente contro questo settore isolato del proletariato per schiacciarlo. A non avere ancora una adeguata direzione sono i lavoratori che se si muovessero insieme invece che divisi a gruppi otterrebbero una sicura vittoria.

I 34 martiri di Marikana non hanno piegato i minatori, ne hanno temprato la volontà e la determinazione. Già oggi questi proletari non esiterebbero a lanciarsi alla conquista rivoluzionaria del potere per abbattere il capitalismo. Non è il coraggio che manca loro, ma il partito politico che li indirizzi in questa direzione, che prenda il controllo delle organizzazioni sindacali così da unire le lotte operaie in un unico potente movimento di tutta la classe dei lavoratori salariati, occupati e disoccupati, che li faccia uscire dal ghetto dell’azienda, della categoria e anche da quello della nazione, unendo questi eroici combattenti del proletariato mondiale ai loro fratelli di classe rivoluzionari di tutto il mondo.

PARTITO COMUNISTA INTERNAZIONALE

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Scenari africani»

Ultime notizie dell'autore «Partito Comunista Internazionale»

7959